Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
RISTRUTTURAZIONE Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
PROFESSIONE

Professionisti, nuove opportunità in arrivo con la riforma della PA

di Paola Mammarella

Allo studio del Governo forme di reclutamento e collaborazioni con Università, Ordini professionali e settore privato

Vedi Aggiornamento del 16/04/2021
Commenti 14062
Foto: www.governo.it
11/03/2021 - Un nuovo alfabeto per la Pubblica Amministrazione. Questo obiettivo, spiegato dal Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, durante un’audizione davanti alle Commissioni riunite Affari costituzionali e Lavoro di Camera e Senato, è stato sollecitato dalla Commissione Europea per spendere le risorse del Recovery Plan e potrebbe tradursi in nuove opportunità per i professionisti.
 

PNRR e nuovo alfabeto per la Pubblica Amministrazione

Per accedere alle risorse del Recovery Fund, il Governo Draghi sta mettendo a punto un nuovo Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che utilizza come punto di partenza i contenuti proposti dal Governo Conte, ma, secondo le intenzioni annunciate da Brunetta, ha l’ambizione di agire strutturalmente su nodi, inefficienze e colli di bottiglia e di non essere solo un piano di investimenti.
 
La riforma della Pubblica Amministrazione sarà uno dei passi fondamentali per giungere ad un PNRR efficiente e facilmente attuabile. Per questo, la Pubblica Amministrazione poggerà su un nuovo alfabeto: A come accesso, B come buona amministrazione (capitolo in cui si metterà mano al Decreto Semplificazioni per far partire i cantieri), C come capitale umano, D come digitalizzazione.
 

Riforma Pubblica Amministrazione, le opportunità per i tecnici

Per consentire la transizione digitale ed ecologica, sarà necessario immettere nella PA nuovi profili, tra cui ingegneri, architetti, geologi, chimici, statistici, esperti di project management, pianificazione, progettazione e controllo.
 
Perché ciò avvenga, secondo Brunetta si dovrà abbandonare il modello dei concorsi centralizzati, con graduatorie a scorrimento e durate pluriennali, per passare a procedure di selezione digitali su un portale unico per il reclutamento.
 
Il Governo pensa a percorsi ad-hoc per selezionare i migliori laureati, i profili con le più alte qualifiche e favorire l’accesso di persone che lavorano nel privato più qualificato, in organizzazioni internazionali, in università straniere o presso soggetti pubblici e privati all’estero.
 
Per realizzare gli investimenti del PNRR, il Governo intende inoltre creare dei meccanismi di selezione specifici per ricercare sul mercato le migliori professionalità tecniche e creare cluster di persone o società da far dialogare stabilmente con la PA.
 
Per raggiungere questi obiettivi, saranno introdotte forme di collaborazione con università, ordini professionali e settore privato in modo da costruire una capacità tecnica interna alla PA.
 

Riforma PA: firmato il Patto per l’innovazione del lavoro pubblico

Il processo di riforma della Pubblica Amministrazione è iniziato ieri con la firma del “Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale”, siglato a Palazzo Chigi dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, dal Ministro Brunetta e dai segretari generali dei sindacati Cgil, Cisl e Uil.
 
Il patto prevede la flessibilità organizzativa delle PA e un processo di rinnovamento del lavoro, dell’organizzazione e della tecnologia. Ad ogni pubblico dipendente è riconosciuto il diritto/dovere della formazione continua e nel contratto viene prevista la disciplina del lavoro agile.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui