Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
PROFESSIONE Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
AZIENDE

Tra architettura e design: il rame Planium

12/10/2021 - Spazzolato, satinato o tela: Planium tratta il Rame secondo diversi tipi di lavorazione. Il rame spazzolato è, da un punto di vista cromatico, quello più cangiante e luminoso; mentre le versioni satinato o tela (quando la satinatura è doppia e ortogonale), hanno una colorazione leggermente diversa. Con questa lavorazione il metallo dal colore rosso assume i connotati d’una corteccia d’albero aggiungendo al suo carattere ecologico naturale un'altra qualità “eco”.

Quale legame tra rame, architettura e interior design
Il rapporto tra Rame e Architettura è particolare perché, come si sa, nonostante questo metallo sia resistente all’ossidazione in un primo momento, nel tempo i suoi stadi cromatici cambiano. Il che, da un punto di vista ambientale ed estetico, può essere addirittura un vantaggio, perché la colorazione verde che assume nel tempo è speciale e ha una sua personalità.
È anche la capacità del rame di combinarsi con altri metalli a generare la sua spendibilità nell’architettura e nel design d’interni come rivestimento o dettaglio: basti pensare alla sua attitudine di legarsi ad altri metalli per formare moltissime leghe, le cui più famose sono ottone e bronzo, ma si ritiene che ne vengano adoperate più di 400! Quello che viene utilizzato per le facciate, inoltre, ha un grado di purezza che supera addirittura il 99%;

Rame spazzolato, luminosità ondulata
Una finitura esclusiva che certamente si differenzia per le “onde vorticose” che il processo di spazzolatura genera sul metallo. Al tatto la distinzione da una piastrella senza trattamento è minimale, perché sempre morbida; il colore tende a radiare più luminosità.

Satinato e Tela: una “matericità” più elaborata
La finitura satinata o la tela di Rame Planium è un ulteriore stadio di elaborazione per questo metallo: da un punto di vista cromatico, il tono cangiante lascia ora spazio a dinamiche diverse, dove la luminosità viene filtrata nella satinatura; nella Tela, dominano le geometrie d’autore che scaturiscono dal gioco di “trama e ordito”. Una differenza sostanziale è data dalla matericità: toccando queste due tipologie di Texture sentiremo sicuramente un attrito differente che le caratterizza, frutto di una propria lavorazione ricevuta.  

Planium su Archiproducts

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Partecipa