Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus e bonus ristrutturazioni, cosa accade se cambia la destinazione d’uso dell’immobile
RISTRUTTURAZIONE Ecobonus e bonus ristrutturazioni, cosa accade se cambia la destinazione d’uso dell’immobile
MERCATI

Superbonus, Confartigianato: oltre metà degli interventi subisce ritardi burocratici

di Rossella Calabrese

Pesano la mancata risposta degli uffici pubblici e la complessità delle procedure. A rischio la ripresa iniziata nella seconda metà del 2020

Foto: Zakhar Marunov © 123rf.com
04/03/2021 - Il 23% delle micro e piccole imprese edili ha rilevato, dai primi contatti e preventivi, l’intenzione dei propri potenziali clienti di fruire del superbonus. Ma oltre metà di esse segnala che l’inizio dei lavori viene ritardato da problemi burocratici mentre il 42,5% lamenta la mancata risposta di uffici comunali e pubbliche amministrazioni.
 
Sono alcuni dei risultati dell’analisi dei dati congiunturali delle costruzioni condotta da Confartigianato e riportati nel 11° report Covid-19, pubblicato nei giorni scorsi. La ricerca evidenzia una ripresa nella seconda parte del 2020, nella quale il trend dell’attività dell’edilizia è tornato in territorio positivo, dopo una primavera difficile.
 
Tra giugno e dicembre 2020 la produzione nelle costruzioni è aumentata del 3,6%, in linea con il +4,1% della Germania, a differenza di altri Paesi nei quali è perdurata una fase ciclica negativa: Francia (-5,8%) e Spagna (-8,8%). Il bilancio dell’anno della pandemia rimane pesante, con un calo del 7,6% della produzione nel 2020.
 
Sulla domanda, nel secondo semestre del 2020, ha influito una elevata propensione delle famiglie ad effettuare manutenzione straordinaria della abitazione e l’introduzione del superbonus 110%, ma la burocrazia potrebbe ridurre l’efficacia anticiclica dell’incentivo fiscale.
 
 

Superbonus 110% frenato dalla burocrazia

I risultati della survey, condotta su oltre 2.400 micro e piccole imprese, in collaborazione con l’Osservatorio MPI di Confartigianato Lombardia, evidenziano che il 23% delle micro e piccole imprese delle costruzioni ha già ricevuto segnali di mercato di utilizzo del superbonus, dai primi contatti e preventivi, fino all’inizio lavori.
 
Tra queste, il 52,3% segnala il ritardato inizio delle attività a causa di problemi burocratici, legati a sanatorie ad esempio, e il 42,5% indica la mancata risposta di uffici comunali e pubbliche amministrazioni.
 
La quota di imprese che segnalano la mancata risposta degli uffici pubblici nei comuni con oltre 10 mila abitanti è del 71,6%, doppia rispetto al 36,9% rilevato nei comuni più piccoli, con meno di 10 mila abitanti.
 
A fronte di una ampia diffusione del lavoro a distanza della PA durante la pandemia (oltre il 30%), una carente organizzazione dei flussi di comunicazioni telefoniche e di e-mail può generare difficoltà insostenibili nell’ottenere risposte dagli uffici pubblici, ancor più necessarie a fronte di interventi complessi, come quelli incentivati dal superbonus.
 
Infine, l’indagine evidenzia la presenza di diffuse difficoltà, rilevate nel 47,8% dei casi, nella gestione dell’asseverazione e del visto di conformità.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui