Edil Expo Latina
Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

18/04/2019
Sblocca Cantieri, dal Consiglio dei Ministri il via libera-bis

Appalto integrato, incentivo 2% ai progettisti della PA, innalzamento al 50% del limite per il subappalto

12/04/2019
Sblocca Cantieri, il decreto verso la Gazzetta Ufficiale

Deroga alle distanze minime, ritorno temporaneo all’appalto integrato e procedure snelle in zona sismica: il Governo annuncia l’arrivo delle nuove misure

04/04/2019
Decreto Crescita, via libera alle semplificazioni per l’edilizia

Deroghe alle distanze minime, silenzio assenso per lavori su beni culturali, sismabonus per l’acquisto in zona 2 e 3 e premi volumetrici per la rigenerazione urbana

01/04/2019
Distanze tra edifici, proposta eliminazione del limite di 10 metri

Nel Decreto ‘Crescita’ anche interventi di edilizia privata sui beni culturali con silenzio assenso dopo 90 giorni nel biennio 2019 - 2020

27/03/2019
Distanze tra pareti finestrate, anche i balconi vanno conteggiati

La Cassazione spiega: inderogabili i limiti fissati dalle norme nazionali per tutelare decoro e sicurezza

17/01/2019
Consumo di suolo, Ance propone una ‘rivoluzione culturale’

Poche regole generali e incentivi per la rigenerazione con processi differenziati in base al tipo di tessuto urbano

29/11/2018
Cambio di destinazione d’uso, quando serve il permesso di costruire?

Consiglio di Stato: dipende se la variazione avviene tra categorie edilizie omogenee e se aumenta il carico urbanistico della zona

19/09/2018
Ricostruzione con sagoma diversa, è una nuova costruzione?

La Cassazione spiega il concetto di sagoma di ingombro e l’importanza del rispetto delle distanze tra edifici

10/08/2018
Distanze, norme ad hoc per gli edifici al confine con piazze e vie pubbliche

Consiglio di Stato: necessario osservare le leggi e i regolamenti edilizi appositamente scritti, non le disposizioni generali

26/01/2018
Ance: la riqualificazione è bloccata da incertezze su distanze e altezze

Gli interventi di demolizione e ricostruzione fanno i conti con la difficoltà di derogare agli standard edilizi e urbanistici

24/10/2017
Demolizione e ricostruzione, a quale distanza?

Consiglio di Stato: dipende dalla sagoma del nuovo edificio e dall'area su cui viene ricostruito

04/10/2017
Distanze minime, valgono solo per le nuove costruzioni

CdS: in caso di demolizione e ricostruzione l’edificio non deve arretrare ma rispettare la distanza preesistente

26/07/2017
Liguria, approvati i nuovi standard urbanistici

Sostituiscono i criteri ministeriali del 1968 per la redazione dei piani urbanistici comunali

21/07/2016
Distanze tra edifici, si può derogare solo se c’è interesse pubblico

La Corte Costituzionale bacchetta le Marche per aver esteso questa possibilità a tutti gli interventi di trasformazione edilizia

13/04/2016
Campania, sanatoria per i lavori eseguiti senza permesso ma conformi al Piano Casa

Saranno valide fino al 31 dicembre 2017 le norme su ampliamenti entro il 20% e demolizioni e ricostruzioni con premio fino al 35%

20/11/2015
Rigenerazione urbana, INU: ‘un ecobonus ad hoc per quartieri e parti di città’

La proposta: individuare nuovi parametri, come la qualità dei suoli, la resilienza naturale e sociale, sui quali applicare gli incentivi fiscali

26/10/2015
Le distanze minime tra pareti finestrate non valgono per i lucernari

CdS: le finestre tipo ‘velux’ non consentono di affacciarsi sul fondo vicino né di guardare di fronte

26/06/2015
Deroghe alle distanze, impugnato il Piano Casa del Molise

Governo: si introduce una sanatoria delle violazioni di distanze e altezze commesse prima dell’approvazione della legge

22/06/2015
Liguria, impugnate le semplificazioni in edilizia

Norme in contrasto con le definizioni di manutenzione ordinaria, ristrutturazione e nuova costruzione date dalle leggi statali

23/05/2014
Nuova legge nazionale sul governo del territorio, forse ci siamo

Attesa dal 1942, la nuova norma regolerà la pianificazione territoriale, la perequazione urbanistica, il rinnovo urbano, l’edilizia sociale

05/05/2014
Edificabilità, i limiti sono definiti dalla densità fondiaria

Cassazione: per capire quanto si può costruire su un’area non bisogna considerare la densità territoriale

27/01/2014
Impugnato dal Governo il Piano Casa del Veneto

Sotto esame l’impossibilità per i Comuni di graduare l’applicazione della norma in base al territorio

29/11/2013
Distanze tra edifici, i balconi vanno inclusi

Consiglio di Stato: nel computo devono essere considerate anche le sporgenze, non solo le pareti finestrate

05/08/2013
Semplificazioni, marcia indietro sulla Scia per i cambi di sagoma

Decreto del fare: le Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio del Senato introducono deroghe sulle distanze tra edifici

08/04/2013
Distanze tra edifici, quando si può non rispettarle

Le Regioni possono introdurre deroghe solo per interessi pubblici di governo del territorio

05/02/2013
Spazi verdi urbani, in Gazzetta la legge sul recupero delle città

Ok al contenimento del consumo di suolo e agli incentivi per riqualificazione e riutilizzo degli edifici

08/01/2013
Piano Casa Abruzzo, interventi fino al 2014

Le misure per il rilancio dell’edilizia non si cumulano a quelle per la riqualificazione urbana

04/01/2013
Piano Casa Molise, più convenienti gli ampliamenti

Interventi nelle aree perimetrate, con insediamenti abusivi, senza considerare le volumetrie esistenti

21/09/2012
Rilascio del permesso di costruire: non varrà più il silenzio-rifiuto

Nel ddl Semplificazioni anche deroghe alle distanze per gli edifici colpiti da terremoti e regole meno rigide per la qualificazione delle imprese

13/02/2012
Piano Casa Molise, più chances per le zone rurali

Con la finanziaria regionale ok a ampliamenti e cambi di destinazioni d’uso in zona E

16/09/2011
Distanze tra edifici, prevale sempre la norma statale

Sostituibili dalle disposizioni di rango superiore i regolamenti comunali in contrasto col dm 1444

30/05/2011
Distanze tra edifici, intoccabile la normativa statale

Corte Costituzionale: possibili solo le deroghe ai regolamenti edilizi locali e ai piani regolatori comunali

20/05/2011
Piano Casa Veneto, in arrivo la proroga al 2013

Premialità aggiuntive con riqualificazione energetica e banca dati degli interventi tra le novità

29/11/2010
Distanze tra edifici, rilevanti tutti gli elementi costruttivi

CdS: non vanno computate le parti di dimensioni ridotte che non pregiudicano la sicurezza

04/05/2009
Distanze tra edifici, qualche dubbio col Piano Casa

Attese le norme regionali per considerazioni pratiche anche in materia di altezze e densità abitativa

30/04/2009
Piano Casa, il Governo allunga i tempi

Ancora aperta la partita Governo – Regioni, tra confronto normativo e critiche alla lentezza delle istituzioni slitta ancora la discussione del DL

19/12/2007
La Finanziaria 2008 incrementa gli standard urbanistici

I Comuni potranno subordinare le trasformazioni alla cessione gratuita di aree da destinare a edilizia pubblica

05/11/2007
Il piano comunale può essere più restrittivo rispetto al PTCP

CdS: il Piano territoriale pone limiti minimi di tutela ambientale; il piano comunale può fare scelte più rigorose

21/05/2007
Il Tar Lombardia sul recupero dei sottotetti

Se non si mantengono le altezze e le distanze è nuova costruzione

Decreto Ministeriale 02/04/1968 n. 1444

(Gazzetta ufficiale 16/04/1968 n. 97)

Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi, da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765.

Art. 1 - Campo di applicazione

Le disposizioni che seguono si applicano ai nuovi piani regolatori generali e relativi piani particolareggiati e lottizzazioni convenzionate; ai nuovi regolamenti edilizi con annesso programma di fabbricazione e relative lottizzazioni convenzionate; alle revisioni degli strumenti urbanistici esistenti

Art. 2 - Zone territoriali omogenee.

Sono considerate zone territoriali omogenee, ai sensi e per gli effetti dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765:
A) le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestano carattere storico, artistico e di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessi;
B) le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, diverse dalle zone A): si considerano parzialmente edificate le zone in cui la superficie coperta degli edifici esistenti non sia inferiore al 12,5% (un ottavo) della superficie fondiaria della zona e nelle quali la densità territoriale sia superiore ad 1,5 mc/mq;
C) le parti del territorio destinate a nuovi complessi insediativi, che risultino inedificate o nelle quali l'edificazione preesistente non raggiunga i limiti di superficie e densità di cui alla precedente lettera B);
D) le parti del territorio destinate a nuovi insediamenti per impianti industriali o ad essi assimilati;
E) le parti del territorio destinate ad usi agricoli, escluse quelle in cui - fermo restando il carattere agricolo delle stesse - il frazionamento delle proprietà richieda insediamenti da considerare come zone C);
F) le parti del territorio destinate ad attrezzature ed impianti di interesse generale

Art. 3 - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti residenziali e gli spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

Per gli insediamenti residenziali, i rapporti massimi di cui all'art. 17, penultimo comma, della legge n. 765 sono fissati in misura tale da assicurare per ogni abitante - insediato o da insediare - la dotazione minima, inderogabile, di mq 18 per spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggio, con esclusione degli spazi destinati alle sedi viarie.
Tale quantità complessiva va ripartita, di norma, nel modo appresso indicato:
a) mq 4,50 di aree per l'istruzione: asili nido, scuole materne e scuole dell'obbligo;
b) mq 2,00 di aree per attrezzature di interesse comune: religiose, culturali, sociali, assistenziali, sanitarie, amministrative, per pubblici servizi (uffici P.T., protezione civile, ecc.) ed altre;
c) mq 9,00 di aree per spazi pubblici attrezzati a parco e per il gioco e lo sport, effettivamente utilizzabili per tali impianti con esclusione di fasce verdi lungo le strade ;
d) mq 2,50 di aree per parcheggi (in aggiunta alle superfici a parcheggio previste dall'art. 18 della legge n. 765): tali aree - in casi speciali - potranno essere distribuite su diversi livelli.
Ai fini dell'osservanza dei rapporti suindicati nella formazione degli strumenti urbanistici, si assume che, salvo diversa dimostrazione, ad ogni abitante insediato o da insediare corrispondano mediamente 25 mq di superficie lorda abitabile (pari a circa 80 mc vuoto per pieno), eventualmente maggiorati di una quota non superiore a 5 mq (pari a circa 20 mc vuoto per pieno) per le destinazioni non specificamente residenziali ma strettamente connesse con le residenze (negozi di prima necessità, servizi collettivi per le abitazioni, studi professionali, ecc.)

Art. 4 - Quantità minime di spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi da osservare in rapporto agli insediamenti residenziali nelle singole zone territoriali omogenee.

La quantità minima di spazi - definita al precedente articolo in via generale - è soggetta, per le diverse zone territoriali omogenee, alle articolazioni e variazioni come appresso stabilite in rapporto alla diversità di situazioni obiettive.
1. - Zone A): l'Amministrazione comunale, qualora dimostri l'impossibilità - per mancata disponibilità di aree idonee, ovvero per ragioni di rispetto ambientale e di salvaguardia delle caratteristiche, della conformazione e delle funzioni della zona stessa - di raggiungere le quantità minime di cui al precedente articolo 3, deve precisare come siano altrimenti soddisfatti i fabbisogni dei relativi servizi ed attrezzature.
2. - Zone B): quando sia dimostrata l'impossibilità - detratti i fabbisogni comunque già soddisfatti - di raggiungere la predetta quantità di spazi su aree idonee, gli spazi stessi vanno reperiti entro i limiti delle disponibilità esistenti nelle adiacenze immediate, ovvero su aree accessibili tenendo conto dei raggi di influenza delle singole attrezzature e della organizzazione dei trasporti pubblici.
Le aree che vanno destinate agli spazi di cui al precedente art. 3 nell'ambito delle zone A) e B) saranno computate, ai fini della determinazione delle quantità minime prescritte dallo stesso articolo, in misura doppia di quella effettiva.
3. - Zone C): deve essere assicurata integralmente la quantità minima di spazi di cui all'art. 3.
Nei Comuni per i quali la popolazione prevista dagli strumenti urbanistici non superi i 10 mila abitanti, la predetta quantità minima di spazio è fissata in mq 12 dei quali mq 4 riservati alle attrezzature scolastiche di cui alla lett. a) dell'art 3. La stessa disposizione si applica agli insediamenti residenziali in Comuni con popolazione prevista superiore a 10 mila abitanti, quando trattasi di nuovi complessi insediativi per i quali la densità fondiaria non superi 1 mc/mq.
Quando le zone C) siano contigue o in diretto rapporto visuale con particolari connotati naturali del territorio (quali coste marine, laghi, lagune, corsi d'acqua importanti; nonché singolarità orografiche di rilievo) ovvero con preesistenze storico-artistiche ed archeologiche, la quantità minima di spazio di cui al punto c) del precedente art. 3 resta fissata in mq 15: tale disposizione non si applica quando le zone siano contigue ad attrezzature portuali di interesse nazionale.
4.- Zone E): la quantità minima è stabilita in mq 6 da riservare complessivamente per le attrezzature ed i servizi di cui alle lettere a) e b) del precedente art. 3.
5. - Zone F): gli spazi per le attrezzature pubbliche di interesse generale - quando risulti l'esigenza di prevedere le attrezzature stesse - debbono essere previsti in misura non inferiore a quella appresso indicata in rapporto alla popolazione del territorio servito:
- 1,5 mq/abitante per le attrezzature per l'istruzione superiore all'obbligo (istituti universitari esclusi);
- 1 mq/ abitante per le attrezzature sanitarie ed ospedaliere;
- 15 mq/ abitante per i parchi pubblici urbani e territoriali.

Art. 5 - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti produttivi e gli spazi pubblici destinati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

l rapporti massimi di cui all'art 17 della legge n 765, per gli insediamenti produttivi, sono definiti come appresso:
1) nei nuovi insediamenti di carattere industriale o ad essi assimilabili compresi nelle zone D) la superficie da destinare a spazi pubblici o destinata ad attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi (escluse le sedi viarie) non può essere inferiore al 10% dell'intera superficie destinata a tali insediamenti;
2) nei nuovi insediamenti di carattere commerciale e direzionale, a 100 mq di superficie lorda di pavimento di edifici previsti, deve corrispondere la quantità minima di 80 mq di spazio, escluse le sedi viarie, di cui almeno la metà destinata a parcheggi (in aggiunta a quelli di cui all'art. 18 della legge n. 765); tale quantità, per le zone A) e B) è ridotta alla metà, purché siano previste adeguate attrezzature integrative

Art. 6 - Mancanza di aree disponibili

l Comuni che si trovano nell'impossibilità, per mancanza di aree disponibili, di rispettare integralmente le norme stabilite per le varie zone territoriali omogenee dai precedenti articoli 3, 4 e 5 debbono dimostrare tale indisponibilità anche agli effetti dell'art 3, lett. d) e dell'articolo 5, n. 2 della legge n. 765.

Art. 7 - Limiti di densità edilizia

I limiti inderogabili di densità edilizia per le diverse zone territoriali omogenee sono stabiliti come segue:
1) Zone A):
- per le operazioni di risanamento conservativo ed altre trasformazioni conservative, le densità edilizie di zona e fondiarie non debbono superare quelle preesistenti, computate senza tener conto delle soprastrutture di epoca recente prive di valore storico-artistico;
- per le eventuali nuove costruzioni ammesse, la densità fondiaria non deve superare il 50% della densità fondiaria media della zona e, in nessun caso, i 5 mc/mq;
2) Zone B): le densità territoriali e fondiarie sono stabilite in sede di formazione degli strumenti urbanistici tenendo conto delle esigenze igieniche, di decongestionamento urbano e delle quantità minime di spazi previste dagli artt. 3, 4 e 5.
Qualora le previsioni di piano consentano trasformazioni per singoli edifici mediante demolizione e ricostruzione, non sono ammesse densità fondiarie superiori ai seguenti limiti:
- 7 mc/mq per comuni superiori ai 200 mila abitanti;
- 6 mc/mq per comuni tra 200 mila e 50 mila abitanti;
- 5 mc/mq per comuni al di sotto dei 50 mila abitanti.
Gli abitanti sono riferiti alla situazione del Comune alla data di adozione del piano.
Sono ammesse densità superiori ai predetti limiti quando esse non eccedano il 70% delle densità preesistenti.
3) Zone C): i limiti di densità edilizia di zona risulteranno determinati dalla combinata applicazione delle norme di cui agli artt. 3, 4 e 5 e di quelle di cui agli artt. 8 e 9, nonché dagli indici di densità fondiaria che dovranno essere stabiliti in sede di formazione degli strumenti urbanistici, e per i quali non sono posti specifici limiti.
4) Zone E): è prescritta per le abitazioni la massima densità fondiaria di mc 0,03 per mq.

Art. 8 - Limiti di altezza degli edifici.

Le altezze massime [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
WindFree
Fibrotubi

Edilportale Tour 2019

NEWS NORMATIVA

23/04 - Sblocca Cantieri, lavori di ricostruzione in Centro Italia senza gara

Nel testo anche delocalizzazione permanente post calamità di abitazioni e attività economiche e nuova classificazione degli interventi nelle zone sismiche

19/04 - Sblocca Cantieri, finalmente in vigore le modifiche urgenti al Codice Appalti

Appalto integrato, incentivo 2% ai progettisti PA, subappalto fino al 50%. Atteso tra 180 giorni il regolamento attuativo unico


Bigmat offerte di primavera
Edil Expo Latina