Network
Pubblica i tuoi prodotti
Superbonus e bonus edilizi, ufficiale la proroga dei termini per comunicare sconto e cessione

Superbonus e bonus edilizi, ufficiale la proroga dei termini per comunicare sconto e cessione

Dall’Agenzia delle Entrate la conferma dello slittamento della scadenza dal 16 marzo al 4 aprile 2024

Vedi Aggiornamento del 28/03/2024
Sconto in fattura e cessione del credito - Foto: 4pmproduction 123RF.com
Sconto in fattura e cessione del credito - Foto: 4pmproduction 123RF.com
di Paola Mammarella
23/02/2024 - Più tempo per l’invio delle comunicazioni relative a sconto in fattura e cessione del credito. L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento con cui ufficializza lo slittamento della scadenza dal 16 marzo al 4 aprile 2024.
 

Sconto in fattura e cessione del credito, comunicazioni entro il 4 aprile

Dopo le prime indiscrezioni sulla proroga, l’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento 53159/2024, ha confermato che potranno essere comunicate entro il 4 aprile 2024:
- la scelta dell’opzione di sconto in fattura e cessione del credito, relativi alle spese agevolate dai bonus edilizi sostenute nel 2023;
- la scelta dell’opzione di sconto in fattura e cessione del credito relativa alle rate residue non fruite delle detrazioni riferite alle spese sostenute nel 2020, 2021 e 2022.
 
 
Ci saranno quindi 19 giorni in più rispetto alla scadenza originaria prevista dalla normativa che regola la fruizione del Superbonus e dei bonus edilizi, in base alla quale la comunicazione dello sconto in fattura e cessione del credito va inviata entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione.
 

Sconto in fattura e cessione del credito, il motivo della proroga

Il provvedimento motiva la proroga con la necessità di concedere ai contribuenti e agli intermediari un maggiore lasso di tempo per l’invio della comunicazione.
 
L’Agenzia delle Entrate risponde alle richieste degli operatori, in difficoltà perché non riescono a cedere i crediti nei loro cassetti fiscali.
 
L’argomento è stato al centro di un’interlocuzione con il Governo del Consiglio nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili, che ha sottolineato il bisogno di maggiore tempo per trovare cessionari disposti ad acquistare i crediti fermi nei cassetti fiscali.
 
Le più lette