Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Recovery Plan, i Sindaci a Draghi: ‘servono finanziamenti diretti, iter rapidi e personale’
LAVORI PUBBLICI Recovery Plan, i Sindaci a Draghi: ‘servono finanziamenti diretti, iter rapidi e personale’
NORMATIVA

Bonus ristrutturazioni, come si trasferisce agli eredi

di Rossella Calabrese

L’Agenzia delle Entrate torna sulle regole per fruire della detrazione per i lavori su un immobile ereditato

Vedi Aggiornamento del 15/04/2021
Commenti 5369
Foto: Mariusz Blach 123rf.com
04/03/2021 - Le spese per la ristrutturazione dell’abitazione principale di una persona deceduta possono essere portate in detrazione dagli eredi? Se sì, a quali condizioni?
 
A questa domanda l’Agenzia delle Entrate risponde che, in caso di decesso del contribuente che non ha potuto usufruire in tutto o in parte della detrazione delle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, le quote residue di detrazione si trasferiscono per intero esclusivamente all’erede o agli eredi (in parti uguali) che conservano la “detenzione materiale e diretta dell’immobile”.
 
In pratica - spiega l’Agenzia -, l’agevolazione spetta agli eredi che possono disporre dell’immobile, anche se non lo utilizzano come propria abitazione principale.
 


Bonus ristrutturazioni, come si trasferisce agli eredi

La condizione della detenzione del bene - aggiunge - deve sussistere non solo per l’anno di accettazione dell’eredità ma anche per ciascun anno per il quale si vuole usufruire della rata di detrazione. Se, per esempio, l’erede concede in comodato o in locazione l’immobile ereditato che deteneva, egli non può usufruire delle rate di detrazione di competenza degli anni in cui non ha più la detenzione materiale e diretta del bene. Al termine del contratto di comodato o di locazione potrà beneficiare delle eventuali rate residue di competenza.
 
Inoltre - precisa l’Agenzia -, la detenzione materiale e diretta dell’immobile oggetto degli interventi deve sussistere per l’intera durata del periodo d’imposta di riferimento. In sostanza, nel caso in cui l’immobile pervenuto in eredità sia locato o concesso in comodato solo per una parte dell’anno, l’erede non potrà usufruire della quota di detrazione riferita a tale annualità.
 
infine, l’Agenzia ricorda che quando ci sono più eredi, ma solo uno di loro abita l’immobile ereditato, la detrazione spetta per intero a quest’ultimo, poiché gli altri non hanno la disponibilità.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui