Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus in condominio, la prevalenza della superficie residenziale si calcola dopo i lavori
RISTRUTTURAZIONE Superbonus in condominio, la prevalenza della superficie residenziale si calcola dopo i lavori
NORMATIVA

Superbonus e unifamiliari, la detrazione sarà prorogata

di Paola Mammarella

Impegno ufficiale del Governo nella risoluzione di maggioranza approvata contestualmente al DEF. Nel Decreto Energia ok alla quarta cessione del credito

Vedi Aggiornamento del 03/05/2022
Foto: Twitter @SenatoStampa
21/04/2022 - Prorogare il Superbonus per le unifamiliari e consentire la cessione del credito anche a favore di enti diversi da banche e assicurazioni.
 
Sono i contenuti della risoluzione di maggioranza, approvata ieri in Senato, contestualmente al Documento di Economia e Finanza (DEF), con 230 voti favorevoli, 18 contrari e 19 astensioni.
 
La risoluzione impegna il Governo a valutare anche uno scostamento di bilancio per finanziare la proroga e l’allentamento dei vincoli attualmente previsti per il Superbonus.
 

Superbonus e unifamiliari, si va verso la proroga

La risoluzione si pone in linea con le intenzioni manifestate dal Governo nei giorni scorsi.
 
Attualmente, per usufruire del Superbonus fino al 31 dicembre 2022, è necessario provare la realizzazione del 30% dei lavori entro il 30 giugno 2022. Questo termine sarà prorogato di qualche mese. 
 


Cessione del credito, allentamento dei vincoli

La risoluzione approvata impegna il Governo anche a valutare la possibilità di cessione dei crediti del decreto rilancio a soggetti diversi da banche, istituti finanziari e assicurazioni consentendo la cessione non solo ad esaurimento del numero delle possibili cessioni attualmente previste, ma anche prima.
 
Sull’argomento bisogna fare delle precisazioni. Sempre nella giornata di ieri, il ministero dell’Economia e delle Finanze, chiamato a rispondere ad un’interrogazione posta alla Camera dall’on. M5S Giovanni Currò, ha spiegato che la cessione dei crediti può essere disposta anche a favore di SGR, SIM, SICAV e SICAF, in quanto appartenenti a gruppi bancari. Non si tratta di un ampliamento dei soggetti cui è possibile cedere il credito corrispondente alla detrazione, ma di un chiarimento ai dubbi che sorgono continuamente sulla normativa che regola i bonus edilizi.

Le modifiche, o quantomeno un'interpretazione estensiva sulle modalità di cessione del credito, potrebbero arrivare col decreto che il Governo dovrebbe varare entro la prossima settimana, in cui troveranno spazio una serie di misure per dare respiro alle imprese, tra cui la proroga e la modifica delle regole sul Superbonus e sugli altri bonus edilizi.
 

Quarta cessione approvata con il Decreto Energia

Per completare il quadro dei bonus edilizi, bisogna considerare che oggi il Senato ha approvato in via definitiva la legge di conversione del Decreto “Energia” (DL 17/2022). La legge introduce la quarta cessione del credito. Dal primo maggio, le banche potranno operare una quarta cessione del credito, ma solo a favore dei soggetti con cui abbiano stipulato un contratto di conto corrente.

Il Servizio Bilancio del Senato ha messo in guardia dai rischi che potrebbero derivare dalla quarta cessione “libera”. Dati i tempi ristretti per l'approvazione della legge, il monito del Servizio Bilancio non è stato preso in considerazione e la quarta cessione ha ottenuto il via libera. Ma con il decreto in arrivo, il panorama delle detrazioni potrebbe ulteriormente cambiare.
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione