Asphaltall
Carrello 0

Scheda Normativa

Decreto Ministeriale 21/02/2013

(Gazzetta ufficiale 18/04/2013 n. 91)

Ministero dello Sviluppo Economico - Requisiti incubatori di start-up innovative

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, recante
«Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della
Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri», convertito,
con modificazioni, dalla legge 7 luglio 2006, n. 233, con il quale e'
stato istituito, tra l'altro, il Ministero dello sviluppo economico;
Visto il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante «Ulteriori
misure urgenti per la crescita del Paese», convertito, con
modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, pubblicato in
Gazzetta Ufficiale del 18 dicembre 2012, n. 294, di seguito indicato
come decreto;
Vista la sezione IX, recante «Misure per la nascita e lo sviluppo
di imprese start-up innovative», del decreto che dagli articoli 25 a
32 disciplina le misure per la nascita e lo sviluppo di imprese
start-up innovative;
Visti, in particolare, i commi 5 e 7 dell'art. 25 del decreto che
individuano l'incubatore di start-up innovative certificato quale
societa' di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di
diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia ai
sensi dell'art. 73 del decreto del Presidente della Repubblica 22
dicembre 1986, n. 917, in possesso dei requisiti di cui alle lettere
a), b), c), d) ed e) previsti dagli stessi commi, che offre servizi
per sostenere la nascita e lo sviluppo di start-up innovative;
Visto il comma 6 dell'art. 25 del decreto che stabilisce che il
riconoscimento del possesso dei requisiti viene autocertificato
dall'incubatore di start-up innovative, mediante dichiarazione
sottoscritta dal rappresentante legale al momento dell'iscrizione
alla sezione speciale del registro delle imprese, di cui al comma 8
del decreto, sulla base di indicatori e relativi valori minimi
stabiliti con decreto del Ministero dello sviluppo economico;
Tenuto conto dei risultati dell'indagine ricognitiva sulle
esperienze presenti sul territorio nazionale per la definizione dei
requisiti di cui ai commi 5 e 7 dell'art. 25 del decreto, effettuata
da parte del Ministero dello sviluppo economico dal 20 dicembre 2012
al 15 gennaio 2013;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica del 16 novembre
2011, recante «Nomina dei Ministri», con cui il dott. Corrado Passera
e' stato nominato Ministro dello sviluppo economico e delle
infrastrutture e trasporti;

Decreta:

Art. 1


Soggetti ammissibili

1. Sono riconosciuti incubatori certificati di start-up innovative
le societa' di capitali, costituite anche in forma cooperativa, di
diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residenti in Italia ai
sensi dell'art. 73 del decreto del Presidente della Repubblica 22
dicembre 1986, n. 917, che offrono anche in modo non esclusivo
servizi per sostenere la nascita e lo sviluppo di start-up
innovative, in possesso dei requisiti di cui al comma 5 dell'art. 25
del decreto.
2. Per le societa' di capitali di cui al comma 1 il requisito
dell'adeguata e comprovata esperienza nell'attivita' di sostegno a
start-up innovative, di cui alla lettera e) del comma 5 dell'art. 25
del decreto, puo' anche essere riferito all'avvalimento delle
esperienze maturate dai singoli rami d'azienda, dai soci, dagli
amministratori della societa' e dalle unita' di lavoro, collaboratori
o professionisti che operino con continuita', equivalenti a tempo
pieno (FTE) dedicate in modo specifico al supporto e alla consulenza
alle start-up innovative, e caratterizzate da competenze ed
esperienze specifiche.
Art. 2


Autocertificazione

1. Per l'iscrizione nella sezione speciale del registro delle
imprese di cui all'art. 2188 del codice civile, istituita dalle
Camere di commercio ai sensi del comma 8 del decreto, i soggetti di
cui all'art. 1 presentano alla Camera di commercio competente per
territorio del luogo in cui ha sede l'incubatore una dichiarazione
attestante il possesso dei requisiti di cui al comma 5 dell'art. 25
del decreto, mediante l'utilizzo di un apposito modulo di domanda in
formato elettronico, sottoscritto dal rappresentante legale della
societa', ai sensi dell'art. 47 del decreto del Presidente della
Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445, recante «Testo unico delle
disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa».
2. Il modulo di domanda in formato elettronico di cui al comma 1,
attestante il raggiungimento dei valori minimi di cui alle tabelle A
e B dell'allegato del presente decreto, e' pubblicato sul sito
Internet del Ministero dello sviluppo economico nella sezione
«Start-up innovative».
3. Ai fini dell'autocertificazione, l'incubatore di start-up
innovative deve raggiungere il punteggio minimo complessivo di punti
30 ai sensi della tabella A e il punteggio minimo complessivo di
punti 40 ai sensi della tabella B di cui all'allegato.
Art. 3


Monitoraggio

1. Le Camere di commercio forniscono, in formato elettronico,
analisi periodiche, con cadenza non superiore a sei mesi, sugli
effetti dell' applicazione [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Living Now
SIKAFLEX -11 FC+

NEWS NORMATIVA

14/12 - Opere fluviali, possono progettarle solo gli ingegneri?

Dal Consiglio di Stato una panoramica sulle competenze acquisite nei corsi di studio in ingegneria e architettura

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole


NRBH
Alteas One