Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
RISTRUTTURAZIONE

Bonus ristrutturazioni anche per gli immobili in corso di definizione

di Paola Mammarella

Agenzia delle Entrate: come le unità immobiliari collabenti, sono esistenti e beneficiano della detrazione fiscale

Vedi Aggiornamento del 12/05/2021
Commenti 44937
Foto: Bogdan Mircea Hoda©123RF.com
15/04/2021 – Gli immobili in corso di definizione, censiti nella categoria catastale F/4, possono ottenere il bonus ristrutturazioni. Lo ha chiarito l’Agenzia delle entrate con la risposta 241/2021.
 
Per ottenere la detrazione, è necessario che si tratti di un immobile residenziale e che gli interventi eseguiti siano classificabili come recupero o ristrutturazione, come previsto dalle norme che regolano l’agevolazione.
 

Bonus ristrutturazioni, il caso

Un contribuente ha acquistato una porzione di fabbricato censita nella categoria F/4 (immobili in corso di definizione). Originariamente, il fabbricato era censito nella categoria catastale D/2 (alberghi e pensioni).
 
L’immobile acquistato sarebbe stato ristrutturato e, dopo i lavori, accatastato nella categoria catastale A/2 (abitazioni di tipo civile).
 
Il contribuente ha quindi chiesto all’Agenzia se potesse usufruire del bonus ristrutturazioni sui lavori in programma.
 

Bonus ristrutturazioni per le unità immobiliari F/4

L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che, per ottenere il bonus ristrutturazioni, gli interventi devono essere eseguiti su edifici esistenti e non devono realizzare una nuova costruzione. Gli interventi devono inoltre essere qualificati come manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia ai sensi delle lettere b), c), e d) dell'articolo 3 del Testo Unico dell’edilizia (DPR 380/2001).
 
La categoria catastale F/4, ha sottolineato l’Agenzia, rientra tra le categorie fittizie, istituite per identificare immobili cui non è attribuita alcuna rendita catastale e che non costituiscono unità immobiliari.
 
Appartengono alle categorie fittizie gli immobili collabenti (F/2), per i quali l’Agenzia, con la circolare 19/E/2020, ha precisato che possono ottenere le detrazioni. Gli immobili collabenti, infatti, pur essendo totalmente o parzialmente inagibili e non produttivi di reddito, possono essere considerati come edifici esistenti, trattandosi di manufatti già costruiti e individuati catastalmente.
 
L’Agenzia è arrivata ad una conclusione analoga per gli immobili in corso di definizione (F/4) e ha ribadito che, per ottenere la detrazione fiscale, è necessario il cambio della destinazione d’uso in residenziale.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati