Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Riduzione livelli progettazione, CAM, revisione prezzi dei materiali: ok della Camera al ddl Delega Appalti
LAVORI PUBBLICI Riduzione livelli progettazione, CAM, revisione prezzi dei materiali: ok della Camera al ddl Delega Appalti
NORMATIVA

Superbonus e bonus edilizi, le linee guida per visto di conformità e congruità delle spese

di Paola Mammarella

Dall’Agenzia delle Entrate una circolare che spiega cosa fare se si sceglie lo sconto in fattura o la cessione del credito

Vedi Aggiornamento del 15/04/2022
Foto: Katsiaryna Lenets©123RF.com
30/11/2021 - I nuovi obblighi su visto di conformità e congruità delle spese, introdotti dal Decreto “Antifrode” (DL 157/2021), hanno creato dubbi tra i contribuenti. Per risolverli, l’Agenzia delle Entrate ha emanato delle linee guida, contenute nella circolare 16/E/2021.
 

Visto di conformità e congruità delle spese per ecobonus, sismabonus, bonus ristrutturazioni, bonus facciate

La circolare spiega che, per ecobonus, sismabonus, bonus ristrutturazioni e bonus facciate, i nuovi obblighi entrano in gioco solo in caso di cessione del credito o di sconto in fattura.
 
L’attestazione della congruità delle spese deve riferirsi a lavori che siano almeno iniziati e deve certificare il rispetto dei costi massimi per tipologia di intervento, in relazione ai singoli elementi che lo compongono ed al loro insieme. 

La circolare spiega che per gli interventi finalizzati alla riqualificazione energetica, l’asseverazione della congruità dei prezzi deve essere redatta sulla base del Decreto Requisiti tecnici (DM 6 agosto 2020), nel caso di interventi con data di inizio lavori a partire dal 6 ottobre 2020. Per gli interventi diversi da quelli finalizzati alla riqualificazione energetica, compresi quelli di riduzione del rischio sismico, l’attestazione della congruità della spesa è redatta secondo gli altri criteri previsti dal comma 13-bis del Decreto Rilancio, cioè i prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle Regioni e dalle Province autonome, i listini ufficiali o i listini delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, i prezzi correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi.

L’obbligo del visto di conformità e della congruità delle spese si applica anche alle comunicazioni di cessione del credito concernenti le rate residue non fruite delle detrazioni relative alle spese sostenute nell’anno 2020 il cui accordo di cessione si sia perfezionato a decorrere dal 12 novembre 2021.
 

Visto di conformità e Superbonus, i nuovi obblighi

Il Decreto Antifrode ha previsto che, anche chi usufruisce direttamente del Superbonus con detrazione Irpef, deve acquisire il visto di conformità. 
 
Il visto di conformità non è obbligatorio se:
- il contribuente invia in autonomia la precompilata;
- il contribuente invia la dichiarazione tramite il sostituto d’imposta (nella maggior parte dei casi il datore di lavoro che opera le trattenute Irpef);
- sussiste già un visto di conformità sull’intera dichiarazione (perchè ad esempio dalla dichiarazione è risultato un credito di imposta superiore a 5mila euro).

Le spese sostenute per l’apposizione del visto sono detraibili.

Il contribuente che ha usufruito della detrazione Irpef nella dichiarazione dei redditi relativa al 2020, ma intende cedere le rate residue non fruite, per comunicare la sua decisione deve dotarsi del visto di conformità. Il contribuente dovrà trasmettere anche l'attestazione della congruità delle spese, ma questa sarà già in suo possesso perchè si tratta di un documento richiesto in ogni caso fin dall'introduzione del Superbonus.
 

Superbonus, chiarimenti sull'asseverazione della congruità delle spese

Il decreto Antifrode ha previsto l’adozione di un decreto del Ministro della Transizione Ecologica (Mite) per l’individuazione di valori massimi, per talune categorie di beni, cui occorre far riferimento per asseverare la congruità delle spese sostenute. Fino a quando tale decreto non sarà emanato, per asseverare la congruità delle spese:
- per gli interventi di efficientamento energetico agevolati con il Superbonus si deve utilizzare il Decreto “Requisiti tecnici” (DM 6 agosto 2020);
- per gli interventi diversi da quelli di efficientamento energetico, agevolati con il Superbonus, si devono utilizzare i prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle Regioni e dalle Province autonome, i listini ufficiali o i listini delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, i prezzi correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi.
 

Visto di conformità e congruità delle spese per i pagamenti dal 12 novembre

I nuovi obblighi si applicano sempre ai pagamenti effettuati a decorrere dal 12 novembre 2021.
 
Ci sono però dei casi border-line, relativi ai pagamenti dei lavori incentivati con ecobonus, bonus ristrutturazioni, sismabonus e bonus facciate. L’obbligo non si applica ai contribuenti che prima del 12 novembre 2021 abbiano assolto il pagamento della fattura ed esercitato l’opzione per la cessione, attraverso la stipula di accordi tra cedente e cessionario, o per lo sconto in fattura, mediante la relativa annotazione, anche se non abbiano ancora provveduto alla comunicazione all’Agenzia.
 
Questi criteri, spiega la circolare, sono validi sia per le persone fisiche (compresi gli esercenti arti e professioni) e gli enti non commerciali, cui si applica il criterio di cassa, sia per le imprese individuali, le società e gli enti commerciali, cui si applica il criterio di competenza. 


Visto di conformità e congruità delle spese, i controlli

Entro cinque giorni lavorativi dall’invio delle comunicazioni delle opzioni per lo sconto in fattura o per la cessione del credito, l’Agenzia delle Entrate può sospendere, per un periodo non superiore a 30 giorni, gli effetti delle comunicazioni se emerge un determinato profilo di rischio.
 
Di conseguenza, il termine di scadenza previsto per l’utilizzo del credito è prorogato per un periodo pari a quello di sospensione degli effetti della comunicazione stessa (al massimo di 30 giorni). Sono inoltre previsti controlli e accertamenti a posteriori.
 

Visto di conformità e congruità delle spese, i nuovi obblighi

Ricordiamo che, in base al Decreto Antifrode, il visto di conformità è obbligatorio anche per chi usufruisce direttamente del Superbonus, non solo per chi opta per lo sconto in fattura o la cessione del credito.
 
Chi sceglie lo sconto in fattura o la cessione del credito nell'ambito di un intervento agevolato con ecobonus, bonus ristrutturazioni, sismabonus o bonus facciate o in caso di installazione di un impianto fotovoltaico o di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, dovrà acquisire il visto di conformità e l'asseverazione del tecnico sulla congruità delle spese sostenute. 
 
L’asseverazione della congruità delle spese, finora rilasciata sulla base del DM Requisiti tecnici e massimali di costo, dovrà basarsi anche su un nuovo decreto del Mite, che definirà i valori massimi per alcune categorie di beni non contemplate nel DM Requisiti Tecnici e massimali di costo. Il decreto del Mite dovrà essere emanato entro il 9 febbraio (come previsto dal ddl di Bilancio, in cui è stato trasfuso il Decreto Antifrode).
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Luciano

Se non capisco male la situazione è questa: tutti quelli che hanno previsto di fare la cessione del credito alle poste italiane, e che quindi non hanno nessun tipo di contratto o accordo scritto, anche se hanno pagato le fatture prima del 12/11 dovranno farsi fare il visto di conformità e l'asseverazione dei prezzi...e quest'ultima non può essere predisposta con prezzario DEI. Non saprei cosa dire...


Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione