Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, via libera alla detrazione anche con abusi edilizi
RISTRUTTURAZIONE Superbonus, via libera alla detrazione anche con abusi edilizi
RISTRUTTURAZIONE

Ristrutturazione degli alberghi, in arrivo un bonus fiscale

di Rossella Calabrese

Ministro Garavaglia: ‘finanziabili anche gli arredi, per sostenere comparti produttivi fondamentali’

Vedi Aggiornamento del 13/09/2021
Foto: Pawel Kazmierczak © 123RF.com
09/09/2021 - Un credito di imposta o un contributo a fondo perduto per ristrutturare le strutture turistiche. Tra queste due opzioni potranno scegliere gli operatori del turismo per organizzare al meglio il proprio rilancio.
 
Le due misure faranno parte di un Piano pluriennale che sfrutterà i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), presentato ieri a Pordenone dal ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, e dalla sottosegretaria alla Transizione ecologica Vannia Gava.
 
“Le misure sono diverse e di diverso tipo - ha spiegato il ministro - e le cifre sono molto significative: si tratta di 1,9 miliardi di euro, ma in realtà è molto di più perché c'è l’effetto leva, che fa diventare l’operazione almeno del doppio”.
 
“Il credito di imposta - ha precisato Garavaglia - è cedibile come il superbonus 110%, quindi è un’ulteriore opportunità”.
 
 

Ministro Garavaglia: ‘finanziabili anche gli arredi’

Inoltre, “nella misura ci sono tipologie di spese diverse come gli arredi, che servono al contempo per sostenere comparti produttivi fondamentali di Friuli Venezia Giulia, Marche, Lombardia e Veneto: si aiuta quindi una filiera tutta italiana” - ha aggiunto il ministro leghista.
 
“Siamo in contatto con la presidenza del Consiglio per valutare quale sarà l’iter più opportuno e più veloce quindi se direttamente un decreto breve o legge di bilancio. Al netto di questo, siamo pronti, ci sarà solo da valutare quale sarà il metodo più utile” - ha concluso Garavaglia.
 
A giugno scorso il ministro Garavaglia aveva annunciato un superbonus dell’80% per alberghi e strutture ricettive, con regole del 65% e valido anche per arredi e illuminazione. “Invece di fare una pigna di carte, basterà un foglio solo” - spiegava il ministro.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui