Network
Pubblica i tuoi prodotti
PNRR, online gare per il restauro di 293 chiese ed edifici religiosi

PNRR, online gare per il restauro di 293 chiese ed edifici religiosi

Da Invitalia due bandi da 257 milioni di euro per i beni del Fondo degli edifici di culto

Vedi Aggiornamento del 23/03/2023
NapoliChiostroSantaChiara_gonewiththewind©123rfcom
NapoliChiostroSantaChiara_gonewiththewind©123rfcom
di Rossella Calabrese
16/12/2022 - Restaurare e migliorare la qualità e la sicurezza di 293 siti ed edifici religiosi appartenenti al patrimonio culturale del Fondo edifici di culto (FEC), tra cui la Basilica di S. Domenico a Bologna, il Chiostro maiolicato di S. Chiara a Napoli o, ancora, la Basilica di S. Maria Novella a Firenze e altre importanti Chiese dislocate su tutto il territorio nazionale.
 
È l’obiettivo delle due procedure di gara per Accordi Quadro, del valore di 257 milioni di euro, pubblicate da Invitalia, in esecuzione delle determinazioni della Direzione centrale degli affari dei culti e per l’amministrazione del Fondo edifici di culto del Ministero dell’Interno.
 
I bandi attuano la Misura PNRR “Sicurezza sismica nei luoghi di culto, restauro del patrimonio FEC e siti di ricovero per le opere d’arte (Recovery Art), M1C3 - Investimento 2.4” che prevede interventi di restauro per le chiese del Fondo Edificio di Culto.
 

Le due procedure di gara sono state suddivise in 9 lotti geografici e ogni lotto geografico in 4 sub-lotti prestazionali relativi alle diverse prestazioni necessarie alla realizzazione delle opere (servizi tecnici, servizi di verifica della progettazione, lavori e servizi di collaudo).
 
Lo strumento dell’Accordo Quadro costituisce un supporto alla governance dell’intervento PNRR: permette di avviare contestualmente tutte le procedure d’appalto relative alle fasi prestazionali utili all’attuazione dell’intervento e, al tempo stesso, consente agli operatori economici di organizzare per tempo l’offerta (sub-fornitori, materiali, ecc.), a fronte di una domanda ingente e contemporanea.
 
La scadenza della procedura è fissata per il 20 gennaio 2023. Tutti i dettagli sono disponibili sulla piattaforma per la gestione telematica delle gare di Invitalia.
 
Le più lette