Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
PROFESSIONE Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
AZIENDE

FILA per la Real Fabbrica di Artiglieria di Siviglia

di FILA

I detergenti per la pulizia e la protezione di un monumento nazionale

16/07/2021 - Le superfici esterne degli edifici, così come quelle dei monumenti storici, sono sottoposte ad un lento e progressivo processo di deterioramento irreversibile, causato da fattori naturali – come vento, pioggia e umidità – e dalla mano dell’uomo con l’inquinamento e il degrado urbano.
 
I tempi e le modalità di impatto differiscono sia in funzione del tipo di materiale che degli agenti fisico-chimici e biologici coinvolti, che possono essere di differente natura e possono comprometterne irreparabilmente l’estetica. Tutto questo può essere fermato grazie ad una corretta azione di prevenzione, di cura e di manutenzione svolta con i prodotti specializzati FILA.
 
Qualsiasi superficie, specialmente le facciate dei palazzi e dei monumenti storici, senza una perfetta rimozione dello sporco di fondo, si degrada, le tinte sbiadiscono e proliferano annerimenti e muffe che creano una malsana patina scura.
 
Per rimuovere lo sporco e proteggere una facciata in pietra, cotto, mattoni faccia a vista, cemento, intonaco e pitture murali dagli annerimenti e conservare nel tempo ciò che ha valore, sia da un punto di vista urbanistico che artistico e storico, FILA propone soluzioni specifiche ed efficaci, come in Spagna, nella Real Fabrica di Artiglieria di Siviglia.
 
Questo edificio, monumento storico nazionale risalente al XVI secolo, è nato come luogo per la fabbricazione delle armi del regno. Nel 1568 la fabbrica acquisì notorietà e Filippo II ordinò alla Casa de la Contratación di fornire a Bartolomé Morel, figlio di Juan, rame e stagno per fabbricare cannoni. Nel 1634 fu acquisita dallo Stato.
 
Dopo diversi lavori di ammodernamento, il complesso fu ampliato e ristrutturato nel 1782 sotto la direzione dell'architetto Vicente de San Martín, che gli conferì il carattere barocco e monumentale con cui è conosciuto oggi. Durante la prima guerra mondiale, la fabbrica era dedicata alla produzione di cannoni Krupp e Schneider, nonché alla produzione di granate.
 
Cessata l'attività nel 1991, ora la fabbrica è interessata ad una profonda ristrutturazione e riqualificazione. In questo processo FILA è stata scelta per restituire all’edificio la sua bellezza originaria; in particolare l’azienda si è occupata della pulizia e protezione idrorepellente e consolidante dei 5.380 mq di pavimentazione, in argilla antica originale della spettacolare copertura calpestabile. Un percorso che potrà essere visitato in futuro e che, con le sue lanterne e tumuli, costituisce una delle grandi attrazioni del complesso.
 
Modalità di intervento e prodotti utilizzati:
 
- Eliminazione dei residui della nuova stuccatura con DETERDEK PRO, il detergente disincrostante ad azione leggermente acida che non emette gas tossici e rispetta il materiale, l'utilizzatore e gli elementi metallici.
 
- Eliminazione di incrostazioni di verdina, muffe, annerimenti e licheni con il prodotto ALGAENET, detergente ideale per igienizzare e pulire a fondo le superfici esterne attaccate dagli agenti atmosferici;
 
- Applicazione del protettore anti-perdita idrorepellente consolidante SALVATERRAZZA che, grazie ai suoi componenti, ha permesso di rinforzare la struttura del materiale argilloso, senza alterarne l'aspetto estetico. L'applicazione del prodotto SALVATERRAZZA ha permesso di migliorare il drenaggio dell'acqua piovana evitando possibili perdite anche in crepe e fessure.
 
Il trattamento è stato effettuato da Trata.dos de Sevilla, un team specializzato nel recupero e trattamento delle superfici e raccomandato da FILA. 
 
Fila Industria Chimica su Edilportale.com
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Partecipa