Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Fondo Kyoto da 200 milioni di euro, pubblicato il bando
FINANZIAMENTI Fondo Kyoto da 200 milioni di euro, pubblicato il bando
RISPARMIO ENERGETICO

Superbonus 110%, per la proroga si dovrà attendere la manovra di fine anno

di Paola Mammarella

Ministro dell’Economia Franco: si valuteranno l’applicazione nel 2021, gli effetti finanziari, gli interventi realizzati e gli obiettivi di risparmio energetico e sicurezza raggiunti

Vedi Aggiornamento del 09/06/2021
Commenti 51712
27/05/2021 – Per la proroga del Superbonus si dovrà aspettare la Legge di Bilancio di fine anno. Lo ha affermato il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, che ieri alla Camera ha risposto all’interrogazione del deputato Gianluca Rospi.
 

Superbonus, la proroga e le risorse in campo

Il Ministro ha affermato che nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, il superbonus rappresenta una delle principali proposte progettuali. L'ammontare complessivo delle risorse previste, tra PNRR e Fondo complementare, è di oltre 18 miliardi di euro.
 
La misura è finanziata fino alla fine del 2022, con estensione al giugno 2023 per le case popolari, ma il Governo si è impegnato a inserire nel disegno di bilancio per il 2022 una proroga dell'ecobonus per il 2023, tenendo conto dei dati relativi alla sua applicazione nel 2021, con riguardo agli effetti finanziari, alla natura degli interventi realizzati, al conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico e di sicurezza degli edifici.
 
Le parole del Ministro fanno svanire le speranze di quanti chiedevano una proroga immediata per dare maggiore certezza al settore e lasciano intendere che la detrazione potrebbe anche essere rimodulata alla luce dei risultati raggiunti e di quelli da perseguire.
 
Un’incertezza che da una parte potrebbe spingere gli interessati ad affrettarsi e ad avviare i lavori, ma dall’altra potrebbe scoraggiare chi ha bisogno di regole certe per interfacciarsi con le banche e acquisire la documentazione richiesta.
 
Queste incertezze si intrecciano con le sorti del decreto sulle semplificazioni. Una volta approvato, il decreto potrebbe snellire l’iter per ottenere il superbonus, ma senza un allungamento dell’orizzonte temporale le semplificazioni in arrivo potrebbero perdere le loro potenzialità.
 

Superbonus, ancora poche richieste

Nella sua interrogazione, l’on. Rospi ha sottolineato che ad oggi le richieste di attivazione del superbonus sono ancora troppo poche: 35mila in tutta Italia, a fronte di un potenziale della platea di oltre 17 milioni di edifici, costruzioni realizzate prima del 1980, quindi non adeguate, dal punto di vista sismico ed energetico.
 
Rospi ha messo in evidenza anche la necessità di semplificazione: in un anno sono state presentate all’Agenzia delle Entrate oltre 7mila richieste di chiarimento. Segno che la normativa non è di facile applicazione.
 
Rospi si è soffermato inoltre sulla necessità di eliminare o semplificare la dichiarazione di conformità urbanistica dal momento che le imprese aspettano diversi i mesi per ottenere l'accesso agli atti, di semplificare le procedure per la cessione del credito, per le quali “ci sono delle piattaforme che richiedono addirittura 40 documenti da inserire” e di estendere la misura a tutti gli edifici, compresi alberghi, edifici commerciali, terziario e edifici industriali perché “una misura che guarda alla sicurezza sismica e all'efficienza energetica non deve guardare alla tipologia degli edifici”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui