Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus edilizi, il trasferimento dei crediti nel consolidato fiscale non è una cessione
NORMATIVA Bonus edilizi, il trasferimento dei crediti nel consolidato fiscale non è una cessione
NORMATIVA

Bonus facciate, pubblicata la Guida aggiornata

di Rossella Calabrese

Dall’Agenzia delle Entrate la nuova edizione del vademecum relativo alla detrazione 90%

Vedi Aggiornamento del 05/01/2022
Foto: Rudmer Zwerver © 123RF.com
03/08/2021 - L’Agenzia Entrate ha pubblicato la nuova Guida al bonus facciate 90%. Al centro della nuova edizione ci sono: la proroga dell’agevolazione fiscale al 2021, le alternative alla detrazione e la possibilità di cumulare il beneficio con altri bonus edilizi.
 

Bonus facciate fino a fine 2021

Introdotto dalla legge di bilancio 2020, il bonus per interventi finalizzati al recupero o al restauro della facciata esterna degli edifici esistenti è stato prorogato dalla legge di bilancio 2021 anche alle spese sostenute quest’anno. L’agevolazione consiste in una detrazione di imposta, pari al 90% delle spese documentate, sostenute dunque negli anni 2020 e 2021.
 
La detrazione va ripartita in 10 quote annuali costanti e di pari importo a partire dall’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi. A differenza delle altre agevolazioni edilizie, precisa la pubblicazione, per il bonus facciate non sono previsti limiti massimi di spesa, né un limite massimo di detrazione.
 


Bonus facciate, sconto in fattura e cessione del credito

In alternativa alla fruizione diretta della detrazione, il contribuente che sostiene le spese può ottenere uno sconto in fattura o cedere il credito corrispondente alla detrazione spettante.
 
Il vademecum precisa che le due scelte alternative alla detrazione vanno comunicate all’Agenzia delle Entrate, solo in via telematica, utilizzando il modello approvato con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia dell’8 agosto 2020, modificato con il provvedimento direttoriale del 12 ottobre 2020. La comunicazione va inviata entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese.
 
La guida ricorda che tutti i beneficiari della detrazione possono richiedere lo sconto in fattura o la cessione del credito, compresi coloro che, concretamente, non potrebbero fruirne in quanto non sono tenuti al versamento dell’imposta.
 

Bonus facciate cumulabile con altri bonus edilizi

I lavori ammessi all’agevolazione possono rientrare anche tra quelli di riqualificazione energetica che riguardano l’involucro dell’edificio (articolo 14 del DL 63/2013) o tra quelli delle ristrutturazioni edilizie (articolo 16 dello stesso decreto). Se per lo stesso intervento è possibile beneficiare sia del bonus facciate, sia degli altri benefici edilizi, il contribuente deve scegliere soltanto una tra le agevolazioni previste, rispettando tutti gli adempimenti specificamente richiesti.
 
Se, al contrario, si effettuano più interventi, riconducibili a diverse fattispecie agevolabili, il contribuente può usufruire di più agevolazioni. È il caso, per esempio, di interventi sulla parte opaca della facciata esterna, ammessi al bonus facciate, e degli interventi di isolamento della restante parte dell’involucro dell’edificio, ammessi all’ecobonus. Per beneficiare di ciascuna agevolazione, occorre contabilizzare distintamente le spese riferite ai diversi interventi e rispettare gli adempimenti previsti per ogni detrazione.
 
Ricordiamo che la Guida online fino a ieri era quella pubblicata poche settimane dopo il 1° gennaio 2020 (data di entrata in vigore della detrazione) che non conteneva le indicazioni su sconto in fattura e cessione del credito, estesi al bonus facciate a maggio 2020 con il Decreto Rilancio.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione