Testo 330 LL V3
Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

30/05/2014
Recupero sottotetti, nuova legge in Emilia Romagna

Gli interventi sono una ristrutturazione edilizia con aumento del carico urbanistico, necessaria la Scia

Bozza non ancora in vigore 06/03/2013

Emilia Romagna - Norme per il recupero a fini abitativi dei sottotetti

Emilia Romagna - Norme per il recupero a fini abitativi dei sottotetti

Art. 1
Finalità e definizioni
1. La presente legge promuove il recupero a fini abitativi dei sottotetti, con l'obiettivo di contenere il consumo di nuovo territorio attraverso un più efficace riutilizzo dei volumi esistenti, di favorire la messa in opera di interventi tecnologici per il contenimento dei consumi energetici, nel rispetto delle caratteristiche tipologiche e morfologiche degli immobili e delle prescrizioni igienico-sanitarie riguardanti le condizioni di agibilità, salvo quanto disposto dall'art. 2.
2. Per sottotetto si intende lo spazio compreso tra l’intradosso della copertura non piana dell’edificio e l’estradosso del solaio del piano sottostante.
Art. 2
Condizioni per il recupero e modalità di intervento o fine lavori-catasto con ultimazione dei lavori servibile all’uso
1. Negli edifici destinati a residenza per almeno il 25 per cento della superficie utile è possibile il recupero a solo scopo residenziale dei vani presenti nel sottotetto per i quali sia stato richiesto il certificato di conformità edilizia ed agibilità entro il 31 dicembre 2010. Nei sottotetti possono essere ricavate anche nuove unità immobiliari funzionalmente autonome, nel rispetto di quanto previsto all’art.3, comma 3.
2. Il recupero abitativo dei sottotetti è consentito purché sia assicurato per ogni singolo vano il rispetto dei seguenti parametri:
a) l'altezza utile media di metri 2,40 per i locali, adibiti ad abitazione, ridotta a metri 2,20 per i Comuni con un’altitudine media di 600 metri sul livello del mare, e di m. 2,20 per i locali adibiti a servizi, quali corridoi, disimpegni, bagni e ripostigli. L'altezza utile media è calcolata dividendo il volume utile della parte del sottotetto la cui altezza superi m. 1,80 per la superficie utile relativa;
b) il rapporto illuminante, pari o superiore a un sedicesimo. Il rispetto di tale rapporto è ammesso anche se derivante solo da lucernari.
3. Gli interventi edilizi per il recupero a fini abitativi dei sottotetti possono comportare:
a) l’inspessimento verso l’esterno delle falde di copertura per la realizzazione di opere di miglioramento dell’isolamento termico e dell’inerzia termica;
b) l’apertura di finestre, lucernari, abbaini e terrazzi in falda per assicurare l’osservanza dei requisiti illumino-ventilanti e per garantire il benessere degli abitanti;
c) per gli edifici di altezza pari o inferiore al limite di altezza massima posto dallo strumento urbanistico, sono ammesse modificazioni delle altezze del colmo (per un massimo di 1,00 ml) e della linea di gronda (per un massimo di 0,50 ml) e delle linee di pendenza delle falde, unicamente al fine di assicurare i parametri di cui al comma 2, lettere a) e b), fatto salvo l’obbligo di rispettare le distanze dai confini, dai fabbricati, e dalle infrastrutture per la mobilità. Gli interventi di cui alle lettere a) b) e c) del presente comma, comportanti modifica di sagoma e volume non sono ammessi negli ambiti di cui agli artt. A-3bis, A-7, A-9, A-13, A-14, A-17 di cui all’Allegato alla L.R. 24 marzo 2000, n.20 (Disciplina generale sulla tutela e l’uso del territorio).
4. Gli interventi di recupero dei sottotetti sono comunque ammessi negli edifici esistenti negli ambiti di cui all’art. A-12 di cui all’Allegato alla L.R. 24 marzo 2000, n.20 anche in carenza dell’adozione del Piano operativo Comunale (POC). Non sono invece ammessi negli edifici esistenti negli ambiti di cui all’art. A-11 di cui all’Allegato sopra citato, fino all’approvazione del POC e del Piano Urbanistico Attuativo (PUA).
5. Il regolamento urbanistico edilizio (RUE) può determinare:
a) le tipologie edilizie per le quali è precluso il recupero a fini abitativi dei sottotetti;
b) le tipologie di aperture nelle falde;
c) ogni altra condizione per il rispetto degli aspetti paesistici, ambientali e monumentali dell'edificio oggetto d'intervento. Fino all’adozione della variante al RUE, contenente le determinazioni di cui alle lettere a) b) e c) del presente comma, valgono solo i limiti di cui all’ultimo capoverso del comma 3.
6. La realizzazione dell'intervento di recupero dei sottotetti con le modalità di cui alle lettere b) e c) del comma 3, richiede la valutazione della sicurezza e, qualora necessario, l'adeguamento sismico dell'intera costruzione, nell'osservanza della vigente normativa tecnica per le costruzioni. In presenza di edifici in aggregato edilizio il progetto dovrà tener conto delle possibili interazioni derivanti dalla contiguità strutturale con gli edifici adiacenti.
7. La realizzazione dell'intervento di recupero dei sottotetti dovrà avvenire con l'utilizzo di tecniche costruttive che garantiscano l'applicazione dei requisiti di prestazione energetica per gli ampliamenti di edifici, di cui alla L.R. 26/04 “Disciplina della programmazione energetica territoriale ed altre disposizioni in materia di ener [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Metal Deploye
Knauf manuale antincendio

NEWS NORMATIVA

14/12 - Opere fluviali, possono progettarle solo gli ingegneri?

Dal Consiglio di Stato una panoramica sulle competenze acquisite nei corsi di studio in ingegneria e architettura

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole


Scaff System
Pendenzato