Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Abusi edilizi, come si calcola la multa alternativa alla demolizione?
NORMATIVA Abusi edilizi, come si calcola la multa alternativa alla demolizione?
LAVORI PUBBLICI

Borghi, Uncem esprime dubbi sui criteri di assegnazione del miliardo di euro del PNRR

di Rossella Calabrese

Gli enti montani: ‘no a resort turistici e a restauro senza rigenerazione sociale ed economica’

25/10/2021 - L’Uncem, Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani, ha chiesto al Ministro della Cultura, Dario Franceschini, di vedere le bozze del bando con il quale verrà assegnato ai borghi il miliardo di euro previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
 
Non siamo d’accordo - afferma il Presidente nazionale Uncem, Marco Bussone - con l’investimento di 20 milioni di euro per ciascuno dei 20 borghi individuati dalle Regioni. Lo avrebbero deciso dal Ministero della Cultura, probabilmente con l’obiettivo di restaurare qualche museo e qualche casa colonica, o di fare qualche intervento di recupero di edifici, senza un chiaro destino e una vera strategia. 20 borghi, 400 milioni”.
 
“Poi altre risorse dovranno andare su 230 borghi - continua Uncem -. Non è chiaro come verranno selezionati, e come verranno coinvolte le imprese, per le quali sono previste ulteriori risorse del Piano compreso nel PNRR”.
 
“Rischiamo confusione, spesa senza efficacia, tanto più se è vero che potrebbero essere ammessi, tra i borghi, i centri storici di grandi città. Che borghi non sono. Ma a qualcuno, con deficit di conoscenza rispetto all’organizzazione dei paesi che fanno il Paese, potrebbero far comodo”.
 

Auspico con tutta Uncem che il Ministro Franceschini ci mostri il piano che ha in mente e il bando, così da correggere storture e prevedere interventi nei quali le comunità siano protagoniste, con una rigenerazione vera del territorio, economica e sociale, nel quadro delle sfide poste dalla crisi climatica” - conclude Bussone.
 
Il “Piano Nazionale Borghi” da 1,02 miliardi di euro è quello finalizzato a migliorare l’attrattività dei borghi, contenuto nel PNRR. Si propone di valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura e tradizioni presente nei borghi italiani dall’enorme valore paesaggistico-culturale e dal grande potenziale di crescita economica.
 
Sulle modalità di attuazione non c’è ancora una indicazione ufficiale del Ministero della Cultura. Il Ministro Franceschini ne ha parlato a settembre dicendo: “Dobbiamo indicare una strada, modelli e prototipi che dimostrino che se si interviene concretamente su un piccolo borgo lo si può ripopolare costruendogli una vocazione. Se questo strumento funziona poi verrà copiato aggiungendo le risorse private a quelle già messe dallo Stato”.

Aggiungendo: “L’investimento sui borghi oggi non è più un’esigenza per chi ci vive ma un’occasione economica per il Paese”. Ma - ha avvertito - “sul miliardo di euro per i borghi del PNRR bisogna correre ma no ai finanziamenti a pioggia”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui