Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella scelta

Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella scelta

Trasmittanza, tipi di ante, modelli e varianti, sicurezza e polizze assicurative, manutenzione: tutte le caratteristiche delle VePa nell'intervista al presidente AssVepa

Vedi Aggiornamento del 15/11/2023
Condominio con VePa ©AssVepa
Condominio con VePa ©AssVepa
di Rossella di Gregorio
14/10/2022 - Da circa un mese l’installazione di vetrate panoramiche amovibili e trasparenti (VePa) è un intervento di edilizia libera. Lo ha stabilito la legge Aiuti-bis.

Da allora si sono susseguiti interrogativi sulla tecnologia e approfondimenti sulle procedure da seguire per installarle in condominio, ma anche perplessità, come quelle del Cnappc, circa l’impatto sulla qualità estetica e la fruizione dei bonus edilizi, a cui ha risposto AssVepa affermando che queste vetrate sono utili alla rigenerazione e non hanno ancora diritto ai bonus. 
 
Ma quanto si conosce la tecnologia delle VePa?
 
In un precedente focus avevamo trattato l’argomento da un punto di vista maggiormente legato alla sostenibilità della soluzione.
 
Spinti dal desiderio di comunicare gli aspetti più tecnici di questo sistema abbiamo intervistato Vito A. Chirenti, presidente nazionale AssVepa, a cui abbiamo posto una serie di quesiti; dalle sue risposte è possibile dedurre  una serie di indicazioni di tipo progettuale per la scelta e la posa delle VePa.
 
Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella scelta Render | Balcone con VePa e orto ©AssVepa

Rispetto alle tipologie di architetture solari (VePa, VFV, BIPV) le VePa hanno solo una funzione di protezione / riduzione delle dispersione termiche, oppure generano anche energia?
 
“Nei mesi invernali e di giorno, le VePa esposte a Est, Sud-Est, Sud, Sud-Ovest, permettono di captare i raggi solari, intensificandone l’irraggiamento attraverso il vetro. Calore che si propaga negli altri vani, riducendone il consumo di energia utilizzata per il riscaldamento. Fungono quindi da “serra captante”.
 
Mentre di notte, le VePa si comportano come una “serra tampone”, per quel principio della termodinamica noto come entropia, creando un cuscinetto termico tra l’esterno e l’interno che riduce le dispersioni termiche di muri e serramenti (pochi, quegli efficientati dal super ecobonus). Anche in questo caso, permette un notevole risparmio di energia utilizzata per il riscaldamento e, di conseguenza, genera un ottimo risparmio economico.”
 
Che differenza c'è tra una VEPA e una serra bioclimatica o un giardino d'inverno? Sono la stessa cosa?
 
Per serra climatica o bioclimatica si intende solitamente una struttura leggera composta da elementi metallici o lignei, chiusa con vetri, superiormente e sui lati. Può essere auto portante e isolata, oppure addossata all’edificio. In questo caso, può accedere agli incentivi sul risparmio energetico, come da Legge. 
 
Il giardino d’inverno ha le stesse caratteristiche. Differisce solo nella copertura superiore che può essere realizzata anche con altri materiali. Quali membrana isolante; perlinato in legno e tegoline canadesi; elementi rigidi coibenti ecc.
 
Le VePa sono multifunzionali. Possono proteggere e “chiudere” i lati delle serre climatiche e quelli dei giardini d’inverno. Grazie alle VePa però, anche un semplice balcone o una loggia possono diventare delle serre climatiche. Termicamente ancora più performanti e meno energivore.
 
Infatti, un balcone è quasi sempre coperto dal solaio del balcone superiore e non da un tetto in vetro, con altra trasmittanza e quindi estremamente caldo nei mesi estivi e la cui struttura è solitamente composta da elementi metallici molto radianti”.  
 
Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella scelta ©AssVepa

Le VePa non sono infissi, quindi come riducono le dispersioni termiche, quali caratteristiche di trasmittanza ha il vetro di una VEPA?
 
“Se parliamo di vetri float, stratificati o temperati, hanno più o meno gli stessi valori - piuttosto alti - di trasmittanza, a seconda dello spessore, ammenoché non siano “basso emissivi”. Se poi parliamo di vetro camera, il discorso cambia.
 
Oggi esistono doppi e tripli vetri camera altamente prestazionali e con valori di trasmittanza molto più bassi, quindi più isolanti. Ma, a fare la vera la differenza, sono i telai degli infissi (o serramenti), ormai quasi tutti “a taglio termico” e super isolanti.
 
Le VePa, ne sono prive e non possono certo competere su questo piano. Ma è proprio grazie a questa loro peculiarità, che oggi è possibile installarle sui balconi.
 
Questo non è possibile per gli infissi, poiché creerebbero nuova volumetria e altererebbero le preesistenti linee architettoniche degli edifici. In aggiunta, va detto che in estate, a differenza delle VePa che scompaiono totalmente, gli infissi creerebbero un insopportabile effetto serra.
 
Per ridurlo è spesso necessario ricorrere alla climatizzazione, una soluzione energivora ma anche non eco-friendly, date le immissioni di CO2 immessa nell’atmosfera.
 
Questo è uno dei motivi per cui molti autorevoli architetti e urbanisti hanno definito le VePa “smart glass-systems (sistemi vetrati intelligenti). Largamente utilizzate in grandi progetti di recupero e riqualificazione urbana residenziale”.
 
Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella scelta ©AssVepa

Ci sono delle condizioni climatiche/ambientali per le quali è consigliabile l'installazione di VEPA o al contrario sconsigliabile?
 
“Per la loro interessante duttilità le VePa possono essere adattate e installate ovunque. A qualsiasi latitudine. Basti pensare ai Paesi del nord Europa dove sono utilizzate da più di vent’anni con notevoli benefici”.
 
La trasparenza è ciò che rende le VePa "panoramiche". Può fornire indicazioni in merito alle caratteristiche la lastra di vetro dovrebbe avere?
 
“Le lastre o le ante solitamente utilizzate per le VePa sono realizzate con vetro trasparente, stratificato o temperato, da 8, 10 o 12 millimetri di spessore.                  
 
Il vetro stratificato è antinfortunistico, vale a dire che se dovesse rompersi, la lastra rimane comunque integra e resta ancorata al suo minimale profilo porta-vetro. Non si “sbriciola”. Questi vetri sono indicati per i dehor dei locali pubblici.
 
Il vetro temperato è più “strutturale” e più resistente. Ma se dovesse rompersi (caso rarissimo), “scoppia” e si frantuma in mille pezzi. Una VePa installata sul balcone di un piano alto, da pavimento a soffitto (quindi oltre m. 2.70), necessita di vetri temperati da 12 mm che, oltre ad essere ancorati ai profili porta-vetro con speciali sigillanti, vanno anche fissati “meccanicamente” mediante forometrie e bussolotti di sicurezza. Quando è in gioco la sicurezza e l’incolumità dei clienti, le precauzioni non sono mai troppe.
 
Esistono poi i vetriextra chiari” e quelli “antiriflesso”, quasi impercettibili e quindi non visivamente impattanti. Potrebbero essere utilizzati su edifici meno moderni, nei centri cittadini, ma previo consulto con uffici tecnici comunali e in questo caso è indispensabile il nullaosta della Sovrintendenza”. 
 
Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella scelta Vista interna da balcone con VePa ©AssVepa

Altra caratteristica delle VePa è l'essere "amovibili". È opportuno rimuove le VePa in un determinato periodo dell'anno? Se sì, è un'operazione che il proprietario di casa può fare in autonomia oppure deve richiamare la ditta installatrice?
 
Le VePa, per definizione, sono tutte “amovibili”, vale a dire che si possono facilmente rimuovere, che non sono (in)fisse
 
Gli elementi vitrei che le compongono sono quindi manualmente asportabili.
 
Va però precisato che nei sistemi VePa con vetri scorrevoli su guide a più binari e quindi affiancabili gli uni accanto agli altri, i singoli elementi possono essere tolti/rimossi manualmente senza l’ausilio di attrezzi (benché siano abbastanza pesanti se sono di grandi dimensioni).
 
Grazie a queste loro caratteristiche, sono adatte e utilizzate per la protezione laterale di strutture outdoor, leggere e “precarie”, quali pergole, gazebo, giardini d’inverno, serre climatiche ecc. 
 
Sono particolarmente adatte anche per i dehor, posizionati all’esterno dei ristoranti, bar, caffetterie, pizzerie o stabilimenti balneari e installati previe autorizzazioni sul suolo pubblico o demaniale. Anche in questi specifici utilizzi, le VePa non creano volumetria né modificano la destinazione d’uso.
 
Un discorso un po’ diverso va fatto per le VePa cosiddette “a libro”, scorrevoli in linea su unico binario, ma i cui elementi vitrei ruotano a 90 gradi e si ripiegano come le pagine di un libro, affiancandosi lateralmente, le une contro le altre, scomparendo così alla vista.
 
Proprio per questa loro peculiarità, sono considerate “amovibili”, benché non sia necessario smontarne i singoli elementi in vetro. Sono VePa adatte a proteggere balconi, verande e logge, sono quindi facilissime da pulire anche se non vi è accesso dall’esterno.
 
Nei mesi estivi è consigliabile togliere/sfilare manualmente le guarnizioni anti spifferi in pvc semi trasparente. Questo, per evitare di fare cristallizzare tali guarnizioni dai raggi solari e per creare una maggiore, piacevole e utile micro-aerazione”.
 
Come deve essere la struttura del telaio di una VePa?
 
Le VePa, in quanto tali, non hanno un telaio, come gli infissi; hanno solo due guide, inferiore e superiore, e piccoli profili porta vetro. Un insieme di elementi metallici molto minimali e poco percettibili. 
 
Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella scelta Funzionamento sistema Vepa 

Può dare un'indicazione sintetica sull'installazione delle VePa? L'installazione deve essere certificata?
 
“Installare una VePa richiede una speciale competenza professionale. Occorre fissare scrupolosamente la guida superiore, mentre quella inferiore va fissata e poi sigillata con cura per evitare future infiltrazioni nei pavimenti o nel solaio. Pertanto, è bene rivolgersi ad aziende storiche ed autorevoli che dispongono di installatori esperti e qualificati. In Italia ve ne sono diverse. Alcune eccellenti, quelle già note. L’anno prossimo la nostra Associazione organizzerà dei corsi di formazione per installatori e rilascerà degli attestati. Ma le vere garanzie rimangono sempre le credenziali, la correttezza, la storicità e quindi l’esperienza di un’Azienda e la sua deontologia”.
 
Quanto spazio serve avere a disposizione per l'installazione? È possibile installare le VePa anche in balconi tradizionali o sono preferibili quelli terrazzati?
 
“Oggi il mercato offre diversi modelli e varianti del sistema VePa. A seconda dello spazio di cui si dispone e in base all’esposizione o alla tipologia dell’organismo edilizio in cui andranno inserite le VePa, si può scegliere il modello più adatto. Purché rispetti le prescrizioni imposte dal Legislatore nazionale”.
 
Trattiamo la questione legata alla sicurezza: cosa può dirci in merito alla resistenza al vento, alla deformazione (comportamento plastico e duttile) e alla sicurezza ai fini sismici di una VePa?
 
“Le certificazioni CE sono indispensabili per avere dei parametri prestazionali:
- resistenza agli agenti atmosferici (vento, pioggia, grandine);
- comportamento e reazione ad eventuali deformazioni dovute alle dilatazioni termiche o scosse micro-sismiche;
- test di usura e sollecitazioni meccaniche dovute ad un utilizzo prolungato nel tempo, negli anni.
 
Certificazioni che più o meno tutte le aziende produttrici richiedono e possiedono.                          
 
