Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Abusi edilizi, come si calcola la multa alternativa alla demolizione?
NORMATIVA Abusi edilizi, come si calcola la multa alternativa alla demolizione?
LAVORI PUBBLICI

Edilizia scolastica, assegnati 43 milioni per la messa in sicurezza di solai e controsoffitti

di Paola Mammarella

17 milioni di nuove risorse si aggiungono ai 25,9 milioni assegnati a gennaio dopo le indagini diagnostiche

Vedi Aggiornamento del 28/10/2021
Foto: krmelda ©123RF.com
20/10/2021 - Nuova iniezione da più di 17 milioni di euro per l’edilizia scolastica. Con un decreto pubblicato nei giorni scorsi dal Ministero dell’Istruzione, le risorse sono state destinate alla messa in sicurezza dei solai e dei controsoffitti delle scuole.
 

Scuole, 43 milioni totali per solai e controsoffitti

Gli edifici a cui saranno destinate le risorse sono 191, 134 per la Scuola primaria e secondaria di primo grado, e 57 per la Scuola secondaria di secondo grado.
 
Ricordiamo che a ottobre 2019 il Ministero ha lanciato un bando da 65,9 milioni di euro totali, di cui 40 per le verifiche dei solai e dei controsoffitti nelle scuole e 25,9 milioni per la realizzazione degli interventi più urgenti.
 
A gennaio 2021 il Ministero ha pubblicato le graduatorie degli interventi ammessi al finanziamento.
 
Le richieste per i lavori di messa in sicurezza avevano superato la dotazione di 25,9 milioni. Dato che il Ministero ha accertato la presenza di economie da destinare agli interventi di messa in sicurezza degli edifici pubblici, risorse pari a 17,1 milioni sono state assegnate alle Province e Città Metropolitane che ne avevano fatto richiesta. Gli interventi beneficiari del 17,1 milioni sono contenuti nell’Allegato B al decreto. La scelta degli interventi da finanziare si è basata su due criteri: importo dell'intervento maggiore di 20mila euro e velocità nello svolgimento dell'indagine e nella rendicontazione.
 


Solai e controsoffitti, rendicontazione interventi entro il 31 dicembre 2022

Gli enti locali beneficiari dei contributi riceveranno l’anticipazione della somma, pari al 30% dell’importo di finanziamento, al momento dell’avvenuta registrazione del decreto da parte degli organi di controllo e previa richiesta alla Direzione generale competente del Ministero dell’istruzione.
 
La restante parte del finanziamento sarà erogata per stati di avanzamento lavori fino al raggiungimento del 90% dell’importo di finanziamento.
 
Il residuo 10% sarà erogato al momento della presentazione dei certificati di regolare esecuzione o collaudo dei lavori.
 
Il termine ultimo per la rendicontazione finale degli interventi è fissato al 31 dicembre 2022, pena la decadenza dal presente contributo.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui