Network
Pubblica i tuoi prodotti
I sindacati degli edili: ‘appalti buoni o sciopero!’

I sindacati degli edili: ‘appalti buoni o sciopero!’

Fillea Filca Feneal: ‘se il Governo liberalizza il subappalto sarà mobilitazione immediata e sciopero generale’

Vedi Aggiornamento del 02/07/2021
Foto: filleacgil.net
Foto: filleacgil.net
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 02/07/2021
20/05/2021 - “La semplificazione non è sinonimo di deregolamentazione, soprattutto quando va a colpire la legalità e la qualità del lavoro. Qualità intesa anche come sicurezza, prevenzione e certezza salariale”.
 
“Altro che contrasto ai morti sul lavoro, altro che rigenerazione e riqualificazione, innovazione e qualità, altro che mobilità sostenibile, se il Decreto Semplificazioni di cui si sta discutendo in queste ore dovesse prevedere massimo ribasso generalizzato e liberalizzazione dei subappalti, vorrà dire tornare ai peggiori anni ‘50, alla giungla nei cantieri, all’apertura agli illeciti, al cottimo”.
 
“E la risposta sarà sin dalle prossime ore mobilitazione immediata, assemblee permanenti in tutti i luoghi di lavoro, iniziative articolate fino allo sciopero generale dell’intera categoria”.
 
Lo dichiarano oggi in una nota i Segretari di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Vito Panzarella, Enzo Pelle e Alessandro Genovesi.
 
“Come Sindacato - concludono le organizzazioni dei lavoratori - siamo sempre stati impegnati a proporre semplificazioni e miglioramenti amministrativi e tecnici, perché siamo i primi interessati a creare buona e stabile occupazione, a qualificare imprese e settore ma se il Governo pensa di ridurre tutele e diritti a colpi di decreto, si assumerà la responsabilità di una rottura con i lavoratori senza precedenti”.
 
Le più lette