Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura
NORMATIVA Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura

Progettista e direttore lavori, ecco quando hanno diritto a un compenso aggiuntivo

Anac sul caso degli aggiornamenti dei computi metrici e della contabilità dei lavori nell’ambito dei contratti ‘a corpo’

snowing©123RF.com
di Paola Mammarella
23/11/2022 - Il progettista o il direttore dei lavori che, per eventi imprevisti ed imprevedibili, devono svolgere nuove prestazioni, hanno diritto ad un compenso aggiuntivo anche se il contratto di appalto è stipulato “a corpo”.
 
La spiegazione arriva dall’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) dopo che l’Associazione di categoria delle organizzazioni italiane di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica (Oice) ha segnalato alcune problematiche applicative nella determinazione dei corrispettivi dei servizi tecnici di architettura e ingegneria.
 
Ricordiamo che nei contratti a corpo il prezzo offerto rimane fisso e non può né aumentare né diminuire in base alla quantità e alla qualità della prestazione. L’importo è quindi predeterminato e non tiene conto dei costi di realizzazione. Ma come comportarsi in caso di eventi imprevisti?
 

Servizi di ingegneria e architettura e aggiornamento prezzari regionali

Oice ha rilevato la prassi di richiedere, in corso di esecuzione del contratto, prestazioni aggiuntive o integrative rispetto a quelle considerate per determinare il compenso a base di gara. Indagini, rilievi e altri studi vengono richiesti senza prevedere un aumento del corrispettivo che, essendo stato determinato “a corpo”, non può essere adeguato.
 
Questa prassi è stata rilevata anche quando le prestazioni aggiuntive derivano da un evento imprevisto e imprevedibile. È il caso delle attività di aggiornamento dei computi metrici estimativi di progetto e della contabilità dei lavori, che si sono rese necessarie dopo che il decreto “Aiuti” (Legge 91/2022) ha disposto l’aggiornamento straordinario dei prezzari regionali per far fronte all’eccezionale aumento dei prezzi delle materie prime.
 
Questi prezzari saranno in vigore fino al 31 dicembre 2022 e potranno essere utilizzati, in via transitoria, per i progetti a base di gara approvati entro il 31 marzo 2023.
 
Questo significa che i titolari degli incarichi di progettazione o di direzione lavori, che abbiano già provveduto nei termini contrattuali pattuiti a redigere i computi metrici estimativi di progetto o la contabilità dei lavori sulla base dei prezziari vigenti al momento della loro redazione, devono svolgere nuove prestazioni per adeguare i computi e la contabilità ai nuovi prezzari.
 
Ma, come già spiegato, le nuove prestazioni, necessarie perché richieste dalla legge, non vengono retribuite perché i contratti sono stati stipulati “a corpo”.
 


Progettisti e direttori dei lavori: compensi e contratti a corpo

L’Anac ha spiegato che, sulla base di un consolidato orientamento della giurisprudenza, il principio dell’immodificabilità del prezzo nei contratti a corpo non è assoluto ed inderogabile, ma trova un limite nella rispondenza dell’opera ai disegni esecutivi e alle specifiche tecniche fornite dalla Stazione appaltante.
 
Solo se l’opera è descritta in modo preciso - si legge nel parere - sulla base di un progetto dettagliato che include tutti gli elaborati necessari, il concorrente è in grado di presentare un’offerta di ribasso rispetto all’importo individuato dalla stazione appaltante a corpo e potrà sopportare il rischio delle quantità rispetto al prezzo pattuito senza che ciò legittimi la trasformazione dell’appalto in un contratto aleatorio.
 
Se - continua l’Anac - l’incremento dei lavori da eseguire risulti di rilevante entità e derivi da carenze quantitative e qualitative della progettazione originaria, l’appaltatore ha diritto ad un compenso ulteriore per i lavori aggiuntivi eseguiti su richiesta del committente o per effetto di varianti. Questo compenso ulteriore, spiega l’Anac, deve essere calcolato “a misura”.
 
L’appalto “a misura” è il contrario di quello “a corpo” e prevede che il corrispettivo sia determinato applicando i prezzi unitari dedotti in contratto alle unità di misura delle singole parti della prestazione.
 
Anac ha aggiunto che la circostanza che, nell’appalto a corpo, il corrispettivo sia fisso ed invariabile non esclude una valutazione autonoma delle ulteriori prestazioni e l’erogazione del corrispettivo corrispondente.
 
L’invariabilità del corrispettivo, ha illustrato l’Anac, comporta l’indifferenza delle eventuali maggiori o minori quantità nella realizzazione della prestazione contrattuale, ma non si riferisce all’esecuzione di prestazioni ulteriori rispetto a quelle oggetto di affidamento.
 
È quindi necessario, ha concluso l’Anac, che
- la documentazione di gara riporti l’elenco dettagliato delle prestazioni oggetto dell’incarico e i relativi corrispettivi;
- qualsiasi prestazione non espressamente considerata debba ritenersi al di fuori del vincolo contrattuale.
 
Sulla base di queste considerazioni, l’Anac ha affermato che l’aggiornamento del computo metrico estimativo di progetto o della contabilità dei lavori, che si rendano necessari dopo la loro redazione e consegna, rappresentano un’attività aggiuntiva da remunerare.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Sondaggi Edilportale
Energia, edilizia, impianti, progetto: la Renovation Wave è il futuro?
Partecipa
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione