Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura
NORMATIVA Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura

DL Antifrode, CNAPPC: ‘rischia di compromettere il lavoro dei professionisti’

Gli Architetti chiedono che i contratti in essere non siano soggetti ai nuovi obblighi

Vedi Aggiornamento del 02/12/2021
Foto: goodluz © 123rf.com
Vedi Aggiornamento del 02/12/2021
26/11/2021 - “Mentre ben comprendiamo la sacrosanta necessità di limitare gli abusi connessi all’utilizzo del Superbonus, non possiamo che ribadire come tempi e modi previsti dal DL antifrode provocheranno sicuramente numerosi problemi a quei professionisti che sono già impegnati nei lavori”.
 
“Il meccanismo di gestione dei bonus rischia di compromettere e di rallentare il loro lavoro, mentre i costi aumenteranno, poichè le asseverazioni o le modifiche dovranno essere svolte da professionisti che mettono a disposizione le loro competenze”. “Tutto ciò è aggravato dalla situazione di incertezza dovuta ai possibili cambiamenti di scenario nella conversione del DL Antifrode e nella stessa approvazione della Legge di Bilancio”.
 
Così Francesco Miceli, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC).
 
Ed è proprio relativamente al DL Antifrode che il CNAPPC rileva una serie di criticità. Tra queste, quella di carattere più generale riguarda l’ipotesi di proroghe alle scadenze delle varie tipologie di bonus, che saranno rese note solo a fine anno quando la legge di bilancio sarà approvata, facendo così mancare quelle certezze indispensabili, sia per il mondo dell’impresa, sia per il mondo della libera professione.
 


L’obbligo dei nuovi adempimenti, anche per i lavori già avviati e in corso di ultimazione, comporta la revisione dei contratti e la loro rinegoziazione economica che potrebbero creare conseguenti ed inevitabili contenziosi tra imprese, contribuenti e professionisti.
 
Da non sottovalutare, inoltre, l’insorgere di problemi connessi con gli inevitabili ritardi nei pagamenti relativi alla cessione del credito dovuti al necessario tempo tecnico, con la conseguenza di generare seri problemi di liquidità a professionisti e imprese.
 
“La nostra pressante richiesta - conclude Miceli - è che queste e le altre criticità, che quotidianamente si riscontrano e che avranno gravi ripercussioni sull’attività dei liberi professionisti, vengano affrontate in sede di conversione del DL, escludendo tutti i contratti in essere nel 2021 dalla nuova normativa antifrode”.
 
 
Fonte: ufficio stampa CNAPPC
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Sondaggi Edilportale
Energia, edilizia, impianti, progetto: la Renovation Wave è il futuro?
Partecipa
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione