Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Rigenerazione edilizia, accordo Demanio-PoliTo per migliorare la qualità della progettazione

Rigenerazione edilizia, accordo Demanio-PoliTo per migliorare la qualità della progettazione

I due Enti elaboreranno soluzioni innovative da applicare al patrimonio immobiliare pubblico

Vedi Aggiornamento del 20/05/2024
Rigenerazione edilizia, accordo Demanio-PoliTo - Ph. tktktk 123rf.com
Rigenerazione edilizia, accordo Demanio-PoliTo - Ph. tktktk 123rf.com
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 20/05/2024
10/05/2023 - Progettare, avviare e implementare iniziative per la riqualificazione del patrimonio pubblico che contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile, del Green Deal europeo e del PNRR.
 
È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione tecnico-scientifica firmato dall’Agenzia del Demanio e dal Politecnico di Torino. Si tratta di una cooperazione anche a fini divulgativi e formativi in aree di interesse comune quali architettura, paesaggistica, urbanistica, efficientamento energetico e digitale, riduzione del rischio sismico.
 
L’accordo punta ad individuare soluzioni innovative e best practices, da mettere a disposizione anche di altre Amministrazioni Pubbliche, finalizzate al miglioramento della qualità architettonica degli interventi da realizzare sugli immobili pubblici e ad elaborare linee guida per la qualità strutturale, sismica, energetica, urbanistico-ambientale e paesaggistica della progettazione possibile attraverso la condivisione e l’analisi dei dati relativi alla gestione del patrimonio immobiliare di proprietà dello Stato.
 

A conclusione di questa fase di studio preliminare, saranno elaborati concept, documenti di indirizzo per progettazione, studi di fattibilità tecnico-economica e project monitoring.
 
Inoltre, la collaborazione con il Politecnico di Torino consentirà di accelerare lo sviluppo dei processi di digitalizzazione del patrimonio immobiliare statale gestito dall’Agenzia del Demanio, con modalità e strumenti orientati al BIM e metodologie innovative per diagnosi e valutazioni specialistiche come quelle urbanistiche, di efficientamento energetico e comportamento strutturale.
 
Grazie a questa collaborazione, l’Ateneo potrà disporre di un patrimonio informativo e conoscitivo per sviluppare nuovi progetti di ricerca, analisi e approfondimento accademico e avviare ricerche avanzate sulle tecniche di adeguamento sismico e di consolidamento strutturale, nonché sulle tecniche d’intervento specifiche per il restauro e la ristrutturazione degli immobili caratterizzati da vincoli di tutela paesaggistica e monumentale.
 
Le più lette