Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Asili nido e scuole dell’infanzia, pubblicato il bando da 3 miliardi di euro
LAVORI PUBBLICI Asili nido e scuole dell’infanzia, pubblicato il bando da 3 miliardi di euro
MERCATI

Superbonus e bonus facciate, come è andata finora

di Rossella Calabrese

Sondaggio di Edilportale: proroga del 110% necessaria per completare i cantieri aperti, 90% spesso preferito perchè più semplice

Vedi Aggiornamento del 04/11/2021
Foto: udo72 © 123rf.com
22/10/2021 - Il Documento programmatico di Bilancio per il 2022, recentemente approvato, ha definito la proroga del superbonus al 2023 solo per i condomìni ed ex-Iacp, ha precluso l’estensione temporale al bonus facciate e ha prospettato un anno in più di vigenza per ecobonus, bonus ristrutturazioni e bonus mobili.
 
Nel frattempo, abbiamo chiesto ai nostri lettori di raccontarci come sono andati questo primo anno e mezzo di vigenza del bonus 110% e i due anni di bonus facciate, quali ostacoli hanno incontrato e cosa pensano delle recenti modifiche normative.
 
Al sondaggio hanno risposto circa 600 persone, metà delle quali equamente suddivise tra ingegneri (26%) e architetti (25%), il 21% geometri e, in percentuali minori, certificatori energetici, ESCo e consulenti fiscali. Oltre la metà ha un’età compresa tra 40 e 59 anni, il 47% lavora al Nord, il 28% al Sud e isole, il 25% al Centro.
 
Alla richiesta di mettere in ordine i bonus, dal più utilizzato al meno utilizzato sul totale del proprio lavoro, quello più frequentemente indicato come primo della lista è il superbonus 110% per lavori di riqualificazione energetica, seguono il bonus ristrutturazioni 50%, il bonus facciate e, a pari merito, il bonus 110% per lavori antisismici e l’ecobonus.
 
Alla richiesta di indicare le tipologie di interventi (più di uno) per le quali stanno lavorando prevalentemente, il 65% dei tecnici ha segnalato il cappotto termico, il 51% una combinazione di intervento trainante+trainato, il 48% un lavoro di manutenzione straordinaria/ordinaria, restauro, ristrutturazione edilizia, il 48% la sostituzione delle finestre, il 43% l'impianto di riscaldamento a pompa di calore.

Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
 
Tra le recenti modifiche normative al superbonus, quali sono ritenute più utili? Utilissima la proroga oltre il 2022, ritenuta necessaria per completare i cantieri aperti, ma anche una estensione temporale utile per acquisire nuovi incarichi.
 Superbonus e bonus facciate, come è andata finora

Ma, nonostante i miglioramenti, il superbonus è ancora gravato da difficoltà. Le più segnalate sono il forte aumento dei prezzi dei materiali e la normativa complessa e frammentata. Seguono, seppur a distanza, l'irreperibilità di manodopera edile, indisponibilità di attrezzature (es.: ponteggi) e il timore che le irregolarità edilizie blocchino le detrazioni.
 
Il bonus facciate sembra destinato a concludere la sua breve vita (due anni). Come è andata? Il 71% dei partecipanti al sondaggio, ha segnalato che alcuni dei propri clienti lo hanno preferito perchè più semplice; il 31% ha risposto che alcuni dei clienti lo hanno preferito perchè senza tetti di spesa, mentre una percentuale pari alla precedente, il 31%, ha segnalato che alcuni clienti non hanno potuto usarlo perchè fuori dalle zone A e B.

Superbonus e bonus facciate, come è andata finora


LEGGI I RISULTATI COMPLETI


 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui