Carrello 0

Scheda Normativa

Decreto Ministeriale 26/06/2014

(Gazzetta ufficiale 08/07/2014 n. 156)

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Norme tecniche per la progettazione e la costruzione degli sbarramenti di ritenuta (dighe e traverse)

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE
E DEI TRASPORTI


di concerto con


IL MINISTRO DELL'INTERNO


e


IL CAPO DEL DIPARTIMENTO
della Protezione Civile

Vista la legge 2 febbraio 1974, n. 64, recante provvedimenti per le
costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche ed in
particolare l'art. 1, comma 3 lettera d) che prevede l'emanazione «di
norme tecniche relative ai criteri generali e precisazioni tecniche
per la progettazione, esecuzione e collaudo di opere speciali, quali
ponti , dighe, serbatoi, tubazioni, torri, costruzioni prefabbricate
in genere, acquedotti, fognature»;
Vista la legge 21 giugno 1986, n. 317, recante «Procedura di
informazione nel settore delle norme e regolamentazioni tecniche
delle regole relative ai servizi della societa' dell'informazione in
attuazione della direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 22 giugno 1998, modificata dalla direttiva 98/48/CE del
Parlamento europeo e del Consiglio del 20 luglio 1998»;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, recante
conferimento di funzioni e compiti amministrativi allo Stato, alle
regioni e agli enti locali in attuazione del capo I della legge 15
marzo 1997, n. 59;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n.
380, testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in
materia edilizia;
Visto il decreto-legge 29 marzo 2004, n. 79, convertito con
modificazioni dalla legge 28 maggio 2004, n. 139, ed in particolare
l'art. 4 recante disposizioni in materia di rivalutazione delle
condizioni di sicurezza delle grandi dighe;
Visto il decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito con
modificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, ed in particolare
l'art. 5, comma 1, che prevede la redazione, da parte del Consiglio
superiore dei lavori pubblici, di concerto con il Dipartimento della
protezione civile, di normative tecniche, anche per la verifica
sismica ed idraulica, relative alle costruzioni, nonche' per la
progettazione, la costruzione e l'adeguamento, anche sismico ed
idraulico, delle dighe di ritenuta, dei ponti e delle opere di
fondazione e sostegno dei terreni, per assicurare uniformi livelli di
sicurezza;
Considerato che, ai sensi del comma 1 dell'art. 5 del predetto
decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, «ai fini dell'emanazione delle
norme tecniche per la progettazione, la costruzione e l'adeguamento,
anche sismico ed idraulico, delle dighe di ritenuta, il Ministro
delle infrastrutture e dei trasporti acquisisce il parere tecnico del
Registro Italiano Dighe», ora Direzione generale per le dighe, le
infrastrutture idriche ed elettriche del Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti;
Considerato che il comma 2 del predetto art. 5 prevede che le norme
tecniche di cui al comma 1 siano emanate con le procedure di cui
all'art 52 del T.U. delle disposizioni legislative e regolamenti in
materia di edilizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica
6 giugno 2001, n. 380, di concerto con il Dipartimento della
Protezione Civile;
Considerato che l'art. 52 del citato decreto del Presidente della
Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, dispone che in tutti i comuni della
Repubblica le costruzioni sia pubbliche sia private debbono essere
realizzate in osservanza delle norme tecniche riguardanti i vari
elementi costruttivi fissate con decreti del Ministro per le
infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro
dell'interno qualora le norme tecniche riguardino costruzioni in zone
sismiche;
Visto l'art. 14-undevicies del decreto-legge 30 giugno 2005, n.
115, convertito, con modificazioni, in legge 17 agosto 2005, n. 168,
che inserisce il comma 2-bis all'art. 5 del citato decreto-legge 28
maggio 2004, n. 136, convertito, con modificazioni, dalla legge 27
luglio 2004, n. 186, il quale prevede che «al fine di avviare una
fase sperimentale di applicazione delle norme tecniche di cui al
comma 1, e' consentita, per un periodo di diciotto mesi dalla data di
entrata in vigore delle stesse, la possibilita' di applicazione, in
alternativa, della normativa precedente sulla medesima materia, di
cui alla legge 5 novembre 1971, n. 1086, e alla legge 2 febbraio
1974, n. 64, e relative norme di attuazione, fatto salvo, comunque,
quanto previsto dall'applicazione del regolamento di cui al decreto
del Presidente della Repubblica 21 aprile 1993, n. 246»;
Visto il decreto 24 marzo 1982 del Ministro dei lavori pubblici
«Norme tecniche per la progettazione e la costruzione delle dighe di
sbarramento»;
Considerata la necessita' di procedere, ai sensi dell'art. 5 del
decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito con legge 27 luglio
2004, n. 186, all'aggiornamento delle «Norme tecniche per la
progettazione e la costruzione delle dighe di sbarramento» di cui al
citato decreto ministeriale 24 marzo 1982;
Considerata la necessita' di istituire una Commissione consultiva
di monitoraggio durante il periodo della fase sperimentale di
applicazione delle norme tecniche;
Visto il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti
14 gennaio 2008, recante «Approvazione delle nuove norme tecniche per
le costruzioni»;
Visto il voto n. 27/2008 con il quale l'Assemblea generale del
Consiglio Superiore dei lavori pubblici nelle adunanze del 27 giugno
2008 e 25 luglio 2008 si e' espresso favorevolmente in ordine alla
«Proposta di aggiornamento delle norme tecniche per la progettazione
e la costruzione degli sbarramenti di ritenuta»;
Visto il voto n. 207/2009 con il quale l'Assemblea generale del
Consiglio Superiore dei lavori pubblici nell'adunanza del 18 dicembre
2009, preso atto delle risultanze delle attivita' del gruppo di
lavoro nominato con presidenziale n. 811 del 12 febbraio 2009 con
l'incarico di verificare l'impatto dei criteri innovativi introdotti
dalle emanande norme tecniche per gli sbarramenti di ritenuta, ha
confermato la validita' del testo normativo della «Proposta di
aggiornamento delle norme tecniche per la progettazione e la
costruzione degli sbarramenti di ritenuta», confermando il parere
favorevole espresso con voto n. 27/2008;
Considerata la necessita' di definire l'ambito di applicazione
delle norme tecniche, anche in relazione alle opere con progetto
definitivo o esecutivo approvato e alle opere con lavori in corso di
esecuzione, in conformita' al citato voto n. 204/2009 del Consiglio
Superiore dei lavori pubblici;
Visto l'art. 54 del citato decreto legislativo 31 marzo 1998, n.
112, il quale prevede che alcune funzioni mantenute in capo allo
Stato, quali la predisposizione della normativa tecnica nazionale per
le opere in cemento armato e in acciaio e le costruzioni in zone
sismiche, siano esercitate di intesa con la Conferenza unificata;
Visto l'art. 93 del citato decreto legislativo 31 marzo 1998, n.
112, il quale prevede che alcune funzioni mantenute in capo allo
Stato, quali i criteri generali per l'individuazione delle zone
sismiche e le norme tecniche per le costruzioni nelle medesime zone,
siano esercitate sentita la Conferenza unificata;
Visto l'art. 83 del decreto del Presidente della Repubblica 6
giugno 2001, n. 380, il quale prevede che tutte le costruzioni la cui
sicurezza possa comunque interessare la pubblica incolumita', da
realizzarsi in zone dichiarate sismiche, siano disciplinate, oltre
che dalle disposizioni di cui a predetto art. 52 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 380/2001, da specifiche norme tecniche
emanate con decreti del Ministro per le infrastrutture ed i
trasporti, di concerto con il Ministro per l'interno, sentiti il
Consiglio superiore dei lavori pubblici, il Consiglio nazionale delle
ricerche e la Conferenza unificata;
Acquisiti lo schema di decreto e la relazione illustrativa,
trasmessi dal Consiglio superiore dei lavori pubblici con nota n.
10294 del 31 ottobre 2012, predisposti dal gruppo di lavoro
costituito con presidenziale n. 8945 del 24 settembre 2012;
Acquisito il parere della Direzione generale per le dighe, le
infrastrutture idriche ed elettriche, cui sono stati attribuiti i
compiti del soppresso Registro italiano dighe, espresso con nota n.
12751 dell'8 novembre 2012 ai sensi dell'art. 5, comma 1, della legge
27 luglio 2004, n. 186, di conversione del decreto-legge 28 maggio
2004, n. 136;
Visto il concerto espresso dal capo del Dipartimento della
protezione civile, con nota prot. n. CG/0017915 del 21 marzo 2013 e
con nota prot. n. CG/0068882 del 27 novembre 2013, ai sensi del
citato art. 5, comma 2, della legge 27 luglio 2004, n. 186, di
conversione del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136;
Visto il concerto espresso dal Ministro dell'interno con nota prot.
n. 1236 del 1° marzo 2013 e con nota prot. n. 19 del 21 gennaio 2014,
ai sensi dell'art. 1, comma 1, del citato art. 52 del decreto del
Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380;
Acquisita l'intesa con la Conferenza unificata resa nella seduta
del 5 dicembre 2013, ai sensi del citato art. 54 del decreto
legislativo n. 112/1998;
Sentito il Consiglio nazionale delle ricerche con nota prot. n.
9855 del 3 aprile 2013 e con nota prot. n. 977 del 10 gennaio 2014,
ai sensi del citato art. 83 del decreto del Presidente della
Repubblica n. 380/2001;
Considerato, che lo schema di decreto e' stato notificato, per il
tramite del Ministero dello sviluppo economico, alla Commissione
europea ai sensi della direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e
del Consiglio del 22 giugno 1998, modificata dalla direttiva 98/48/CE
del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 luglio 1998 e che alla
data del 12 maggio 2014 e' venuto a scadenza il termine di astensione
obbligatoria di cui all'art. 9, paragrafo 1, della medesima
direttiva;

Decreta:

Art. 1


Approvazione

E' approvato il testo delle Norme tecniche per la progettazione e
la costruzione degli sbarramenti di ritenuta (dighe e traverse) di
cui all'art. 1 della legge 2 febbraio 1974, n. 64, all'art. 52 del
decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, ed
all'art. 5 del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito, con
modificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, allegato al
presente decreto. Le presenti norme sostituiscono quelle approvate
con il decreto ministeriale 24 marzo 1982.
Art. 2


Commissione di monitoraggio

1. Con separato decreto del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti, su proposta del Presidente del Consiglio superiore dei
lavori pubblici d'intesa con la Direzione generale per le dighe e le
infrastrutture idriche ed elettriche, e' istituita, nel periodo di
cui al comma 2-bi [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Rockwool
Software Topografia

NEWS NORMATIVA

9/11 - Fatturazione elettronica, no del Governo alle richieste di proroga

Premier Conte: ci sono già gli strumenti per partire il 1° gennaio 2019. Lollobrigida (Fdi): rischio di piegare le ginocchia agli ultimi residui della nostra economia

08/11 - Sicilia, un milione di euro contro l’abusivismo edilizio

Governatore Musumeci: ‘non esiste l’abusivismo di necessità, l’abusivismo è un reato’. Rimossi i sindaci che non attueranno gli sgomberi nelle aree a rischio


New Essence
Sydney Grafite