Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Ministeriale 06/03/ 2015

Ministero dello Sviluppo Economico - Modifica del decreto 25 luglio 2014, recante i termini e le modalita' di presentazione delle domande per l'accesso alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile a favore di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale negli ambiti tecnologici individuati dal programma «Horizon 2020»

Decreto Ministeriale 25/07/ 2014

Ministero dello Sviluppo Economico - Termini e modalità di presentazione delle domande per l'accesso alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile a favore di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale negli ambiti tecnologici individuati dal programma «Horizon 2020»

Decreto Ministeriale 04/12/ 2013

Ministero dello Sviluppo Economico - Modifiche al decreto del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013

Decreto Ministeriale 20/06/ 2013

Ministero dello Sviluppo economico - Intervento del Fondo per la crescita sostenibile a favore di progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti tecnologici identificati dal Programma quadro comunitario «Orizzonte 2020»

Decreto Ministeriale 08/03/ 2013

Ministero dello Sviluppo economico - Individuazione delle priorità, delle forme e delle intensità massime di aiuto concedibili nell'ambito del Fondo per la crescita sostenibile, ai sensi dell'articolo 23, comma 3, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83

News Correlate

19/09/2014
‘Horizon 2020’: apertura dello sportello rinviata al 27 ottobre

Sul piatto 300 milioni di euro per gli investimenti in ‘Ricerca e Sviluppo’ di piccole e medie imprese

22/08/2014
300 milioni per le imprese dal programma ‘Horizon 2020’

Aiuti agli investimenti in ‘Ricerca e Sviluppo’ con risorse del ‘Fondo per la crescita sostenibile’. Domande dal 30 settembre 2014

23/09/2013
In arrivo 300 milioni di euro per le PMI

Primo bando del Fondo per la crescita sostenibile che incentiva progetti di ricerca e sviluppo

Decreto Ministeriale 20/06/2013

(Gazzetta ufficiale 28/09/2013 n. 228)

Ministero dello Sviluppo economico - Attribuzione di risorse alla sezione del Fondo per la crescita sostenibile relativa alla finalita' di cui all'articolo 23, comma 2, lettera a), del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, per il trasferimento di un intervento per la promozione di progetti di ricerca e sviluppo di rilevanza strategica per il sistema produttivo e, in particolare, per la competitività delle piccole e medie imprese

