Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Circolare 02/11/ 2016 n. 38

Ministero del Lavoro - D.M. di modifica del DM 30 gennaio 2015 – DURC “on-line”

Decreto Ministeriale 30/01/ 2015

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC)

News Correlate

02/02/2017
Durc online, si estendono i controlli delle Casse edili

L’Inps ribadisce che potranno effettuare verifiche su tutte le imprese che applicano il contratto collettivo per l’edilizia

04/11/2016
Durc online, pubblicate le istruzioni su verifica contributiva e fallimenti

Dal Ministero del Lavoro la circolare esplicativa a seguito delle modifiche apportate alle norme

21/10/2016
Durc online, in Gazzetta le modifiche

L’impresa si considera regolare, con riferimento agli obblighi contributivi, in caso di fallimento o amministrazione straordinaria

Decreto Ministeriale 23/02/2016

(Gazzetta ufficiale 19/10/2016 n. 245)

Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Modifica del decreto 30 gennaio 2015 relativo a 'Semplificazione in materia di documento unico di regolarita' contributiva'

IL MINISTRO DEL LAVORO
E DELLE POLITICHE SOCIALI

di concerto con

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA
E DELLE FINANZE

e

IL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE
E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Visto l'art. 4 del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34, convertito
dalla legge 16 maggio 2014, n. 78, recante «Semplificazioni in
materia di Documento unico di regolarita' contributiva»;
Visto in particolare il comma 2 del predetto art. 4, che demanda ad
un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di
concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e, per i
profili di competenza, con il Ministro per la semplificazione e la
pubblica amministrazione, sentiti I.N.P.S. e INAIL e la Commissione
nazionale paritetica per le casse edili (CNCE), la definizione dei
«requisiti di regolarita', i contenuti e le modalita' della verifica
nonche' le ipotesi di esclusione di cui al comma 1» del predetto art.
4;
Visto l'art. 4, comma 3, del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34,
convertito, con modificazioni, dalla legge 16 maggio 2014, n. 78,
secondo cui, dalla data di entrata in vigore del presente decreto,
sono abrogate tutte le disposizioni di legge incompatibili con i
contenuti del medesimo art. 4;
Visto l'art. 31, comma 3, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69,
convertito dalla legge 9 agosto 2013, n. 98; l'art. 6, comma 11-ter,
del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito dalla legge 6
giugno 2013, n. 64; l'art. 10 del decreto del Presidente del
Consiglio dei ministri del 4 febbraio 2013; l'art. 5, comma 2,
lettera a), del decreto del Ministero dell'interno 29 agosto 2012;
l'art. 13-bis, comma 5, del decreto-legge 7 maggio 2012, n. 52,
convertito dalla legge 6 luglio 2012, n. 94, nonche' l'art. 4, comma
2, del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n.
207, che disciplinano specifiche ipotesi e modalita' di rilascio del
Documento unico di regolarita' contributiva (DURC);
Visto il decreto interministeriale del 30 gennaio 2015, relativo a
«Semplificazione in materia di documento unico di regolarita'
contributiva (DURC)», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 125 del 1° giugno 2015;
Ritenuta l'opportunita' di modificare l'art. 2 del citato decreto
al fine di estendere la verifica nei confronti delle Casse edili alle
imprese che applicano il relativo contratto collettivo;
Ritenuta altresi' l'opportunita' di modificare l'art. 5 nella parte
in cui e' previsto che, in caso di fallimento con esercizio
provvisorio di cui all'art. 104 del regio decreto 16 marzo 1942, n.
267 e di amministrazione straordinaria di cui al decreto legislativo
8 luglio 1999, n. 270, l'impresa si considera regolare, con
riferimento agli obblighi contributivi nei confronti di INPS, INAIL e
Casse edili scaduti anteriormente alla data di autorizzazione
all'esercizio provvisorio e alla data della dichiarazione di apertura
della procedura, a condizione che i crediti risultino essere stati
insinuati;

Decreta:

Art. 1

Modifiche al decreto interministeriale 30 gennaio 2015

1. Al decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di
concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro
per la semplificazione e la pubblica amministrazione, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 125 del 1°
giugno 2015, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all'art. 2, comma 1, primo periodo, dopo le parole: «per
l'attivita' edilizia,», sono aggiunte le seguenti: «nonche', ai soli
fini DURC, per le imprese che applicano il relativo contratto
collettivo nazionale sottoscritto dalle organizzazioni, per ciascuna
parte, comparativamente piu' rappresentative,»;
b) all'art. 5:
1) il comma 2 e' sostituito dal seguente:
«2. In caso di fallimento o liquidazione coatta amministrativa
con esercizio provvisorio di cui agli articoli 104 e 206 del regio
decreto 16 marzo 1942, n. 267, l'impresa si considera regolare con
riferimento agli obblighi contributivi nei confronti di INPS, INAIL [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Sismicad 12
Geosec

NEWS NORMATIVA

19/9 - Ricostruzione con sagoma diversa, è una nuova costruzione?

La Cassazione spiega il concetto di sagoma di ingombro e l’importanza del rispetto delle distanze tra edifici

18/9 - Abusi edilizi, come si individua il responsabile?

La Cassazione spiega il ruolo del direttore dei lavori e dei proprietari del terreno su cui si realizzano gli interventi illegittimi


Drain Beton
Keraflex