Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
NORMATIVA

Abusi edilizi e multa alternativa alla demolizione, ecco quando è possibile

di Paola Mammarella

Il Tar Lazio spiega: scelta limitata a casi specifici, valutata dall'Amministrazione nel corso del procedimento

Vedi Aggiornamento del 17/06/2021
Commenti 157022
Foto: Bogdan Mircea Hoda©123RF.com
07/06/2021 – L’abuso edilizio deve essere punito con la demolizione, che può essere ordinata d’ufficio e non necessita di preavviso. Solo in alcuni casi, la demolizione può essere sostituita dal pagamento di una sanzione pecuniaria. Lo ha spiegato il Tar Lazio che, con la sentenza 5400/2021, è tornato sull’argomento delle irregolarità edilizie.
 

Abusi edilizi, il fatto

Il caso analizzato dai giudici riguarda un ricorso contro l’ordine di demolizione di un edificio di 100 metri quadri, realizzato inglobando un piccolo magazzino di 12 metri quadri.
 
L’edificio era stato realizzato senza alcun titolo edilizio e sorgeva in una zona che il nuovo PRG aveva inserito tra i “Nuclei di edilizia ex abusivi da recuperare” e, in particolare, in un’area vincolata. Il Comune aveva quindi ordinato la demolizione d’ufficio
 
Secondo i responsabili dell’intervento, invece, non esisteva alcun interesse pubblico tale da giustificare l’immediata demolizione. Il provvedimento, a loro avviso, appariva sproporzionato dal momento che i lavori dovevano essere considerati “manutenzione ed integrazione di servizi, con modesto aumento dei volumi per garantire maggiore fruibilità e salubrità degli ambienti.
 

Abusi edilizi, demolizione o multa?

I giudici hanno respinto il ricorso spiegando che la demolizione d’ufficio, prevista per l’immediata rimozione di abusi particolarmente gravi, era stata disposta in modo corretto.
 
A detta del Tar, dopo i sopralluoghi era emerso che gli interventi non potevano essere classificati come manutenzione straordinaria perché avevano completamente stravolto la costruzione preesistente.
 
I giudici hanno ricordato che l'ordinanza di demolizione di opere abusive non deve essere preceduta dalla comunicazione di avvio del procedimento né ha bisogno di una motivazione perché si tratta di un atto dovuto e rigorosamente vincolato.
 
Il Tar ha infine sottolineato che la sanzione pecuniaria alternativa alla demolizione è consentita solo quando, con l’abbattimento delle opere realizzate senza titolo abilitativo, possono essere danneggiate le parti dell’edificio realizzate legittimamente. Tale possibilità, hanno concluso i giudici, deve inoltre essere valutata dall’Amministrazione competente nel corso del procedimento.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui