Torggler
Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Delibera/zione 03/05/ 2013 n. 42

Regione Veneto - Individuazione delle aree e dei siti non idonei all'istallazione di impianti idroelettrici. Decreto Ministeriale 10 settembre 2010. Articolo 33, comma 3, lettera q) dello Statuto regionale

Delibera/zione 02/05/ 2013 n. 38

Regione Veneto - Individuazione delle aree e dei siti non idonei alla costruzione e all'esercizio di impianti per la produzione di energia alimentati da biomasse, da biogas e per produzione di biometano, ai sensi del paragrafo 17.3 delle "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili" emanate con il Decreto del Ministro dello sviluppo economico 10 settembre 2010

Legge regionale 21/03/ 2011 n. 11

Regione Toscana - Disposizioni in materia di installazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili di energia. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia) e alla legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio).

Delibera/zione 08/03/ 2011 n. 255

Regione Marche - D.M. 10 settembre 2010 del Ministro dello Sviluppo economico - Recepimento linee guida nazionali per l'autorizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili

Regolamento 30/12/ 2010 n. 24

Regione Puglia - Regolamento attuativo del Decreto del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, “Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili”, recante la individuazione di aree e siti non idonei alla installazione di specifiche tipologie di impianti alimentati da fonti rinnovabili nel territorio della regione Puglia

Delibera/zione 14/12/ 2010 n. 3-1183

Regione Piemonte - Individuazione delle aree e dei siti non idonei all'installazione di impianti fotovoltaici a terra ai sensi del paragrafo 17.3. delle "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili" di cui al decreto ministeriale del 10 settembre 2010

Delibera/zione 19/11/ 2010 n. 520

Regione Lazio - Revoca delle deliberazioni di Giunta Regionale nn. 517/2008 e 16/2010 inerenti l'approvazione e la modifica delle linee guida regionali per lo svolgimento del procedimento unico, relativo alla installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, di cui al decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387

Legge regionale 18/10/ 2010 n. 13

Regione Puglia - Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell’impatto ambientale)

News Correlate

22/02/2013
Toscana, disciplinato il fotovoltaico a terra nelle aree tutelate

Interessati gli impianti con potenza maggiore di 20 Kw, regole anche per gli impianti su frangisole

14/01/2013
Veneto, individuati i siti non idonei al fotovoltaico a terra

La Regione disincentiva gli impianti a terra a favore di quelli sui tetti

19/12/2012
Marche, nuovi indirizzi per il Piano Energetico Ambientale Regionale

Recepita la normativa Burden Sharing, individuate le aree non idonee agli impianti a biomasse e biogas

30/10/2012
Liguria, ecco le linee guida per gli impianti ad energia rinnovabile

Recepito il DM 10 settembre 2010, nuove norme per la VIA

30/10/2012
Veneto, disciplinato il fotovoltaico a terra

Niente pannelli in siti Unesco, zone umide, aree protette, aree agricole di qualità

30/04/2012
Rinnovabili, in Calabria procedura semplificata per impianti sotto 1 MW

Delibera della Giunta in attuazione del Decreto Rinnovabili

24/04/2012
Lombardia, linee guida per gli impianti da fonti rinnovabili

A breve anche l’individuazione delle aree ‘‘non idonee’’ alle installazioni

08/02/2012
Rinnovabili, il Piemonte attua le linee guida nazionali

Pubblicate le delibere per la realizzazione degli impianti e le aree non idonee

04/01/2012
Rinnovabili, nel Lazio ok alla legge per la semplificazione

Aumentano del 30% le soglie per l’assoggettabilità alla Via, Pas per gli impianti fino a 1Mw

23/12/2011
Fotovoltaico, illegittime le linee guida della Puglia sulle rinnovabili

Tar Puglia: sulle aree non idonee non può gravare un divieto assoluto, va sempre motivato il diniego

28/11/2011
Rinnovabili, distanze minori in Toscana

Modificata la norma per il recepimento delle linee guida ministeriali sulla localizzazione degli impianti

08/11/2011
Rinnovabili, linee guida per la struttura dei bandi

Authority: modalità di affidamento dei lavori, ruolo degli enti locali e chiarimenti sulla riqualificazione degli edifici pubblici

31/10/2011
Rinnovabili, impianti realizzabili anche senza il sì del Comune

Tar Puglia: il procedimento di autorizzazione unica non è condizionato dall’assenso della PA

05/10/2011
Serre fotovoltaiche, aggiornamenti in Sardegna

Norme modificate ai sensi del IV Conto Energia e del DM 10 settembre 2010

22/09/2011
Rinnovabili, in Molise via libera alle linee guida regionali

Definite modalità di realizzazione, criteri per la localizzazione e oneri istruttori

26/08/2011
Rinnovabili, nuovo regolamento in Umbria

Obiettivi di crescita entro il 2013, criteri per l’installazione e aree non idonee nel testo di fine luglio

03/08/2011
Umbria, via libera al Regolamento per gli impianti da rinnovabili

Assessore Rometti: ‘Il nuovo testo supera tutte le disposizioni precedenti’

27/07/2011
Liguria, novità su procedure edilizie e rinnovabili

Più semplice l’installazione di solare termico e fotovoltaico

14/07/2011
Veneto, fotovoltaico fino a 1 MW con Procedura Semplificata

La modifica alla procedura autorizzativa è contenuta nella nuova legge sul Piano Casa

15/06/2011
Rinnovabili, Regioni in ritardo nel recepimento delle Linee Guida

Legambiente: ‘solo Puglia e Provincia di Bolzano hanno definito un quadro completo’

20/05/2011
PV LEGAL: in Italia la normativa ostacola il fotovoltaico

Tutte le procedure amministrative e le barriere che rallentano lo sviluppo del fotovoltaico in Europa

16/05/2011
Lombardia, entro l’estate le linee guida per le rinnovabili

Una riforma organica che disciplinerà tutti i tipi di fonti energetiche verdi

01/04/2011
Decreto Rinnovabili, dietrofront sulla Dia fino a 1Mw

Alle Regioni la facoltà di semplificare ed estendere le attività di edilizia libera agli impianti fino a 50 Kw

29/03/2011
Rinnovabili, la Toscana regola la localizzazione degli impianti

Definita l’individuazione delle aree non idonee ai sensi delle linee guida nazionali

28/03/2011
In Puglia chiarimenti sulle autorizzazioni per il fotovoltaico

Una Circolare della Regione spiega le procedure abilitative degli impianti sugli edifici

23/03/2011
Rinnovabili, nel 2011 il Veneto frena sulle autorizzazioni

Salve le istanze per l’installazione di impianti fotovoltaici presentate prima della finanziaria regionale

22/03/2011
Rinnovabili, le Marche attuano le linee guida

Possibile la presentazione dei dati catastali e del piano particellare dopo la domanda di autorizzazione unica

02/03/2011
Fotovoltaico, in Emilia Romagna la mappa delle aree idonee

Pubblicato uno strumento conoscitivo per valutare gli effetti del cambio d’uso dei suoli

18/02/2011
Veneto, stop a nuovi impianti fotovoltaici

Nessuna nuova autorizzazione fino a fine 2011, in attesa del Piano Energetico

04/02/2011
Rinnovabili, Senato: ‘coordinare Dia, Scia e autorizzazione unica’

Secondo la Commissione Ambiente, le Regioni devono poter derogare ai limiti in aree agricole

03/02/2011
Sicilia, priorità al fotovoltaico rispetto all’eolico

Nel regolamento Pears procedure semplificate e primi passi verso la certificazione energetica

28/01/2011
Rinnovabili, Vendola: ‘il Governo è inadempiente’

Attesa da due anni l’assegnazione alle Regioni delle quote di produzione di energia rinnovabile

26/01/2011
Sul decreto Rinnovabili nuove osservazioni degli operatori

Cogena: ‘il decreto introduce la Procedura Abilitativa Semplificata, sostituendola alla DIA, nel frattempo diventata SCIA’

19/01/2011
Decreto rinnovabili, cosa cambia per progettisti e installatori

Dal Gse un portale per calcolare il mix di fonti alternative durante la progettazione, nel 2013 via a programmi formativi certificati

13/01/2011
La Valle d’Aosta vara le linee guida per le rinnovabili

Individuate le aree in cui è vietato installare impianti eolici e fotovoltaici

12/01/2011
Rinnovabili, il Lazio applica le linee guida nazionali

Immediatamente applicabile il DM 10 settembre 2010 anche ai procedimenti in corso

21/12/2010
Il Piemonte disciplina l’installazione del fotovoltaico a terra

Escluse aree protette, aree agricole di pregio e aree in dissesto idrogeologico

17/12/2010
Toscana, fotovoltaico vietato in aree protette

Approvata la delibera che recepisce le linee guida nazionali sulle rinnovabili

17/12/2010
Rinnovabili con Dia, non vale sempre il limite del 16 gennaio

Data non vincolante per i titoli abilitativi perfezionati prima delle pronunce di incostituzionalità

16/12/2010
Molise, no all’eolico nelle aree di interesse culturale

Approvate le norme sull’insediamento degli impianti di energia da fonti rinnovabili

09/12/2010
L’Emilia Romagna disciplina la localizzazione degli impianti fotovoltaici

La delibera attua le Linee Guida ministeriali del 10 settembre 2010

02/12/2010
Puglia: approvate le Linee guida per le energie rinnovabili

In vigore dal 1° gennaio 2011. Procedure semplificate e grande attenzione al territorio

01/12/2010
Rinnovabili: sarà obbligatorio integrarle negli edifici

Fra quattro anni le costruzioni nuove o ristrutturate dovranno soddisfare con le rinnovabili il 50% dei consumi

01/12/2010
Rinnovabili, la Dire sostituisce la Dia

Titolo abilitativo semplificato per l’installazione di impianti solari termici aderenti o integrati nei tetti

30/11/2010
Parchi eolici, i limiti non competono alle regioni

Puglia bacchettata dalla Corte Costituzionale, autorizzazioni in base alle norme statali

04/11/2010
Puglia, nuovi oneri per gli impianti da fonti rinnovabili

Avviare l’istruttoria finalizzata ad ottenere l’autorizzazione unica costa 1000 euro

12/10/2010
Rinnovabili: Aper e Assosolare in aiuto alle Regioni per recepire le Linee guida

Le Regioni hanno tempo fino al 1° gennaio 2011

21/09/2010
Fonti rinnovabili: in Gazzetta le Linee Guida nazionali

Disciplina unica per tutto il territorio nazionale, DIA/SCIA per i piccoli impianti, comunicazione di inizio lavori per gli impianti domestici

Decreto Ministeriale 10/09/2010

(Gazzetta ufficiale 18/09/2010 n. 219)

Ministero dello Sviluppo Economico - Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO


di concerto con


IL MINISTRO DELL'AMBIENTE
E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO
E DEL MARE


e


con


IL MINISTRO PER I BENI
E LE ATTIVITA' CULTURALI


Visto il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, di
attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione
dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili ed
in particolare l'art. 12 concernente la razionalizzazione e
semplificazione delle procedure autorizzative, cosi' come modificato
dall'art. 2 della legge 24 dicembre 2007, n. 244;
Visti, in particolare, del citato art. 12:
il comma 10 che prevede l'approvazione in Conferenza unificata, su
proposta del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il
Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e del
Ministro per i beni e le attivita' culturali, di linee guida per lo
svolgimento del procedimento di autorizzazione degli impianti
alimentati da fonti rinnovabili ed in particolare per assicurare un
corretto inserimento degli impianti nel paesaggio, con specifico
riguardo agli impianti eolici;
il comma 1 che dichiara di pubblica utilita', indifferibili ed
urgenti le opere, comprese quelle connesse e le infrastrutture
indispensabili alla costruzione ed esercizio, per la realizzazione
degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, autorizzate ai sensi
del comma 3;
il comma 3 che prevede per gli impianti alimentati da fonti
rinnovabili il rilascio, da parte della regione o della provincia
delegata, di un'autorizzazione unica conforme alle normative in
materia di tutela dell'ambiente, di tutela del paesaggio e del
patrimonio storico artistico, che costituisce, ove occorra, variante
allo strumento urbanistico;
il comma 4 che prevede lo svolgimento di un procedimento unico
svolto nel rispetto dei principi di semplificazione e con le
modalita' stabilite dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive
modificazioni e integrazioni;
il comma 5 che prevede l'applicazione della disciplina della
denuncia di inizio attivita' di cui agli articoli 22 e 23 del testo
unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno
2001, n. 380, per gli impianti con capacita' di generazione inferiore
alle soglie stabilite dalla tabella A allegata al citato decreto
legislativo n. 387 del 2003;
il comma 7 che prevede che gli impianti alimentati da fonti
rinnovabili possono essere ubicati anche in zone classificate
agricole dai piani urbanistici nel rispetto delle disposizioni in
materia di sostegno nel settore agricolo, della valorizzazione delle
tradizioni agroalimentari locali, alla tutela della biodiversita' e
del patrimonio culturale e del paesaggio rurale;
Visto il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, recante
attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il
mercato interno dell'energia elettrica;
Vista la Convenzione europea del paesaggio, adottata a Firenze in
data 20 ottobre 2000 e ratificata con legge 9 gennaio 2006, n. 14;
Vista la legge 23 agosto 2004, n. 239, recante il riordino del
settore energetico;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni ed
integrazioni, in materia di procedimento amministrativo;
Visto il testo unico in materia edilizia di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e successive
modificazioni;
Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive
modificazioni ed integrazioni, recante il codice dei beni culturali e
del paesaggio;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme
in materia ambientale, cosi' come corretto e integrato dal decreto
legislativo 16 gennaio 2008, n. 4;
Visto l'art. 11, comma 3, del decreto legislativo 30 maggio 2008,
n. 115;
Considerato che la direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e
del Consiglio del 23 aprile 2009 sulla promozione dell'uso
dell'energia da fonti rinnovabili individua vincolanti obiettivi
nazionali generali per la quota di energia da fonti rinnovabili sul
consumo finale di energia nel 2020 e l'obiettivo assegnato allo Stato
italiano e' pari al 17%;
Considerato che l'art. 2, comma 167, della legge 24 dicembre 2007,
n. 244, come modificato dall'art. 8-bis della legge 27 febbraio 2009,
n. 13, di conversione del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208,
prevede la ripartizione tra regioni e province autonome degli
obiettivi assegnati allo Stato italiano, da realizzare gradualmente;
Considerato che:
la normativa comunitaria di settore fornisce elementi per definire
strumenti reali di promozione delle fonti rinnovabili;
la strategia energetica nazionale fornira' ulteriori elementi di
contesto di tale politica, con particolare riferimento all'obiettivo
di diversificazione delle fonti primarie e di riduzione della
dipendenza dall'estero;
i livelli quantitativi attuali di copertura del fabbisogno con
fonti rinnovabili di energia e gli obiettivi prossimi consentono di
apprezzare l'incremento quantitativo che l'Italia dovrebbe
raggiungere;
il sistema statale e quello regionale devono dotarsi, quindi, di
strumenti efficaci per la valorizzazione di tale politica ed il
raggiungimento di detti obiettivi;
da parte statale, il sistema di incentivazione per i nuovi
impianti, i potenziamenti ed i rifacimenti e' ormai operativo, come
pure altri vantaggi a favore di configurazioni efficienti di
produzione e consumo;
un efficiente sistema amministrativo per la valutazione e
l'autorizzazione delle nuove iniziative e' necessario per poter
rispondere alla sfida al 2020;
la presenza di un livello accurato di programmazione da parte delle
regioni rappresenta la premessa necessaria ma non sufficiente, atteso
il valore di riferimento delle presenti linee guida anche in base
alla sentenza della Corte costituzionale 29 maggio 2009, n. 166;
l'elevato livello di decentramento amministrativo non deve essere
un vincolo per l'efficienza o un elemento di indesiderata
disomogeneita', bensi' trasformarsi in una risorsa a vantaggio degli
operatori e un elemento di maggiore vicinanza della valutazione alle
caratteristiche del territorio;
la definizione di linee guida nazionali per lo svolgimento del
procedimento unico fornisce elementi importanti per l'azione
amministrativa propria delle regioni ovvero per l'azione di
coordinamento e vigilanza nei confronti di enti eventualmente
delegati;
le presenti linee guida possono facilitare un contemperamento fra
le esigenze di sviluppo economico e sociale con quelle di tutela< [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Vetrite
Marcegaglia Buildtech

NEWS NORMATIVA

14/12 - Opere fluviali, possono progettarle solo gli ingegneri?

Dal Consiglio di Stato una panoramica sulle competenze acquisite nei corsi di studio in ingegneria e architettura

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole


Orchidea
Vimec