Asphaltall
Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Ministeriale 18/04/ 2014

Ministero dello Sviluppo Economico - Termini per la presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni fiscali delle Zone Franche Urbane (ZFU) ricadenti nel territorio della Regione Puglia

Decreto Ministeriale 10/04/ 2013

Ministero dello Sviluppo Economico - Condizioni, limiti, modalità e termini di decorrenza delle agevolazioni fiscali e contributive in favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane (ZFU) delle regioni dell'Obiettivo «Convergenza»

News Correlate

24/04/2014
Puglia, da oggi le domande per gli aiuti alle imprese delle ZFU

60 milioni di euro destinati a piccole e medie imprese e a studi professionali

10/04/2014
Puglia, 60 milioni di euro per le PMI delle Zone Franche Urbane

A breve il Bando con le modalità e i termini di presentazione delle istanze

Decreto Ministeriale 21/01/2014

(Gazzetta ufficiale 04/04/2014 n. 79)

Ministero dello Sviluppo Economico - Modifiche ed integrazioni al decreto 10 aprile 2013 recante condizioni, limiti, modalità e termini di decorrenza delle agevolazioni fiscali e contributive in favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'obiettivo «Convergenza»

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO


di concerto con


IL MINISTRO DELL'ECONOMIA
E DELLE FINANZE

Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni
e integrazioni, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio
annuale e pluriennale dello Stato» (legge finanziaria 2007) e, in
particolare, il comma 340 dell'art. 1 con il quale sono istituite le
Zone Franche Urbane;
Visti i commi da 341 a 341-ter del citato art. 1 della legge n. 296
del 2006 con cui sono disposte agevolazioni fiscali in favore delle
piccole e micro imprese operanti nelle Zone Franche Urbane;
Vista la delibera CIPE 30 gennaio 2008, n. 5, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 6 giugno 2008, n.
131, con la quale sono fissati i «Criteri e indicatori per
l'individuazione e la delimitazione delle Zone Franche Urbane»;
Vista la delibera CIPE 8 maggio 2009, n. 14, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana dell'11 luglio 2009, n.
159, con la quale e' disposta la «Selezione e perimetrazione delle
Zone Franche Urbane e ripartizione delle risorse»;
Visto il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con
modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 e, in
particolare, l'art. 37, che dispone che la riprogrammazione dei
programmi cofinanziati dai Fondi strutturali 2007-2013 oggetto del
Piano di Azione Coesione nonche' la destinazione di risorse proprie
regionali possono prevedere il finanziamento delle tipologie di
agevolazioni di cui alle lettere da a) a d) del comma 341 dell'art. 1
della legge n. 296 del 2006, in favore delle imprese di micro e
piccola dimensione localizzate o che si localizzano nelle Zone Urbane
individuate dalla delibera CIPE n. 14/2009, nonche' in quelle
valutate ammissibili nella relazione istruttoria ad essa allegata e
nelle ulteriori, rivenienti da altra procedura di cui all'art. 1,
comma 342, della medesima legge n. 296 del 2006, ricadenti nelle
regioni ammissibili all'obiettivo «Convergenza»;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto
con il Ministro dell'economia e delle finanze, 10 aprile 2013,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana dell'11
luglio 2013, n. 161, con il quale, ai sensi del comma 4 del predetto
art. 37 del decreto-legge n. 179 del 2012, sono state determinate le
condizioni, i limiti, le modalita' e i termini di decorrenza delle
predette agevolazioni;
Visto il «Piano Azione Coesione: terza e ultima riprogrammazione»
del dicembre 2012, oggetto di specifica informativa al CIPE
nell'ambito della seduta del 18 febbraio 2013, ai sensi di quanto
previsto al punto 3 della delibera CIPE n. 96/2012 del 3 agosto 2012;
Visto, in particolare, il paragrafo 3.1 del predetto «Piano Azione
Coesione: terza e ultima riprogrammazione», ove, nell'ambito delle
misure anticicliche, e' prevista, al punto (1), una specifica azione
avente ad oggetto la concessione, ai sensi del richiamato art. 37 del
decreto-legge n. 179 del 2012, di agevolazioni fiscali e contributive
in favore di micro e piccole imprese, localizzate o che si
localizzano nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'Obiettivo
Convergenza riportate nell'allegato n. 3 al medesimo Piano Azione
Coesione;
Considerato che nella citata informativa al CIPE in ordine al
"Piano Azione Coesione: terza e ultima riprogrammazione" e' stata
rappresentata la volonta' della Regione Puglia di finanziare gli
interventi previsti nella misura 3.1 (1) del predetto Piano Azione
Coesione con propri strumenti, relativamente alle Zone Franche Urbane
ricadenti nel territorio regionale individuate dallo stesso Piano;
Visto il «Piano Azione Coesione - quarta riprogrammazione» del
settembre 2013, di cui il CIPE ha preso atto, ai sensi di quanto
previsto al punto 3 della delibera CIPE n. 96/2012 del 3 agosto 2012,
nella seduta dell'8 novembre 2013;
Considerato che, nell'ambito delle rimodulazioni finanziarie e
attuative degli interventi gia' inseriti nei precedenti aggiornamenti
del Piano di Azione Coesione, e' previsto nella predetta quarta
riprogrammazione che la Regione Puglia, oltre a confermare l'utilizzo
delle risorse comunitarie per il finanziamento attraverso propri
strumenti operativi di interventi diretti alla riqualificazione
urbana e all'agevolazione delle micro e piccole imprese, contribuisca
al finanziamento della misura anticiclica (1) di cui al paragrafo 3.1
del «Piano Azione Coesione - terza riprogrammazione», ai sensi del
citato art. 37 del decreto-legge n. 179 del 2012, con 60 milioni di
euro a valere sulle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione
2007-2013 attribuite all'Accordo di programma quadro rafforzato
«Sviluppo locale»;
Ritenuto pertanto necessario apportare al citato decreto 10 aprile
2013 le modifiche e integrazioni volte a consentirne l'applicazione
anche alle Zone Franche Urbane ricadenti nel territorio della Regione
Puglia;
Ritenuto altresi' necessario prevedere che le disposizioni recate
dal piu' volte citato decreto 10 aprile 2013 possano essere applicate
anche ad eventuali, ulteriori Zone Franche Urbane previste da futuri
aggiornamenti del Piano di Azione Coesione, al fine di dare, in tale
eventualita', rapida attuazione alle agevolazioni previste dal
richiamato art. 37 del decreto-legge n. 179 del 2012;

Decreta:

Art. 1

1. All'art. 5 del decreto del Ministro dello sviluppo economico, di
concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze,10 aprile
2013, adottato in attuazione dell'art. 37, comma 4, del decreto-legge
1 [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Living Now
SIKAFLEX -11 FC+

NEWS NORMATIVA

14/12 - Opere fluviali, possono progettarle solo gli ingegneri?

Dal Consiglio di Stato una panoramica sulle competenze acquisite nei corsi di studio in ingegneria e architettura

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole


Marcegaglia Buildtech
Torggler