Network
Pubblica i tuoi prodotti
Superbonus, l’efficienza energetica attira investimenti per 21 miliardi di euro

Superbonus, l’efficienza energetica attira investimenti per 21 miliardi di euro

Rispetto al mese scorso, gli investimenti sono cresciuti di 3 miliardi di euro. I dati Enea sui cantieri avviati fino alla fine di febbraio

Vedi Aggiornamento del 10/11/2022
Foto: Albert Karimov©123RF
Foto: Albert Karimov©123RF
di Paola Mammarella
03/03/2022 - Gli interventi di efficientamento energetico incentivati con il Superbonus hanno generato investimenti per più di 21 miliardi di euro, mentre risultano aperti più di 122mila cantieri. Sono i dati diffusi da Enea, che fotografano la situazione complessiva, e suddivisa per Regioni, a fine febbraio 2022.
 

Superbonus, investiti 21 miliardi di euro

I dati dell’Enea mostrano un aumento degli investimenti pari a 3 miliardi di euro rispetto al mese scorso.
 
In totale sono state presentate 122.548 asseverazioni, di cui 19mila relative ad interventi in condominio, 64.158 per lavori su edifici unifamiliari e 39.337 per lavori su unità immobiliari funzionalmente indipendenti.
 


Si conferma il dato emerso anche nei mesi scorsi: il numero maggiore di interventi riguarda le unità immobiliari unifamiliari perché più facili da realizzare. Diversamente da quanto accade in condominio, non è necessario indire assemblee e deliberare l’avvio dei lavori né c’è il rischio che eventuali irregolarità edilizie provochino la revoca delle agevolazioni.
 
I lavori in condominio, però, sono i più costosi. A fronte di un numero nettamente minore di lavori, gli investimenti per gli interventi sugli edifici condominiali ammontano a 10 miliardi, cioè quasi la metà degli investimenti complessivi.
 

Superbonus, investimenti e lavori nelle Regioni

Si conferma stabile, rispetto ai mesi scorsi, la situazione nelle Regioni. Quelle dove si stanno aprendo più cantieri sono Lombardia (18.740 asseverazioni), Veneto (15.709), Lazio (10.740), Emilia Romagna (10.255) e Toscana (9.455).
 
Il dato delle Regioni ricalca quello nazionale, con gli interventi nei condomìni che risultano inferiori in numero, ma superiori come importo degli investimenti ammessi alle detrazioni.
Le più lette