Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Dalla Pubblica Amministrazione nuovo concorso per 2.022 tecnici
PROFESSIONE Dalla Pubblica Amministrazione nuovo concorso per 2.022 tecnici
LAVORI PUBBLICI

Città circolari, a breve bandi per oltre 2 miliardi di euro

di Rossella Calabrese

Firmati i decreti con i criteri per la selezione dei progetti relativi a raccolta differenziata ed economia circolare

Vedi Aggiornamento del 20/10/2021
Foto: adrianhancu © 123rf.com
05/10/2021 - Il Ministero della Transizione Ecologica (MITE) ha pubblicato i decreti firmati dal ministro Roberto Cingolani con i criteri di selezione dei progetti relativi a raccolta differenziata, impianti di riciclo e iniziative ‘flagship’ per le filiere di carta e cartone, plastiche, RAEE, tessili.
 
Si tratta dell’attuazione della Missione 2, Componente 1 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) finalizzata a realizzare le città circolari e i progetti ‘faro’ per le filiere industriali strategiche.
 

Le città circolari

Il DM 396 del 28 settembre 2021 indica i criteri di selezione dei progetti per la realizzazione di nuovi impianti di gestione dei rifiuti e l’ammodernamento degli impianti esistenti, cui sono destinati 1,5 miliardi di euro.
 
In particolare, saranno finanziati progetti per il miglioramento e la meccanizzazione della rete di raccolta differenziata dei rifiuti urbani; per l’ammodernamento (anche con ampliamento di impianti esistenti) e la realizzazione di nuovi impianti di trattamento/riciclo dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta differenziata; per l’ammodernamento (anche con ampliamento di impianti esistenti) e realizzazione di nuovi impianti innovativi di trattamento/riciclaggio per lo smaltimento di materiali assorbenti ad uso personale (PAD), i fanghi di acque reflue, i rifiuti di pelletteria e i rifiuti tessili.
 
Entro 15 giorni dall’entrata in vigore del decreto, il MITE pubblicherà i relativi bandi, destinati agli Enti di Governo d’Ambito Territoriale Ottimale (EGATO).
 
Il decreto sottolinea che alle Regioni del Centro e del Sud Italia (Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Molise, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna) sarà destinato il 60% delle risorse e a quelle del Nord il restante 40%.
 


Progetti ‘faro’ per filiere industriali strategiche

Il DM 397 del 28 settembre 2021 indica i criteri di selezione dei progetti per la realizzazione di progetti ‘faro’ di economia circolare per filiere industriali strategiche, cui sono destinati 600 milioni di euro.
 
In particolare, saranno finanziati progetti che promuovono l’utilizzo di tecnologie e processi ad alto contenuto innovativo nei settori produttivi, individuati nel Piano d’azione europeo sull’economia circolare, quali: elettronica e ICT, carta e cartone, plastiche, tessili. In questi settori produttivi verranno finanziati progetti che favoriranno, anche attraverso l’organizzazione in forma di ‘distretti circolari’, una maggiore resilienza e indipendenza del sistema produttivo nazionale, contribuendo, altresì, al raggiungimento degli obiettivi di economia circolare, incremento occupazionale e impatto ambientale.
 
Entro 15 giorni dall’entrata in vigore del decreto, il MITE pubblicherà i relativi bandi. Anche in questo caso alle Regioni del Centro e del Sud Italia sarà destinato il 60% delle risorse e a quelle del Nord il restante 40%.
 

Difesa del territorio e delle infrastrutture

Infine, il DM 398 del 29 settembre 2021 approva il piano operativo per il sistema avanzato e integrato di monitoraggio e previsione, finanziato con 500 milioni di euro, per dotare l’Italia di strumenti di monitoraggio e prevenzione tecnologicamente avanzati a difesa del territorio e delle infrastrutture, evitando il conferimento illecito di rifiuti e gli incendi e ottimizzando la gestione delle emergenze.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati