M.v.b.
Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

03/07/2014
Autorizzazioni semplificate, AUA online in Lombardia

Il modello si può utilizzare per le Pmi e gli impianti che hanno dimensioni tali da non richiedere l’AIA

Decr. Amministrativo 25/06/2014 n. 5512

(Gazzetta regionale 30/06/2014 n. 27)

Regione Lombardia - Approvazione del modello unico per la presentazione delle istanze di autorizzazione unica ambientale

Il Direttore generale alla direzione generale ambiente, energia e sviluppo sostenibile
Visto il Dpr n.13 marzo 2013 n. 59 "Regolamento recante la disciplina dell'autorizzazione unica ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle imprese e sugli impianti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale, a norma dell'articolo 23 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35", pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta ufficiale n. 124 del 29 maggio 2013 (serie generale)
Viste:
— la circolare 5 agosto 2013 n. 19 "Primi indirizzi regionali in materia di autorizzazione unica ambientale", con cui, tra l'altro, Regione Lombardia adottava (allegato 2), il "modello generale di istanza Aua", nelle more dell'adozione della modulistica nazionale ai sensi dell'art. 10 comma 3 del sopra citato Dpr 59/2013;
— la Dgr 16 maggio 2014, n. 1840, che ha fornito ulteriori indirizzi regionali in merito all'applicazione del regolamento Aua;
Ricordato che il Dpr 59/2013 prevede l'adozione di un modello semplificato e unificato per la richiesta di Aua e che nelle more dell'emanazione dello stesso, la domanda deve essere presentata corredata dai documenti, dalle dichiarazioni e dalle altre attestazioni previste dalle vigenti normative di settore;
Vista l'urgenza, sollecitata dagli operatori ed emersa anche nell'ambito dei lavori del tavolo regionale permanente — istituito con Ddg 9950/2013 -, di procedere alla predisposizione degli strumenti tecnico-normativi, ivi incluso il modello regionale di modulistica Aua, necessari a garantire una gestione uniforme, coordinata ed efficace dei procedimenti;
Richiamato, in tal senso, il punto 1 della citata Dgr 1840/2014, che dispone la definizione:
— di un modello unico per la presentazione delle istanze di autorizzazione unica ambientale (di seguito Aua), comprensivo dei documenti, delle dichiarazioni e delle attestazioni previste dalle vigenti normative di settore relative ai titoli sostituiti dall'Aua, in conformità a quanto previsto dall'articolo 4, comma 1, del Dpr 59/2013;
— di specifiche tecniche per l'interoperabilità tra i sistemi informativi degli enti coinvolti, individuando contestualmente il termine di adeguamento dei sistemi informativi utilizzati a supporto della gestione del procedimento Aua;
Considerato, inoltre, che la medesima deliberazione dispone:
— che la documentazione di cui al punto precedente sia realizzata secondo criteri di semplificazione amministrativa, razionalizzazione dei contenuti amministrativi, digitalizzazione e conformità con le norme ambientali settoriali (punto 2);
— che l'approvazione della medesima sia demandata ad atti amministrativi da emanarsi a cura delle direzioni generali competenti (punto 3);
Acquisita e fatta propria la proposta di modulistica regionale unificata Aua predisposta nell'ambito dei lavori del Tavolo Regionale Permanente, costituito con decreto del Direttore generale ambiente, energia e sviluppo sostenibile n. 9950 del 31 ottobre 2013, e condivisa dai soggetti partecipanti allo stesso (Regione Lombardia, Unione Province Lombarde, Anci, Associazioni di categoria, Union Camere);
Atteso che detta proposta è composta da:
— "SCHEDA GENERALE" riportante i dati del Gestore, della Società e dell'impianto oggetto di istanza;
— n. 7 "SCHEDE SETTORIALI" contenenti le informazioni tecniche relative ai titoli abilitativi oggetto di istanza;
— "MODELLI" quali fac-simile degli allegati previsti dalle Schede;
Ritenuto che la proposta di modulistica regionale unificata Aua, comprensiva di schede, modelli e allegati sopra descritti, risponde ai principi e criteri introdotti dalla delibera regionale sopra richiamata, in conformità agli indirizzi introdotti dal regolamento Aua di cui al Dpr 59/2013;
Rilevato che contestualmente Regione Lombardia provvede:
— ad adottare specifiche tecniche per l'interoperabilità tra sistemi informativi — comprensivo dei file.xsd del modulo Aua — nel rispetto delle regole già definite a livello nazionale (come declinate nel Dpr 160/2010), al fine di traguardare la razionalizzazione delle procedure amministrative per il rilascio del titolo abilitativo sotteso all'Aua;
— a rendere disponibili agli operatori, in via sussidiaria ed a titolo gratuito, , le funzionalità della piattaforma regionale Muta (Modello unico trasmissione atti) per la gestione dell'iter procedurale di ogni istanza per il rilascio dell'Aua;
Dato atto che la modulistica unificata, compilabile on-line, è pubblicata nella piattaforma regionale Muta, all'indirizzo internet www.muta.servizirl.it, analogamente ai file.xsd del modulo Aua, e sul portale nazionale www.impresainungiorno.gov.it;
Atteso che l'istanza di Aua deve essere presentata al Sportello unico attività produttive (Suap), secondo le modalità indicate sul relativo sito, in ottemperanza a quanto previsto dal Dpr 160/2010;
Atteso, inoltre, che, in ottemperanza a quanto previsto dalle specifiche tecniche di cui al Dpr n. 160/2010, nei casi in cui sia attiva presso un Suap una modalità telematica di compilazione guidata e di gestione delle istanze in formato standard XML, i soggetti gestori sono tenuti all'inoltro delle stesse utilizzando esclusivamente la suddetta modalità, con l'esclusione dell' utilizzo della posta elettronica certificata per l'invio al Suap;
Rilevato, infine, che la modulistica unificata Aua dovrà essere opportunamente integrata nei sistemi informativi in uso presso le singole amministrazioni pubbliche coinvolte nel procedimento Aua, sulla base delle specifiche di interoperabilità;
Ravvisata, pertanto, l'opportunità di prevedere una fase transitoria di adeguamento funzionale del sistema telematico da parte di tutti i soggetti coinvolti, a far tempo dalla pubblicazione del presente decreto e fino al 31 ottobre 2014;
Verificato che, nel periodo transitorio, in assenza di una modalità telematica di compilazione guidata e di gestione delle istanze in formato standard XML, la domanda possa essere presentata e gestita secondo le modalità telematiche in uso presso i Suap o utilizzando la piattaforma regionale Muta;
Considerato, altresì, che durante il periodo transitorio di adeguamento il tavolo regionale permanente svolgerà il monitoraggio dei risultati ottenuti in attuazione del presente decreto e procederà agli opportuni aggiornamenti della modulistica unificata Aua, anche sulla scorta delle osservazioni e integrazioni proposte dai soggetti coinvolti;
Vista la legge regionale 7 giugno 2008 n. 20 "Testo unico delle leggi regionali in materia di organizzazione e personale", e la Dgr n. 3 del 20 marzo 2013 "Costituzione delle Direzioni generali, incarichi e altre disposizioni organizzative – I provvedimento organizzativo della X Legislatura)".
Decreta
1. Di approvare la modulistica [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Blumatica BIM
UP

NEWS NORMATIVA

16/11 - Sismabonus, gli ingegneri sismici: ‘potenziare le agevolazioni fiscali’

ISI propone tetti di spesa in base ai metri quadri e bonus per diagnosi sismiche anche senza lavori. Su quest’ultimo punto c’è un emendamento del M5S

16/11 - Antisismica, il Governo valuta incentivi per la verifica statica degli immobili

Accolto un ordine del giorno per la mappatura degli immobili residenziali di edilizia privata e pubblica


Fischer
Gen2 Home