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46, che, all'art. 14, ha
istituito il Fondo speciale rotativo per l'innovazione tecnologica;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, recante
«Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno
pubblico alle imprese, a norma dell'art. 4, comma 4, lettera c),
della legge 15 marzo 1997, n. 59»;
Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con
modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante «Misure
urgenti per la crescita del Paese», e, in particolare, l'art. 23,
comma 2, che stabilisce che il Fondo speciale rotativo di cui
all'art. 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46, istituito presso il
Ministero dello sviluppo economico, assume la denominazione di «Fondo
per la crescita sostenibile» ed e' destinato, sulla base di obiettivi
e priorita' periodicamente stabiliti e nel rispetto dei vincoli
derivanti dall'appartenenza all'ordinamento comunitario, al
finanziamento di programmi e interventi con un impatto significativo
in ambito nazionale sulla competitivita' dell'apparato produttivo,
con particolare riguardo alle seguenti finalita':
a) la promozione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione
di rilevanza strategica per il rilancio della competitivita' del
sistema produttivo, anche tramite il consolidamento dei centri e
delle strutture di ricerca e sviluppo delle imprese;
b) il rafforzamento della struttura produttiva, il riutilizzo di
impianti produttivi e il rilancio di aree che versano in situazioni
di crisi complessa di rilevanza nazionale tramite la sottoscrizione
di accordi di programma;
c) la promozione della presenza internazionale delle imprese e
l'attrazione di investimenti dall'estero, anche in raccordo con le
azioni che saranno attivate dall'ICE Agenzia per la promozione
all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane;
Visto, altresi', il comma 4 del citato art. 23 del decreto-legge n.
83 del 2012, che prevede, tra l'altro, che per ciascuna delle
finalita' del Fondo per la crescita sostenibile sia istituita
un'apposita sezione nell'ambito del Fondo stesso;
Visto l'art. 30, commi 2 e 3, del predetto decreto-legge n. 83 del
2012, che dispone che i programmi e gli interventi destinatari del
Fondo per la crescita sostenibile possono essere agevolati anche a
valere sulle risorse del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese
e gli investimenti in ricerca (di seguito FRI) di cui all'art. 1,
comma 354, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, e che le risorse
dello stesso FRI non utilizzate al 31 dicembre 2012 e, a decorrere
dal 2013, al 31 dicembre di ciascun anno, sono destinate alle
finalita' del Fondo per la crescita sostenibile, nel limite massimo
del 70 per cento;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto
con il Ministro dell'economia e delle finanze, 8 marzo 2013,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 113
del 16 maggio 2013, con il quale, in applicazione dell'art. 23, comma
3, del predetto decreto-legge n. 83 del 2012, sono state individuate
le priorita', le forme e le intensita' massime di aiuto concedibili
nell'ambito del Fondo per la crescita sostenibile;
Visto il decreto interministeriale del Ministro dell'economia e
delle finanze e del Ministro dello sviluppo economico 26 aprile 2013,
recante, ai sensi dell'art. 30, comma 4, del citato decreto-legge n.
83 del 2012, le modalita' di ricognizione delle risorse non
utilizzate del FRI e, nella tabella allegata al decreto medesimo,
l'individuazione delle risorse non utilizzate del FRI al 31 dicembre
2012, pari a 1.847,63 milioni di euro;
Considerato che l'importo nominale delle risorse attribuibili al
Fondo per la crescita sostenibile e', pertanto, pari a 1.293,34
milioni di euro;
Visto l'art. 6, comma 4, del citato decreto interministeriale 26
aprile 2013, che stabilisce, tra l'altro, che l'importo delle risorse
effettivamente utilizzabili per gli interventi del Fondo per la
crescita sostenibile e' quantificato da Cassa depositi e prestiti
S.p.a. ai sensi dell'art. 1, comma 354, della legge 30 dicembre 2004,
n. 311;
Considerato che l'attuazione degli interventi del Fondo per la
crescita sostenibile presuppone la ripartizione, tra le tre finalita'
sopra indicate, della dotazione finanziaria del Fondo, determinata
dalle risorse gia' presenti nel Fondo speciale rotativo per
l'innovazione tecnologica e da quelle affluenti ai sensi degli
articoli 23, commi 8 e 9, e 27, comma 10;
Considerato che la programmazione delle risorse da destinare agli
interventi per il rafforzamento della struttura produttiva e il
rilancio delle aree di crisi e agli interventi per favorire
l'internazionalizzazione delle imprese e' condizionata dalle
valutazioni in corso in merito alle modalita' di intervento e
soprattutto ai relativi fabbisogni finanziari;
Considerata l'urgenza, nell'attuale congiuntura economica, di
attivare gli interventi per la promozione di progetti di ricerca e
sviluppo, al fine di rafforzare la competitivita' delle imprese;
Ritenuto, pertanto, nelle more dell'acquisizione della
disponibilita' delle ulteriori risorse a valere sul FRI destinate dal
citato art. 30, commi 2 e 3, del decreto-legge n. 83 del 2012
all'agevolazione dei programmi e degli interventi del Fondo per la
crescita sostenibile, il cui importo effettivo, come sopra indicato,
dovra' essere quantificato da Cassa depositi e prestiti S.p.a., di
dover determinare una quota delle risorse attualmente presenti nel
Fondo per la crescita sostenibile da utilizzare per un primo
intervento finalizzato al sostegno dei progetti di ricerca e sviluppo
delle imprese, in particolare di piccola e media dimensione;
Considerato che la dotazione finanziaria del Fondo per la crescita
sostenibile e' pari, alla data del 30 aprile 2013, a euro
657.816.323,65, cui si aggiungono euro 186.478.672,13 ancora da
versare e che, pertanto, la disponibilita' complessiva del Fondo da
destinare a nuovi interventi, al netto delle risorse necessarie per
far fronte agli impegni gia' assunti e per garantire la definizione
dei procedimenti avviati in data anteriore a quella di entrata in
vigore del piu' volte citato decreto-legge n. 83 del 2012, e' pari a
euro 844.294.995,78, come accertato con decreto del Direttore
Generale per l'incentivazione delle attivita' imprenditoriali 30
maggio 2013;

Decreta:

Art. 1
[ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Sismicad 12
Drain Beton

NEWS NORMATIVA

21/9 - Antisismica, no alle semplificazioni per le piccole opere

La Cassazione boccia le norme regionali che consentono di non valutare l’opera nel suo complesso

20/9 - Ascensore in condominio, serve il permesso di costruire?

Tar Lombardia: se installato all’esterno il titolo abilitativo può essere superfluo, ma è richiesto il consenso dell’assemblea


D2C
Keraflex