Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Ministeriale 27/06/ 2017

Ministero dell'Economia e delle Finanze - Modalità di attuazione dei commi 1 e 2 dell'articolo 1, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, in materia di scissione dei pagamenti ai fini dell'IVA (Split payment)

Legge dello Stato 21/06/ 2017 n. 96

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo (Manovrina 2017)

News Correlate

10/05/2018
Split payment, CTU esclusi dalla scissione dell’Iva

Agenzia delle Entrate: niente multe per gli errori commessi dal 1° gennaio al 7 maggio 2018 che non hanno arrecato danno all’Erario

09/11/2017
Split payment, dal Fisco una guida pratica

La scissione dell’Iva durerà fino al 2020 e si applicherà alle fatture emesse verso i soggetti individuati dal Governo

18/07/2017
Lo split payment riguarda tutte le PA con obbligo di fatturazione elettronica

Per società controllate e quotate in Borsa si farà riferimento agli elenchi che il Mef pubblicherà entro il 15 novembre di ogni anno

Decreto Ministeriale 13/07/2017

(Gazzetta ufficiale 24/07/2017 n. 171)

Ministero dell'Economia e delle Finanze - Modifica della disciplina di attuazione in materia di scissione dei pagamenti ai fini dell'IVA (Split payment)

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA
E DELLE FINANZE

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972,
n. 633, di seguito «decreto n. 633 del 1972», recante istituzione e
disciplina dell'imposta sul valore aggiunto;
Visto il decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito, con
modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, recante, al capo
II del titolo II, disciplina temporanea delle operazioni
intracomunitarie e dell'imposta sul valore aggiunto;
Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006,
relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto;
Visto l'art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.
165, che ha definito l'ambito di applicazione delle norme generali
sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni
pubbliche;
Visto l'art. 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007,
n. 244, e successive modificazioni, che hanno introdotto l'obbligo di
emissione, trasmissione, conservazione e archiviazione delle fatture
in forma elettronica, nonche' l'elaborazione dei relativi dati ai
fini del monitoraggio della finanza pubblica;
Visto l'art. 1, commi 2 e 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196,
recante principi fondamentali di coordinamento e di armonizzazione
dei sistemi contabili per gli obiettivi di finanza pubblica;
Visto l'art. 1, comma 629, lettera b), della legge 23 dicembre
2014, n. 190, che ha introdotto l'art. 17-ter del decreto n. 633 del
1972, prevedendo che, per le cessioni di beni e le prestazioni di
servizi effettuate nei confronti di talune pubbliche amministrazioni,
per le quali dette amministrazioni non siano debitori d'imposta ai
sensi delle disposizioni in materia di imposta sul valore aggiunto,
l'imposta e' in ogni caso versata dalle medesime secondo modalita' e
termini da determinare con decreto del Ministro dell'economia e delle
finanze;
Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 23
gennaio 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 27 del 3 febbraio 2015, che ha stabilito modalita' e
termini per il versamento dell'imposta da parte delle pubbliche
amministrazioni;
Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 20
febbraio 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 48 del 27 febbraio 2015, che ha modificato il citato
decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 23 gennaio
2015 semplificando i requisiti necessari per avvalersi della
procedura di rimborso prioritario dell'imposta;
Vista la decisione di esecuzione (UE) 2015/1401 del Consiglio, del
14 luglio 2015, che ha autorizzato l'Italia a prevedere che, a
decorrere dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2017, per le
forniture di beni e servizi effettuate nei confronti delle pubbliche
amministrazioni queste ultime siano responsabili del pagamento
dell'imposta;
Visto l'elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto
economico consolidato, individuate ai sensi dell'art. 1, comma 3,
della citata legge n. 196 del 2009, e successive modificazioni,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 229
del 30 settembre 2016;
Visto l'art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito,
con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, ed, in
particolare, il comma 1 che ha modificato l'art. 17-ter del decreto
n. 633 del 1972 allargando l'ambito di applicazione del meccanismo
della scissione dei pagamenti a tutte le pubbliche amministrazioni,
alle societa' controllate dallo Stato e dagli enti locali
territoriali e a quelle controllate da queste ultime, nonche' alle
societa' incluse nell'indice FTSE MIB, ed il comma 3 che prevede che,
con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, siano
stabilite le relative modalita' di attuazione;
Vista la decisione di esecuzione (UE) 2017/784 del Consiglio, del
25 aprile 2017, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione
europea L118 del 6 maggio 2017, che ha autorizzato l'Italia a
prevedere che, a decorrere dal 1° luglio 2017 fino al 30 giugno 2020,
il meccanismo della scissione dei pagamenti sia applicato dalle
pubbliche amministrazioni, dalle societa' da queste controllate e
dalle societa' quotate incluse nell'indice FTSE MIB;
Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 27
giugno 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 151 del 30 giugno 2017, che ha modificato il citato
decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 23 gennaio
2015 per stabilire le modalita' di attuazione dell'art. 1 del citato
decreto-legge n. 50 del 2017;

Decreta:

Art. 1


Modifiche alla disciplina attuativa sulla scissione dei pagamenti

1. Al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 23
gennaio 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 27 del 3 febbraio 2015, come modificato dal decreto del
Ministro dell'economia e delle f [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Rexipal
Cappotto Stiferite Class SK

NEWS NORMATIVA

21/9 - Antisismica, no alle semplificazioni per le piccole opere

La Cassazione boccia le norme regionali che consentono di non valutare l’opera nel suo complesso

20/9 - Ascensore in condominio, serve il permesso di costruire?

Tar Lombardia: se installato all’esterno il titolo abilitativo può essere superfluo, ma è richiesto il consenso dell’assemblea


Thermoslide
Living Now