Network
Pubblica i tuoi prodotti
Legno, materiale tecnologico protagonista dell’edilizia del futuro

Legno, materiale tecnologico protagonista dell’edilizia del futuro

Rockwool spiega come i sistemi costruttivi in legno moderni e la progettazione integrata con stratigrafie performanti stanno rivoluzionando il settore edile

Aggiornato al 12/04/2024 Vedi Aggiornamento del 23/04/2024
Legno, materiale tecnologico protagonista dell’edilizia del futuro
11/04/2024
Vedi Aggiornamento del 23/04/2024
11/04/2024 - Un edificio sostenibile è una struttura progettata, costruita, ristrutturata e gestita in modo da produrre un impatto positivo sull’ambiente, sull’economia e sulla società durante tutto il suo ciclo di vita.
 
Per realizzare un edificio sostenibile è necessaria una progettazione integrata, che consideri in contemporanea molteplici aspetti, quali la qualità indoor, il benessere termico, il comfort acustico, il risparmio energetico e la sicurezza.
 
Tra i vari sistemi costruttivi, il legno offre la possibilità di realizzare edifici sostenibili. Tale peculiarità ha fatto si che negli ultimi 15 anni il numero di abitazioni in legno è quintuplicato passando da poco più di mille a oltre 5 mila, inoltre lo sviluppo del legno come materiale da costruzione, si è rivelato adatto per tutte le destinazioni, per tutti gli usi e localizzazioni.
 
Tutto questo sta rendendo il legno uno dei materiali protagonista dell’edilizia del futuro.
 
A cosa è dovuta questa crescita?
 
Ne abbiamo parlato ampliamente durante il LiveTalk organizzato in collaborazione con ROCKWOOL e che si è svolto ieri in diretta sui canali social di Edilportale.
 
Gli ospiti della puntata sono stati Mauro Tricotti, Project sales manager di ROCKWOOL, e Angelo Luigi Marchetti presidente di Filiera Legno, l’Associazione Nazionale delle Industrie del Legno, di cui ROCKWOOL è socia aggregata e che ha voluto nel salotto virtuale del LiveTalk per rendere la conversazione più sinergica ed approfondita.
 
Secondo gli speaker i motivi per costruire edifici in legno sono:
 
  • rispetto per l’ambiente;
  • benessere abitativo;
  • ottimo comportamento sismico;
  • elevate prestazioni energetiche e acustiche;
  • velocità di realizzazione.
 
A cui si aggiungono dei plus come:
 
  • studio dei dettagli nella fase di progettazione;
  • esecuzione in stabilimento della struttura portante;
  • velocità nella fase di assemblaggio in cantiere;
  • riduzione degli errori e quindi dei rischi di cantiere, in altre parole maggiore sicurezza.
 

Approfondisci maggiormente cliccando QUI

 

L’involucro delle costruzioni in legno

Quando si parla di costruzioni in legno un ruolo fondamentale è svolto dall’involucro.
 
ROCKWOOL da tanti anni sviluppa soluzioni che siano efficaci per le varie tipologie di edificio.  Sfruttando le caratteristiche intrinseche della lana di roccia è stato ideato il sistema a cappotto ROCKWOOL REDArt, che per quanto riguarda le costruzioni in legno ha ottenuto l’ETA (Valutazione Tecnica Europea) sia per i supporti in legno Tiber frame che per le strutture CLT (Cross Laminated Timber), meglio note con il nome X-Lam.
 
L’abbinamento di un involucro in lana di roccia ad un sistema costruttivo in legno è vincente perché:
 
  • permette il controllo e la minimizzazione dei valori di trasmittanza termica;
  • ottimizza l’isolamento e l’assorbimento acustico;
  • offre un controllo dell’equilibrio igrometrico;
  • riduce il rischio di incendio;
  • favorisce la sostenibilità.
 

Per saperne di più clicca QUI

 

Storie di costruzioni in legno

Durante la diretta abbiamo potuto osservare da vicino tutti questi aspetti attraverso i vari case study che Mauro Tricotti ha presentato.
 
Tra questi come non menzionare il progetto della scuola secondaria Be-Leaf a Bitetto, in provincia di Bari; il primo edificio scolastico del sud Italia ad aver ottenuto la prestigiosa certificazione LEED livello Gold.
 
Si tratta di una struttura in CLT (X-Lam) che si estende per una superficie calpestabile di 1550 mq, composta da 9 aule, una palestra, una aula polifunzionale e spazio verde annesso. Per l’involucro sono stati utilizzati il sistema a cappotto ROCKWOOL REDArt e la facciata ventilata ROCKWOOL REDAir con rivestimento Rockpanel, che ha permesso di realizzare una finitura estetica di grande impatto.
 
Ma anche il progetto del Social Housing ex Marangoni, attualmente l’edificio multipiano in legno più alto costruito in Italia. Si tratta di due corpi di fabbrica, il primo di 5 piani fuori terra e l’altro di 9, costruito in CLT con abbinate le soluzioni ROCKWOOL. L’edificio è stato certificato con il protocollo ARCA, il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni in legno, che certifica sia in fase di progettazione che di realizzazione le performance strutturali, termico-acustiche e la sicurezza antincendio.
 
Con questo case study sono stati messi in discussione due diffidenze che ancora accompagnano le costruzione in legno, ovvero la possibilità di realizzare architetture che si sviluppano in altezza e il costo elevato associato al legno.
 
Inoltre, in questo cantiere è stato attivato ROCKCYCLE, il progetto di ROCKWOOL per la sostenibilità, che consiste in un servizio di recupero della lana di roccia dai siti di costruzione e demolizione e reinserimento della stessa nel ciclo produttivo per la realizzazione di nuovi prodotti ROCKWOOL.
 

Per scoprire tutti gli altri progetti clicca QUI

 

Recuperi edilizi con i sistemi in legno

“L'edilizia esistente gioca un ruolo fondamentale nella decarbonizzazione del parco edilizio e l'industrializzazione delle strutture in legno è una chiave importante per questo obiettivo”, ha detto Angelo Luigi Marchetti.
 
Il legno si rivela essere una soluzione vincente anche nel campo del retrofit.

A testimonianza di questo è stato presentato un interessante progetto europeo EnergieSprong che ha coinvolto anche ROCKWOOL e che ha l'obiettivo di sviluppare il mercato delle riqualificazioni outside, ovvero interventi prefabbricati anche per il retrofit dell'esistente.

La riqualificazione Energiesprong consente di trasformare case obsolete ed energivore in abitazioni confortevoli, desiderabili e convenienti, a energia quasi zero, riducendo fino al 50% i tempi dell’intervento, con cantieri di poche settimane.
 

Scopri come riqualificare con il legno

Le più lette