Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
PROFESSIONE Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
AZIENDE

MELA: gestire i costi di un cantiere nel 2021 sempre più digitale, mobile e cloud

di Mela

Il digitale è la soluzione per i problemi endemici del cantiere: ritardi, aleatorietà e non prevedibilità

03/06/2021 - Il 2021 è l’anno del Recovery Found e del Piano Nazionale (PNRR) “per la digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura”. La parola chiave ufficiale - come se non la conoscessimo già - sarà transizione digitale, a cui si dovrà dedicare almeno il 20% della spesa complessiva per investimenti e riforme.
La digitalizzazione riguarderà non solo opere pubbliche e pubblica amministrazione, ma anche le piccole e medie imprese, a cui è chiesto di sviluppare maggiori competenze e strumenti digitali.

Il piatto è molto ricco: anche per il mondo dell’edilizia sembra aprirsi un periodo di sviluppo e di cambiamenti (forse epocali), in cui tutto il settore è chiamato a contribuire alla ripresa del nostro paese. I temi sul tavolo sono la rigenerazione urbana, le opere pubbliche, l’efficienza energetica, la mobilità sostenibile, l’innovazione nel campo della sicurezza.

Ora la domanda è, a un prospetto di sviluppo così consistente corrisponde un settore altrettanto al passo con i tempi e pronto a sfruttare l’opportunità? Oppure siamo di fronte a un settore invecchiato, con strumenti obsoleti e lontano dall’innovazione e digitalizzazione?

A che punto siamo con la digitalizzazione dell’edilizia? 

L’edilizia – settore tradizionalmente poco all’avanguardia - è oggi in notevole ritardo in termini di innovazione tecnologica e di adozione del digitale. Se il DM 49 del 2018 ha formalizzato l'esigenza di utilizzare le metodologie digitali negli appalti pubblici, la realtà delle piccole e medie imprese continua a lavorare con mezzi e metodi tradizionali.
 
La conseguenza è un notevole aggravio a livello economico e di risorse, che si traduce in: ritardi nella consegna dei cantieri, poca efficienza nella gestione della contabilità, consapevolezza non sempre completa di tutto ciò che sta accadendo, con rischio di errore - e di incorrere in contenziosi – molto alto.

Appare chiaro, quindi, come il digitale sia la soluzione per i problemi endemici del cantiere: ritardi, aleatorietà e non prevedibilità.

Quanto costa un cantiere non digitale?

In un cantiere gestito con metodi tradizionali in media si registra un ritardo di circa 3 settimane, quindi oggi si conoscono le spese di circa 3 settimane fa.
Questo ha conseguenze importanti anche economiche, e per evidenziarle semplifichiamo un po’ il problema. Se sono necessarie manovre correttive, per esempio per il contenimento dei costi delle fondamenta di una casa, queste saranno effettuate in ritardo, quando magari la casa è già al tetto!

In più la gestione del cantiere con la carta ed excel è tutt’altro che gratis, costa circa 130€ a settimana tra ore dedicate a raccogliere le informazioni e ore passata a trascrivere, organizzare e archiviare le stesse.

Come è possibile quindi correggere questo problema? 

La risposta è digitalizzare la contabilità (controllo costi di cantiere), per permettere di raccogliere i dati velocemente e direttamente in cantiere, e di presentarli al contabile e all'imprenditore in tempo reale.
La tecnologia digitale per la contabilità dei cantieri dovrà essere facile, a uso e consumo di professionisti che lavorano sul campo, mobile, quindi snella e immediatamente efficace senza complicati gestionali o software.

Quanto si risparmierebbe in tempo e denaro adottando il digitale in cantiere?

Dedicate ai cantieri, oggi esistono chat che utilizzano dati strutturati come Mela Works, in cui è possibile, con estrema semplicità, condividere e archiviare in uno spazio cloud sicuro e praticamente illimitato, tutto ciò che accade in cantiere. Oltre a foto, messaggi, file audio, video, è possibile raccogliere le informazioni che serviranno a elaborare la contabilità:
Le ore di lavoro di ciascun dipendente.
I materiali utilizzati.
I servizi esterni impiegati.
I mezzi usati.

Digitalizzando queste 4 voci di costo (le ore lavorate, i materiali, i servizi e noleggi, i mezzi) potremo avere sotto controllo, in anticipo e velocemente, tutti i costi di cantiere. Il tutto con la semplicità di una chat dove capi squadra e capi cantiere si trovano perfettamente a loro agio.

Sarà facile quindi prendere scelte coscienti e correggere eventuali “deviazioni” pericolose per la redditività del lavoro, aumentando quindi la produttività e riducendo la durata complessiva del cantiere. Con un conseguente risparmio dei costi anche del 30%!
Vai al sito Mela e registrati gratis

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Partecipa