Network
Pubblica i tuoi prodotti
Bonus restauro per gli edifici tutelati, via alle richieste

Bonus restauro per gli edifici tutelati, via alle richieste

Il credito d’imposta del 50% si applica alle spese per interventi conservativi realizzati negli anni 2021 e 2022

Aggiornato al 02/02/2022 Vedi Aggiornamento del 25/05/2022
Foto: Alessandro Mascheroni © 123rf.com
Foto: Alessandro Mascheroni © 123rf.com
di Rossella Calabrese
01/02/2022 - Possono essere presentate da oggi 1° febbraio al 28 febbraio 2022, le domande per accedere al bonus restauro, il credito d’imposta del 50% per le spese sostenute nel 2021, dalle persone fisiche, per interventi conservativi di manutenzione, protezione e restauro degli immobili di interesse storico e artistico.
 
Il contributo - ricorda l’Agenzia delle Entrate - è stato introdotto dall’articolo 65-bis del DL Sostegni-bis che ha istituito il Fondo per il restauro e per altri interventi conservativi sugli immobili di interesse storico e artistico soggetti alla tutela prevista dal Codice dei beni culturali e del paesaggio.
 
La dotazione finanziaria ammonta a 2 milioni di euro (1 milione di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022). I criteri e le modalità di gestione e funzionamento del Fondo sono stati definiti con il decreto 6 ottobre 2021 del ministro della Cultura, adottato di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze.
 

Possono usufruire del credito d’imposta le persone fisiche che detengono, al di fuori dell’esercizio di impresa, edifici di interesse storico e artistico, tutelati ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio. Il bonus riconosciuto è pari al 50% dei costi sostenuti per gli interventi conservativi realizzati negli anni 2021 e 2022, fino a un importo massimo complessivo di 100mila euro per ciascun immobile e, comunque, nel limite di spesa di 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022, fino a esaurimento delle risorse stanziate nell’anno di riferimento.

Sono agevolabili non soltanto il restauro degli immobili da salvaguardare per il loro pregio artistico e storico, ma anche i lavori per la realizzazione di impianti che contribuiscono a innalzare il livello di sicurezza, la conservazione dell’edificio e l’eliminazione delle barriere architettoniche.
 
L’agevolazione non spetta, invece, per i semplici adeguamenti di natura funzionale e tecnologica. Le spese sono riconosciute sostenute secondo i fini della disposizione solo in presenza dell’attestazione di un professionista qualificato secondo la normativa vigente.

Le domande devono essere inviate all’indirizzo Pec [email protected]compilando l’apposito modulo disponibile sul sito della direzione generale Archeologia Belle arti e Paesaggio del ministero della Cultura (Dg Abap).
 
Le più lette