Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Progettazione di opere pubbliche: dai 300 milioni di euro del 2016 ai 3 miliardi del 2022

Progettazione di opere pubbliche: dai 300 milioni di euro del 2016 ai 3 miliardi del 2022

I dati di Onsai-Cresme. Ma il Cnappc lancia un monito sul Codice Appalti: ‘l’eccessiva semplificazione rischia di ridurre la qualità architettonica’

Vedi Aggiornamento del 27/06/2024
goodluz © 123rf.com
goodluz © 123rf.com
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 27/06/2024
10/03/2023 - La progettazione delle opere pubbliche sta vivendo una nuova ed eccezionale fase espansiva alla quale contribuisce in modo significativo il PNRR e sulla quale incidono anche altri programmi precedentemente avviati: si è passati, infatti, dai 300 milioni di euro del 2016 ai 3 miliardi del 2022, i bandi da 2.900 a quasi 6.000.
 
La stessa tendenza riguarda anche i concorsi di progettazione che nel 2020 erano stati 121, nel 2021 108, nel 2022 saliti a 511; ben 300 nei solo primi due mesi del 2023.
 
Ma la quantità potrebbe essere inversamente proporzionale rispetto alla qualità delle opere progettate, come emerge dall’allarme lanciato dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC).
 
“È forte il rischio che l’eccessiva semplificazione alla quale tende il testo del nuovo Codice dei Contratti, attualmente al vaglio del Parlamento, non valorizzando il concorso di progettazione, anzi, sottovalutandolo, abbassi fortemente la qualità delle Opere pubbliche, frenando così l’avvio di una stagione virtuosa”.
 
“Il concorso di progettazione non è solo la procedura fondamentale per garantire l’ottenimento di progetti di alta qualità armonicamente inseriti nell’ambiente e nei territori, ma rappresenta un importante investimento di denaro pubblico capace di mettere in atto processi incisivi e duraturi. Ai giovani professionisti, poi, dà la possibilità di partecipare ad una selezione meritocratica sui progetti che prevede l’affidamento dell’incarico al vincitore”. 
 

Codice Appalti: ‘l’eccessiva semplificazione rischia di ridurre la qualità’

A conferma di ciò anche l’apertura alla possibilità di utilizzare l’appalto integrato come procedura di aggiudicazione dei lavori che già in questa fase passa dai 2,5 miliardi di importi in gara del 2016 a oltre 35 miliardi nel 2022, pari al 42% del mercato delle opere pubbliche. 
 

Le altre criticità che emergono dalla ricerca riguardano il calcolo del corrispettivo da porre a base di gara, il mancato rispetto dell’art. 52 del RD 2537/1925 (prestazione non riservata a architetti per immobili storici), il mancato ricorso al concorso per la progettazione di lavori di particolare rilevanza.
 
Infine, i primi risultati del 2023 fanno emergere una minore incidenza dei casi di affidamento al vincitore del concorso dei livelli successivi di progettazione a motivo del sempre più frequente ricorso all’appalto integrato. 
 
Dai dati della ricerca emerge poi che, degli 83 miliardi di lavori in gara nel 2022, 53,6 miliardi riguardano le infrastrutture (reti di trasporto, idriche, rifiuti, energia e telecomunicazioni) e interventi di difesa del suolo, verde pubblico e arredo urbano, ma 30 miliardi di lavori riguardano l’edilizia pubblica sia di nuova costruzione che di riqualificazione. Dei 3,1 miliardi riguardanti le gare di progettazione nel 2022 il 69% è affidato mediante accordi quadro (circa 2,1 miliardi). 
 
Di questi il 45% (1,4 miliardi) sono bandi Invitalia per la progettazione, la direzione lavori e il collaudo di lavori pubblici PNRR-PNC inseriti nel Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare (PINQuA), nei Piani Urbani Integrati (PUI) per la ristrutturazione, la manutenzione e la rifunzionalizzazione ecosostenibile di strutture edilizie pubbliche esistenti, nel Piano di investimenti strategici sui siti del patrimonio culturale (edifici e aree naturali), tra gli investimenti della Missione 6 «Salute» per la realizzazione di reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale (Case della Comunità e ospedali di Comunità). 
 
I principali committenti per la progettazione sono Comuni ed Enti centrali; sanità, scuole, vita sociale e abitare i principali ambiti tematici. 
 
La ricerca “Il boom del mercato delle Opere pubbliche, il nuovo Codice e la qualità della progettazione” realizzata dall’ONSAI - Osservatorio Servizi di Architettura e Ingegneria. CNAPPC-CRESME sarà illustrata oggi, 10 marzo, a Roma nel corso della Conferenza Nazionale degli Ordini degli Architetti PPC.
 
L’iniziativa “Opere pubbliche, nuovo Codice dei contratti: Quale possibile futuro?” sarà trasmessa dalle 9,30 alle 11,20 in diretta streaming sul canale YouTube del CNAPPC. A commentare i dati con i vertici del CNAPPC ci saranno Giuseppe Busia, Presidente ANAC, Massimo Sessa, Presidente Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Francesca De Sanctis, Componente della Commissione Referente Opere Pubbliche ANCE. 
 
Le più lette