Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura
NORMATIVA Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura

Rigenerazione urbana, superbonus e Piano Casa nella nuova legge delle Marche

Approvata la norma che semplifica la fruizione del 110% sulle demolizioni e ricostruzioni con ampliamento del 40% previste dal Piano Casa

Vedi Aggiornamento del 26/08/2022
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 26/08/2022
30/06/2021 - L’Assemblea legislativa della Regione Marche ha approvato la proposta di legge a iniziativa della Giunta regionale “Disposizioni in materia di rigenerazione urbana e attività edilizia” che modificherà la LR 22/2011 e la LR 22/2009.
 
“Una bella mano per far ripartire questa regione e ridare un effettivo riavvio al settore edilizio, anche in termini di semplificazione amministrativa” ha commentato l’assessore all’Urbanistica, Stefano Aguzzi.
 
La legge, secondo l’assessore, è “un’azione fondamentale per l’avvio delle attività edilizie diffuse sul territorio e la realizzazione della messa in sicurezza sismica e dell’efficientamento energetico complessivo degli edifici, agevolando quindi le imprese, ma anche i cittadini”.
 
 

Rigenerazione urbana, superbonus e Piano Casa

La proposta di legge - spiega la nota della Regione - fornisce la definizione di ‘rigenerazione urbana’, necessaria per poter usufruire del superbonus 110%.
 
Vengono stabilite le procedure necessarie per l’individuazione, da parte dei Comuni, delle aree degradate finalizzate a interventi di rigenerazione urbana, prevedendo la possibilità di ampliamenti fino al 20% della volumetria esistente.
 
Inoltre, attraverso una modifica al Piano Casa del 2009, la proposta di legge riconduce le opere di demolizione e ricostruzione, già previste per legge, con possibilità di ampliamento fino al 40% delle volumetrie esistenti, alla categoria degli interventi di ristrutturazione edilizia che possono, quindi, usufruire del 110% e la riduzione degli oneri.
 
In attesa “della nuova legge urbanistica regionale - ha specificato Aguzzi - il provvedimento fornisce una definizione uniforme sul territorio e contribuisce a ridare un effettivo riavvio del settore edilizio, anche in termini di semplificazione amministrativa. Questo è sempre più necessario in base all’esigenza di contenimento del consumo di suolo e di una conformazione omogenea e unitaria dell'assetto urbanistico del territorio regionale”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Sondaggi Edilportale
Energia, edilizia, impianti, progetto: la Renovation Wave è il futuro?
Partecipa
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione