Carrello 0

Scheda Normativa

Decreto Ministeriale 04/09/2014

(Gazzetta ufficiale 08/10/2014 n. 234)

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Riparto tra le Regioni della disponibilità finanziaria pari a 50 milioni di euro, relativa all'anno 2014, assegnata al Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE
E DEI TRASPORTI

Visto l'art. 10 della legge 14 febbraio 1963, n. 60, che destina i
contributi di cui al comma 1, lettere b) e c), al finanziamento di un
programma costruttivo di alloggi per lavoratori;
Vista la legge 9 dicembre 1998, n. 431, recante «Disciplina delle
locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo»
che, all'art. 11, istituisce, presso il Ministero dei lavori pubblici
(ora Ministero delle infrastrutture e dei trasporti) il Fondo
nazionale per il sostegno all'accesso delle abitazioni in locazioni;
Visto il decreto ministeriale 7 giugno 1999, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 167 del 19 luglio 1999, con
il quale sono stati fissati, ai sensi dell'art. 11, comma 4, della
legge 9 dicembre 1998, n. 431, i requisiti minimi dei conduttori per
beneficiare dei contributi integrativi a valere sulle risorse
assegnate al Fondo nazionale di sostegno per l'accesso alle
abitazioni in locazione nonche' i criteri per la determinazione degli
stessi;
Visto, il comma 5 dell'art. 11 della citata legge 9 dicembre 1998,
n. 431, come sostituito dall'art. 7, comma 1, del decreto-legge 13
settembre 2004, n. 240, convertito dalla legge 12 novembre 2004, n.
269, che stabilisce, tra l'altro, che a decorrere dal 2005 la
ripartizione delle risorse assegnate al Fondo e' effettuata dal
Ministro delle infrastrutture e dei trasporti previa intesa in sede
di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le
province autonome di Trento e Bolzano sulla base dei criteri fissati
con apposito decreto del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti previa medesima intesa ed in rapporto alla quota di risorse
messe a disposizione dalle singole regioni e province autonome;
Visto il decreto ministeriale 14 settembre 2005, prot. n. 1998/C2,
registrato alla Corte dei conti il 10 novembre 2005, reg. 9, fog.
142, con il quale in attuazione dell'art. 11 della citata legge 9
dicembre 1998, n. 431, come sostituito dall'art. 7, comma 1, del
decreto-legge 13 settembre 2004, n. 240, convertito dalla legge 12
novembre 2004, n. 269, sono stati fissati, previa intesa in sede di
Conferenza Stato-Regioni del 14 luglio 2005, i criteri per la
ripartizione delle risorse assegnate al Fondo nazionale di sostegno
per l'accesso alle abitazioni in locazione di cui al comma 1
dell'art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431;
Visto il decreto-legge 31 agosto 2013, n. 102 recante «Disposizioni
urgenti in materia di IMU, di altra fiscalita' immobiliare, di
sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonche' di
cassa integrazione guadagni e di trattamenti pensionistici»,
convertito, con modificazioni, dalla legge 28 ottobre 2013, n. 124;
Visto in particolare il comma 4 dell'art. 6 del citato
decreto-legge che assegna al Fondo nazionale di sostegno all'accesso
alle abitazioni in locazione, istituito dalla legge 9 dicembre 1998,
n. 431, una dotazione di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni
2014 e 2015;
Visto il comma 109 dell'art. 2 della legge 23 dicembre 2009, n.
191, con il quale sono stati abrogati, a decorrere dal 1° gennaio
2010, gli articoli 5 e 6 della legge 30 novembre 1989, n. 386 e che
conseguentemente non sono dovute alle Province autonome di Trento e
Bolzano erogazioni carico del bilancio dello stato previste da leggi
di settore e considerato che l'accantonamento per le province
autonome di Trento e Bolzano e' gia' stato considerato in fase di
programmazione ed approvazione della citata disposizione normativa di
rifinanziamento;
Visto il decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47 recante «Misure urgenti
per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per
l'Expo 2015» convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio
2014, n. 80;
Visto in particolare il comma 1 dell'art. 1 del citato
decreto-legge che ridetermina in 100 milioni di euro, per ciascuno
degli anni 2014 e 2015, la dotazione del Fondo nazionale di sostegno
all'accesso alle abitazioni in locazione, istituito dalla legge 9
dicembre 1998, n. 431;
Visto il decreto ministeriale 12 febbraio 2014 registrato alla
Corte dei conti - Ufficio di controllo atti Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti e del Ministero dell'ambiente e della
tutela del territorio e del mare - in data 27 marzo 2014 , registro
1, foglio n. 1520, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - serie
generale - del 27 maggio 2014, n. 121, con il quale e' stato
effettuato il riparto delle risorse assegnate (50 milioni di euro)
per l'anno 2014 dal comma 4 dell'art. 6 del citato decreto-legge 31
agosto 2013, n. 102 convertito, con modificazioni, dalla legge 28
ottobre 2013, n. 124;
Vista la nota ministeriale in data 18 giugno 2014, prot. 8062 con
la quale la Direzione generale per la condizione abitativa ha
rappresentato alla Conferenza Stato-Regioni che la dotazione di 50
milioni di euro relativi all'annualita' 2014 aggiuntivi rispetto alla
somma gia' ripartita con il predetto decreto puo' essere ripartita
secondo i parametri gia' adottati;
Richiamata l'intesa gia' espressa dalla Conferenza permanente
Stato- Regioni nella seduta del 16 gennaio 2014 sulla proposta di
ripartizione effettuata dal Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti relativa all'annualita' 2014 assegnata al Fondo nazionale
di sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione dal comma 4
dell'art. 6 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 102 convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 ottobre 2013, n. 124, che e' stata
confermata nella seduta del 5 agosto 2014;

Decreta:

1. L'ulteriore disponibilita' di 50 milioni di euro relativa
all'anno 2014 assegnata al Fondo nazionale di sostegno per l'accesso
alle abitazioni in locazione di cui all'art. 11 della legge 9
dicembre 1998, n. 431 dal comma 1 dell'art. 1 del decreto-legge 28
marzo 2014, n. 47 convertito, con modificazioni, dalla legge 25
maggio 2014, n. 80 e' ripartita tra le Regioni secondo l'allegata
tabella che forma parte integrante del presente decreto.
2. Le Regioni ripartiscono le quote di propria spettanza a norma
del comma 7 del predetto art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431
come integrato dall'art. 1, comma 2, della legge 8 febbraio 2001, n.
21.
3. I Comuni, sulla base delle risorse loro assegnate e nel rispetto
dei requisiti minimi stabiliti dal decreto del Ministro dei lavori
pubblici del 7 giugno 1999, definiscono la graduatoria tra i soggetti
in possesso dei predetti requisiti.
4. Ai fini dei successivi riparti, le comunicazioni delle regioni
al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Direzione
generale per la condizione abitativa, concernenti l'entita' dei fondi
aggiuntivi iscritti nei bilanci regionali per l'annualita' cui si
riferisce il riparto e di quelli degli enti locali riferiti all'anno
precedente iscritti in bilancio, gia' indicati al comma 6 del decreto
ministeriale 14 settembre 2005, dovranno pervenire al Ministero entro
e non oltre il 30 marzo di ciascun anno. Le comunicazioni perven [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
SIKAFLEX -11 FC+
FLIR E53

NEWS NORMATIVA

9/11 - Fatturazione elettronica, no del Governo alle richieste di proroga

Premier Conte: ci sono già gli strumenti per partire il 1° gennaio 2019. Lollobrigida (Fdi): rischio di piegare le ginocchia agli ultimi residui della nostra economia

08/11 - Sicilia, un milione di euro contro l’abusivismo edilizio

Governatore Musumeci: ‘non esiste l’abusivismo di necessità, l’abusivismo è un reato’. Rimossi i sindaci che non attueranno gli sgomberi nelle aree a rischio


Software Topografia
Capannoni Kopron