Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
NORMATIVA

Progetto [email protected], saranno realizzati solo 22 interventi su 271

di Paola Mammarella

Al via restauri per 17 milioni di euro, a fronte di uno stanziamento di 150 milioni

Commenti 6946
Foto: www.governo.it
17/05/2021 – Ultimo miglio per 22 interventi di recupero rientranti nel “Progetto [email protected] - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”. Dopo una fase di istruttoria, il Governo ha pubblicato l’elenco dei soggetti attuatori che stipuleranno la convenzione e otterranno i finanziamenti per dare avvio agli interventi.
 

Progetto [email protected], gli interventi in arrivo

I soggetti attuatori, che stipuleranno le convenzioni col il Ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo, realizzeranno 22 interventi, che saranno finanziati con quasi 17 milioni di euro (16.867.338,25).
 
Gli interventi selezionati riguardano Comuni del Centro Nord Italia. Tra questi, per citare quelli che prevedono una spesa maggiore, ci sono l’ex ammasso del grano a San Daniele Po (CR), finanziato con 2 milioni di euro, la Torre Flavia a Ladispoli (RM), con 1,9 milioni, il Parco archeologico di Tusculum nella Comunità montana del Lazio Castelli Romani e Prenestini (RM), con 1,4 milioni, e l’ex cinema Italia di Fossalta di Portogruaro (VE) con 1,3 milioni di euro.
 

Progetto [email protected], flop dopo la lunga attesa

Ricordiamo che il progetto “[email protected] - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati” è partito nel 2016 ma ha avuto un iter tutt’altro che veloce.
 
Due anni dopo, con il dpcm 27 settembre 2018 sono stati individuati, a fronte di 310 progetti presentati, 271 interventi finanziati con 150 milioni di euro.
 
Il dpcm ha inoltre previsto un termine entro il quale i proponenti avrebbero dovuto inviare una dichiarazione con i dettagli dell’intervento e nominato una Commissione per la verifica della completezza della documentazione trasmessa e la coerenza con il progetto.
 
Come emerge dalla sezione dedicata al Progetto [email protected] sul sito del Governo, il termine per la presentazione della documentazione, inizialmente fissato al 14 maggio 2019, è stato prorogato per arrivare al 15 settembre 2019.
 
I 22 progetti pronti a partire, previa stipula della convenzione, sono quelli che hanno superato l’esame della Commissione perchè risultati "esenti da criticità". Tutti gli altri sono risultati privi di documenti fondamentali e sono stati sospesi. Il Ministero potrebbe decidere di riaprire i termini per consentire l'integrazione della documentazione o, in alternativa, emanare un provvedimento di esclusione.
 
Si tratta di una decisione politica che sarà valutata in base alle priorità di intervento, ma per il momento si può affermare che il Progetto [email protected] si è tradotto in un flop e che solo una minima parte delle iniziative proposte vedrà veramente la luce.
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui