Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, come si redige l’APE
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus 110%, come si redige l’APE
PROGETTAZIONE

Progettazione, quando beneficia dell’Iva al 10%

di Paola Mammarella

L’Agenzia delle Entrate spiega la differenza tra attività di progettazione collegata o slegata dalla costruzione dell’edificio

Vedi Aggiornamento del 27/01/2021
Commenti 9080
Foto: dolgachov©123RF.com
25/01/2021 – Solo in alcuni casi alle attività di progettazione si può applicare l’aliquota Iva agevolata al 10%. L’Agenzia delle Entrate, con la risposta 53/2021, ha spiegato che, per determinare in modo corretto l’aliquota dell’imposta, bisogna valutare se l’attività è collegata a quella di costruzione oppure se è autonoma.
 
L’attività di progettazione è collegata a quella di costruzione se rientrante nello stesso contratto di appalto. Se, invece, per la progettazione e la costruzione si stipulano contratti differenti, allora si dice che la progettazione è autonoma.
 

Progettazione e aliquota Iva, il caso

Nel caso esaminato, un ente pubblico non economico di ricerca scientifica, rientrante in un programma finanziato dall’Unione Europea, intendeva ampliare gli spazi destinati ai lavoratori costruendo un nuovo complesso edilizio.
 
La nuova struttura, oltre alle attività di ricerca, avrebbe ospitato corsi universitari. Nel 2017 aveva quindi posto all’Agenzia delle Entrate un’istanza di interpello per sapere se la nuova costruzione potesse qualificarsi come edificio scolastico. In caso affermativo, alle attività di costruzione sarebbe stata applicata l’Iva al 10%. Nel 2018 l’Agenzia delle Entrate aveva chiarito che la costruzione dell’edificio poteva essere agevolata con il pagamento dell’Iva ridotta.

Mentre il progetto di fattibilità tecnica ed economica era stato redatto dai tecnici dell’Ente, in collaborazione con il Dipartimento di Architettura, la progettazione nei successivi livelli di approfondimento definitivo ed esecutivo era stata affidata ad un consorzio che si era aggiudicato la gara per l'affidamento dell'incarico dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria, appositamente bandita.
 
Secondo l’ente, dato che la costruzione dell’edificio avrebbe beneficiato dell’Iva agevolata al 10%, anche le attività di progettazione avrebbero dovuto usufruire dell’aliquota ridotta. Per avvalorare la sua tesi, l’Ente aveva richiamato una risoluzione del 1999 e una del 2008.
 

Progettazione, Iva ridotta se collegata alla costruzione

L’Agenzia delle Entrate ha dato un’interpretazione diversa. Il Fisco ha sottolineato che le risoluzioni del 1999 e del 2008 hanno affermato che la progettazione può beneficiare dell’Iva agevolata solo se rientrante in un unico contratto di appalto, insieme alla costruzione dell’opera.
 
Se, invece, i servizi di progettazione sono resi autonomamente, sulla base di un contratto separato, devono pagare l’Iva ordinaria al 22%.
 
Dal momento che la progettazione e i lavori erano stati affidati con due contratti di appalto distinti, l’Agenzia ha concluso alla progettazione non potesse essere riconosciuta l’Iva ridotta.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui