Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
RISTRUTTURAZIONE Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
LAVORI PUBBLICI

Durc, esclusione dalle gare anche per irregolarità minime

di Paola Mammarella

Consiglio di Stato: la regolarità deve sussistere dal momento della partecipazione e per tutta la durata del contratto

Commenti 4518
Foto: Dmitry Kalinovsky©123RF.com
16/03/2021 – Le irregolarità contributive, anche minime, comportano l’esclusione automatica delle imprese dalle gare d’appalto. Sono inutili le regolarizzazioni successive. Lo ha ribadito il Consiglio di Stato con la sentenza 849/2021.
 

Durc irregolare, il caso

Un’impresa aveva partecipato ad una gara per la manutenzione di un impianto, ma era stata esclusa perché non risultava in regola con il pagamento dei contributi previdenziali. Il debito contributivo ammontava a 295 euro.
 
L’impresa aveva presentato ricorso perché, a suo avviso, si trattava di una irregolarità minima e la Stazione Appaltante avrebbe dovuto attendere la procedura di regolarizzazione.
 

Durc, irregolarità minime fanno scattare l’esclusione

Sia il Tar in primo grado sia il Consiglio di Stato in seconda battuta hanno respinto il ricorso dell’impresa.
 
I giudici hanno spiegato che, in base alla giurisprudenza consolidata, l’irregolarità contributiva fa sempre scattare, in modo automatico e vincolato, l’esclusione dalla gara, a prescindere dall’entità dell’irregolarità.
 
Il CdS ha aggiunto che non può essere presa in considerazione la regolarizzazione tardiva perché l’impresa deve risultare in regola con l’assolvimento dei contributi previdenziali fin dalla presentazione dell’offerta e conservare tale regolarità per tutta la durata della procedura di aggiudicazione e del rapporto con la Stazione Appaltante.
 
Sull’argomento si è espressa anche la Corte di Giustizia dell’Unione Europea. I giudici comunitari hanno considerato legittima la norma italiana, che prevede l’esclusione anche nel caso in cui la violazione degli obblighi previdenziali, esistente al momento della partecipazione alla gara, risulti sanata al momento dell’aggiudicazione o della verifica da parte della Stazione Appaltante.

Sulla base di questi motivi, il Consiglio di Stato ha confermato l'esclusione dell'impresa, nonostante l'irregolarità fosse minima.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui