Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vepa sui porticati e tende da sole, le new entry in edilizia libera

Vepa sui porticati e tende da sole, le new entry in edilizia libera

Le novità del Decreto Salva Casa per le vetrate panoramiche amovibili e trasparenti e per le tende da esterno e a pergola

Vedi Aggiornamento del 19/07/2024
Vepa sui porticati e tende da sole in edilizia libera - Foto: joseh51 123rf.com
Vepa sui porticati e tende da sole in edilizia libera - Foto: joseh51 123rf.com
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 19/07/2024
31/05/2024 - L’installazione di vetrate panoramiche amovibili e totalmente trasparenti, VEPA, è da ieri un lavoro di edilizia libera anche su porticati rientranti all’interno dell’edificio. Sono diventati interventi realizzabili in edilizia libera anche le tende, le tende da sole, le tende da esterno e le tende a pergola.

Le novità sono contenuta nel DL 69/2024 Salva Casa, pubblicato due giorni fa in Gazzetta Ufficiale ed entrato in vigore ieri 30 maggio 2024. 
 

VEPA in edilizia libera

Le VEPA, secondo il Testo Unico Edilizia, sono già installabili in regime di edilizia libera su balconi aggettanti dal corpo dell’edificio e su logge rientranti all’interno dell’edificio. Da ieri lo sono anche sui porticati rientranti all’interno dell’edificio.
 
Sono opere che assolvono a funzioni temporanee di protezione dagli agenti atmosferici, miglioramento delle prestazioni acustiche ed energetiche, riduzione delle dispersioni termiche, parziale impermeabilizzazione dalle acque meteoriche.

Questi elementi devono favorire una naturale microaerazione che consenta la circolazione di un costante flusso di arieggiamento a garanzia della salubrità dei vani interni domestici ed avere caratteristiche tecnico-costruttive e profilo estetico tali da ridurre al minimo l’impatto visivo e l'ingombro apparente e da non modificare le preesistenti linee architettoniche.
 
Resta ferma la condizione per cui tali elementi non devono configurare spazi stabilmente chiusi con conseguente variazione di volumi e di superfici, come definiti dal regolamento edilizio-tipo, che possano generare nuova volumetria o comportare il mutamento della destinazione d’uso dell’immobile anche da superficie accessoria a superficie utile.
 
Continuano, ovviamente, ad essere valide le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e le norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienicosanitarie, quelle relative all’efficienza energetica, alla tutela dal rischio idrogeologico, dei beni culturali e del paesaggio.
 
 

Tende da sole in edilizia libera

La seconda novità è l’inserimento nel novero dei lavori di edilizia libera delle opere di protezione dal sole e dagli agenti atmosferici la cui struttura principale sia costituita da tende, tende da sole, tende da esterno, tende a pergola con telo retrattile anche impermeabile, tende a pergola con elementi di protezione solare mobili o regolabili, e che sia addossata o annessa agli immobili o alle unità immobiliari, anche con strutture fisse necessarie al sostegno e all'estensione dell'opera.
 
In ogni caso - stabilisce il Salva Casa -, queste opere non possono determinare la creazione di uno spazio stabilmente chiuso, con conseguente variazione di volumi e di superfici, devono avere caratteristiche tecnico-costruttive e profilo estetico tali da ridurre al minimo l'impatto visivo e l’ingombro apparente e devono armonizzarsi alle preesistenti linee architettoniche.
 

Edilizia libera, le altre opere

Ricordiamo le altre attività di edilizia libera, previste dall’articolo 6 del Testo Unico Edilizia, limitatamente agli edifici:
 
- gli interventi di manutenzione ordinaria;
- gli interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 Kw;
- gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche (esclusi ascensori esterni e manufatti che alterino la sagoma dell’edificio);
- le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni;
- i pannelli solari e fotovoltaici a servizio degli edifici, posti su strutture e manufatti fuori terra diversi dagli edifici o collocati a terra in adiacenza, al di fuori dei centri storici;
- le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.
 
Le più lette