Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Dalla Pubblica Amministrazione nuovo concorso per 2.022 tecnici
PROFESSIONE Dalla Pubblica Amministrazione nuovo concorso per 2.022 tecnici
NORMATIVA

Dehors senza permesso di costruire, come si devono realizzare?

di Paola Mammarella

La Cassazione spiega le differenze tra chiusure e tamponature per l’uso del corretto titolo abilitativo

  Commenti 10199
Foto: Suwat Supachavinswad ©123RF.com
07/10/2021 - Quali caratteristiche devono possedere i dehors per essere realizzati senza permesso di costruire? I materiali usati per le chiusure possono influire sulla valutazione dell’impatto del manufatto? A queste domande ha cercato di dare risposta la Cassazione con la sentenza 35804/2021.
 

Dehors, il caso

Nel caso preso in esame, il proprietario di un esercizio commerciale ha installato un dehor con tende verticali trasparenti, da utilizzare in caso di maltempo.
 
Il Tribunale ordinario l’ha condannato al pagamento di un’ammenda e alla demolizione. Secondo i giudici, in base al regolamento edilizio comunale, le chiusure dei dehors dovevano essere realizzate con pannelli di vetro scorrevole, mentre i teli in pvc avrebbero creato nuova volumetria, rendendo necessaria la richiesta del permesso di costruire.
 
Il proprietario, però, ha presentato ricorso sostenendo che i tendaggi non si discostavano dai criteri prescritti per i dehors dal successivo regolamento edilizio comunale. Secondo il proprietario, inoltre, il tendaggio realizzato in pvc non costituiva tamponamento, pertanto il dehor si qualificava come avvolgibile permanente e non come nuova costruzione.
 
Il proprietario aveva inoltre presentato la Scia, senza ricevere segnalazioni di criticità dal Comune.
 


Dehors e chiusure in pvc, non sono nuove costruzioni

La Cassazione ha spiegato che bisognerebbe analizzare la questione alla luce della “concezione realistica”. Secondo i giudici, l’utilizzo del vetro o dei pannelli in materiale plastico è indifferente ai fini della tutela dell’ordinato sviluppo urbanistico e del potere di disciplina dell’attività edilizia.
 
L’esclusivo utilizzo del vetro, hanno sottolineato i giudici, “nulla aggiunge al decoro urbano e al corretto sviluppo edilizio”, tanto è vero che il nuovo regolamento edilizio consente l’utilizzo dei teli in pvc, prima vietati.
 
I giudici hanno concluso quindi che i dehors chiusi con tende in pvc trasparenti non sono strutture dotate di tamponature laterali, quindi non si qualificano come nuove costruzioni e non richiedono il permesso di costruire.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati