Carrello 0

Scheda Normativa

Decreto Ministeriale 07/08/2013

(Gazzetta ufficiale 19/08/2013 n. 193)

Ministero dell'Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare - Applicazione della formula per il calcolo dell'efficienza energetica degli impianti di incenerimento in relazione alla condizioni climatiche

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE


di concerto con


IL MINISTRO DELLA SALUTE


e


IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive
modifiche ed integrazioni, ed in particolare la parte quarta relativa
alla gestione dei rifiuti;
Vista in particolare, la nota 4 dell'allegato C alla parte IV del
decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
Visto l'articolo 264, comma 2-bis, del decreto legislativo 3 aprile
2006, n. 152, introdotto dall'articolo 3, comma 5, della legge, 24
marzo 2012, n. 28;
Visto l'articolo 38 comma 1 della Direttiva del Parlamento europeo
e del Consiglio dell'Unione europea del 19 novembre 2008, n.
2008/98/Ce;
Considerato che, per l'articolo 38 comma 1 della Direttiva del
Parlamento europeo e del Consiglio dell'Unione europea del 19
novembre 2008, n. 2008/98/Ce, le condizioni climatiche locali possono
essere prese in considerazione ai fini del calcolo dell'efficienza
energetica degli impianti di incenerimento;
Considerato che, come dimostrato dallo studio di CEWEP
(Confederation of european waste to energy plants) del marzo 2009,
gli impianti di incenerimento situati in paesi con climi caldi
presentano dei rendimenti energetici piu' bassi rispetto a quelli
situati in aree piu' fredde a causa delle diverse condizioni
climatiche;
Considerato che la Commissione europea ha istituito un gruppo di
lavoro ad hoc nell'ambito del «TAC» (Comitato per l'adeguamento al
progresso scientifico e tecnologico della normativa comunitaria), ed
ha elaborato delle linee guida «Guidelines on the interpretation of
the R1 energy efficiency formula for incineration facilities
dedicated to the processing of municipal solid waste accordino to
annex II of directive 2008/98/EC on waste» pubblicate nel giugno
2011;
Considerato che nelle linee guida «Guidelines on the interpretation
of the R1 energy efficiency formula for incineration facilities
dedicated to the processing of municipal solid waste accordino to
annex II of directive 2008/98/EC on waste» pubblicate nel giugno
2011, il fattore climatico non e' stato preso in considerazione
poiche' la Commissione europea ha ritenuto opportuno trattarlo
separatamente;
Considerato che la Commissione europea ha dato incarico ad ESWET di
redigere un documento di proposta in merito alla necessita' di
adottare fattori climatici correttivi;
Visto il documento «Energy recovery Efficiency in Municipal Solid
Waste-to-Energy plants in relation to local climate conditions» che
ESWET ha redatto nel maggio 2012, e che lo stesso e' stato presentato
e discusso dagli Stati Membri dell'Unione europea durante la riunione
del TAC del 9 luglio 2012;
Considerato che in tale documento viene dimostrato che esistono,
nei vari paesi dell'Unione europea, notevoli differenze nel
raggiungimento dei valori di efficienza energetica per gli impianti
di incenerimento dovute alle condizioni climatiche che influiscono
sulla produzione di energia elettrica e sulla domanda di calore;
Considerato che in tale documento sono stati individuati tre
diversi fattori di correzione che sono in grado di compensare gli
effetti negativi del clima, sia sulla produzione di energia elettrica
sia sul mancato utilizzo del calore prodotto;
Considerato che per le condizioni climatiche nelle quali insistono
gli impianti italiani di incenerimento e' necessario applicare un
fattore di correzione fra quelli individuati da ESWET e discussi
dagli Stati Membri dell'Unione europea durant [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Sismicad 12
Profilpas

NEWS NORMATIVA

19/9 - Ricostruzione con sagoma diversa, è una nuova costruzione?

La Cassazione spiega il concetto di sagoma di ingombro e l’importanza del rispetto delle distanze tra edifici

18/9 - Abusi edilizi, come si individua il responsabile?

La Cassazione spiega il ruolo del direttore dei lavori e dei proprietari del terreno su cui si realizzano gli interventi illegittimi


Drain Beton
Ursa