Va ricordato, tuttavia, che le certificazioni sono parametrali, ovvero danno solo un’idea delle classi normative di riferimento. Vorrei spiegare meglio questo concetto: quando un produttore invia all’istituto di prova una vetrata da testare (ad esempio Istituto Giordano, PfB.CERT, DNV ecc.), questo campione ha delle dimensioni specifiche: solitamente cm. 240 x h. 220.
 
Quando l’utilizzatore finale, cioè il cliente, acquista quel modello testato e certificato (ma ovviamente di dimensioni sempre diverse), e lo fa installare su un quarto piano esposto al vento, i parametri cambiano, non sono più quelli testati.
 
Molti credono che la certificazione sia una garanzia di sicurezza o che possederla prevenga da eventuali rotture o incidenti. Solo una polizza assicurativa può tutelare davvero il consumatore e alcune aziende si stanno già attrezzando per offrire, insieme al prodotto, tale polizza”.
 
Vetrate panoramiche trasparenti e amovibili: cosa valutare nella sceltaDifferenza estetico-architetonica tra VePa e infissi tradizionali ©AssVepa
 
Come avviene la manutenzione ordinaria e quella straordinaria di una VEPA?
 
“Consigliamo ai clienti di formalizzare con le aziende fornitrici un accordo per una regolare manutenzione, almeno biennale (e a pagamento), delle VePa. Alcune aziende offrono già questo importante servizio che permetterà alle vetrate di durare molto più a lungo e in buone condizioni, ben funzionanti e sicure”.
 
Come sa, da poco, l'installazione delle VePa è possibile in edilizia libera. Quale consiglio sente di dare ai nostri lettori circa l'autenticità di un prodotto che viene "venduto" come VePa? A cosa dovrebbe badare un progettista ma anche il consumatore finale?
 
“Certo, lo sappiamo perfettamente: l’inserimento delle VePa in Edilizia Libera è stata una nostra lunga battaglia e un grande successo per tutti. Ne beneficeranno migliaia di aziende e milioni di famiglie.
 
Com’è noto, VePa non è un marchio né un brand o un logo appartenente ad una specifica azienda, VePa è semplicemente l’acronimo sillabico di “Vetrate Panoramiche Amovibili (e oggi abbiamo aggiunto) per il risparmio energetico” (poiché lo abbiamo fatto verificare e asseverare).
 
Pertanto, tutte le vetrate panoramiche che hanno quelle caratteristiche e quelle funzionalità richieste e minuziosamente descritte nell’Art. 33-quater - DL 115/2022, sono o possono essere VePa.
 
Nondimeno, per tutelare i consumatori, il nostro CTA (Comitato Tecnico Assvepa composto da architetti, ingegneri, urbanisti, produttori, progettisti e tecnici esperti, ex magistrati e avvocati), ha stabilito, in linea di massima, che le VePa, per essere tali, devono:
 
1) essere prodotte in Italia, questo per differenziarle da tutti quei prodotti che arrivano dall’estero di dubbia qualità e difficilmente tracciabili, perciò poco sicuri;
2) possedere le certificazioni CE (resistenza e prestazioni);
3) essere “amovibili”;
4) essere dotate di un sistema di apertura delle ante con blocco di sicurezza anti-caduta, che offra sicurezza a bambini e animali domestici;
5) possedere un “Manuale d’Uso, Manutenzione, Tracciabilità e Garanzia”.
 
È in fase di studio un Marchio di Qualità da depositare”.
 
A termine dell’intervista, il presidente Chirenti, ha fornito un’ulteriore importante informazione inerente la sicurezza: Assvepa è attualmente impegnata in una campagna di sensibilizzazione, rivolta alle aziende associate e non, sull’opportunità di stipulare con primarie società, polizze assicurative contro danni a persone o cose, causati da eventuali difetti di produzione nelle materie prime o nella fabbricazione degli accessori ed elementi che compongono le VePa. Alcune aziende virtuose si stanno già organizzando. “Una piccola rivoluzione - una volta tanto e orgogliosamente - tutta italiana”, ha poi concluso Chirenti.

 
Le più lette