Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Edifici intelligenti, Enea al lavoro sullo Smart Readiness Indicator

Edifici intelligenti, Enea al lavoro sullo Smart Readiness Indicator

L’Agenzia è nel progetto europeo tunES sulla predisposizione degli edifici all’intelligenza

Smart Readiness Indicator, Enea nel progetto europeo tunES - Foto: millaf 123rf.com
Smart Readiness Indicator, Enea nel progetto europeo tunES - Foto: millaf 123rf.com
di Rossella Calabrese
11/06/2024 - La Commissione Europea prescrive l’applicazione, entro il 30 giugno 2027, dello Smart Readiness Indicator (SRI) per misurare l’intelligenza degli edifici non residenziali con impianti termici di potenza nominale superiore a 290 kW. Lo prevede la revisione della Direttiva sul rendimento energetico nell’edilizia (EPBD).
 
Definire una strategia che integri il nuovo indice SRI nell’Attestato di Prestazione Energetica (APE) degli edifici e sviluppare nuove politiche per renderne più efficace l’attuazione sono gli obiettivi del progetto europeo tunES[1], finanziato dalla Commissione europea[2], che vede la partecipazione di sette agenzie nazionali per l’energia di altrettanti Stati Ue[3] - tra cui ENEA per l’Italia - e di altri partner, tra cui l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale in Italia e la società tedesca Empirica (coordinatore).
 
L’indice SRI è stato introdotto nel 2018 dall’Unione Europea come sistema facoltativo comune per gli Stati membri[4] con l’obiettivo di valutare la “predisposizione degli edifici all’intelligenza”. Tale valutazione si basa su un esame della capacità dell’edificio o dell’unità immobiliare di adattare il proprio funzionamento alle esigenze dell’occupante e della rete, nonché di migliorare l’efficienza energetica e la prestazione complessiva.
 
Un edificio è smart se è efficiente, consuma meno e riesce a gestire gli impianti in maniera intelligente attraverso sistemi di building automation. È smart se possiede soluzioni per la gestione ottimale del comfort termico, infrastrutture per l’autoconsumo di energia prodotta localmente, sistemi per il monitoraggio dei consumi e, soprattutto, se dialoga in maniera flessibile con la rete elettrica,” spiega Biagio Di Pietra, responsabile del Laboratorio ENEA Soluzioni Integrate per l’efficienza energetica.
 

Nello specifico, tunES è articolato in cinque aree di studio che vanno dall’aggiornamento di database e strumenti di calcolo per gli indicatori utilizzati nell’APE alla possibile armonizzazione di APE e SRI. ENEA è tra i leader nel progetto per la gestione dei database e lo sviluppo dell’indice SRI, grazie al know-how acquisito nell’implementazione del Sistema Informativo sugli APE (SIAPE)[5] e nelle esperienze di studio maturate in ambito di Ricerca di Sistema Elettrico.
 
“Il progetto tunES, presentato recentemente a Bruxelles nell’ambito di un evento organizzato da ENEA, sarà uno strumento importante per condividere e diffondere le buone pratiche di Certificazione Energetica degli Edifici e dello Smart Readiness Indicator, individuando le policy più appropriate anche attraverso il coinvolgimento degli stakeholder di settore”, continua Di Pietra.
 
“Siamo convinti che integrare l’SRI nella certificazione APE restituisca una fotografia più completa dei nostri edifici”, conclude.
 
Nell’ambito del programma nazionale di Ricerca di Sistema Elettrico, ENEA ha avviato diverse attività sul tema e ha prodotto con l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale un rapporto per valutare il potenziale di smartness del costruito esistente, applicando l’indice SRI a molteplici casi studio.
 
 
Note
[1] tunES, Tuning EPC and SRI instruments to deliver full potential.
 
[2] Programma LIFE 2021-2024 https://ec.europa.eu/info/funding-tenders/opportunities/portal/screen/opportunities/topic-details/life-2022-cet-buildperform.
 
[3] Austria, Croazia, Grecia, Polonia, Slovenia e Ungheria, oltre all’Italia.
 
[4] DIRETTIVA (UE) 2018/844 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.
 
[5] Il SIAPE è lo strumento nazionale per la raccolta degli APE di edifici e unità immobiliari, istituito con lo scopo di restituire un’immagine dettagliata dello stato dell’arte della riqualificazione energetica del parco edilizio nazionale.

 
Le più lette