Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Ministeriale 03/08/ 2015

Ministero dell'Interno - Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139

Decreto Pres. Repubblica 01/08/ 2011 n. 151

Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma dell’articolo 49 comma 4 quater del decreto legge 31 maggio 2010 n.78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010 n. 122

News Correlate

26/04/2019
Prevenzione incendi, ecco le modifiche al Codice

Da ottobre 2019 le norme tecniche si applicheranno anche a officine, depositi, alberghi, scuole, biblioteche, musei

Decreto Ministeriale 12/04/2019

(Gazzetta ufficiale 23/04/2019 n. 95)

Ministero dell'Interno - Modifiche al decreto 3 agosto 2015, recante l'approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139

IL MINISTRO DELL'INTERNO

Visto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, recante il
riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'art. 11 della
legge 29 luglio 2003, n. 229, e successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n.
151, concernente il regolamento per la semplificazione della
disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi,
a norma dell'art. 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio
2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio
2010, n. 122;
Visto il decreto del Ministro dell'interno 7 agosto 2012 recante le
disposizioni relative alle modalita' di presentazione delle istanze
concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla
documentazione da allegare, ai sensi dell'art. 2, comma 7, del
decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 201
del 29 agosto 2012;
Visto il decreto del Ministro dell'interno 3 agosto 2015 recante
l'approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi
dell'art. 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 192 del 20
agosto 2015, e successive modificazioni;
Ravvisata la necessita' di continuare l'azione di semplificazione e
razionalizzazione dell'attuale corpo normativo relativo alla
prevenzione degli incendi, mediante l'utilizzo di un nuovo approccio
metodologico piu' aderente al progresso tecnologico e agli standard
internazionali;
Sentito il comitato centrale tecnico-scientifico per la prevenzione
incendi di cui all'art. 21 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n.
139;

Decreta:

Art. 1

Modifiche all'art. 1 del decreto
del Ministro dell'interno 3 agosto 2015

1. All'art. 1 del decreto del Ministro dell'interno 3 agosto 2015
il comma 2 e' abrogato.
Art. 2

Modifiche all'art. 2 del decreto
del Ministro dell'interno 3 agosto 2015

1. L'art. 2 del decreto del Ministro dell'interno 3 agosto 2015 e'
sostituito dal seguente:
«Art. 2 (Campo di applicazione e modalita' applicative). - 1. Le
norme tecniche di cui all'art. 1, comma 1, si applicano alla
progettazione, alla realizzazione e all'esercizio delle attivita' di
cui all'allegato I del decreto del Presidente della Repubblica 1°
agosto 2011, n. 151, individuate con i numeri: 9; 14; da 19 a 40; da
42 a 47; da 50 a 54; 56; 57; 63; 64; 66, ad esclusione delle
strutture turistico-ricettive all'aria aperta e dei rifugi alpini;
67, ad esclusione degli asili nido; da 69 a 71; 73; 75; 76. Sono
fatte salve le modalita' applicative alternative di cui all'art.
2-bis.
2. Le norme tecniche di cui all'art. 1, comma 1, si applicano alle
attivita' di cui al comma 1 di nuova realizzazione.
3. Per gli interventi di modifica ovvero di ampliamento alle
attivita' di cui al comma 1, esistenti alla data di entrata in vigore
del presente decreto, le norme tecniche di cui all'art. 1, comma 1,
si applicano a condizione che le misure di sicurezza antincendio
esistenti, nella parte dell'attivita' non interessata
dall'intervento, siano compatibili con gli interventi da realizzare.
4. Per gli interventi di modifica o di ampliamento delle attivita'
esistenti di cui al comma 1, non rientranti nei casi di cui al comma
3, si continuano ad applicare le specifiche norme tecniche di
prevenzione incendi di cui all'art. 5 comma 1-bis e, per quanto non
disciplinato dalle stesse, i criteri tecnici di prevenzione incendi
di cui all'art. 15, comma 3, del decreto legislativo 8 marzo 2006, n.
139. Nei casi previsti dal presente comma, e' fatta salva, altresi',
la possibilita' per il responsabile dell'attivita' di applicare le
disposizioni di cui all'art. 1, comma 1, all'intera attivita'.
5. Le norme tecniche di cui all'art. 1, comma 1, possono essere di
riferimento per la progettazione, la realizzazione e l'esercizio
delle attivita' che non rientrano nei limiti di assoggettabilita'
previsti nell'allegato I del decreto del Presidente della Repubblica
1° agosto 2011, n. 151, o che non siano elencate nel medesimo
allegato.».
Art. 3

Introduzione dell'art. 2-bis del decreto
del Ministro dell'interno 3 agosto 2015

1. Dopo l'art. 2 del decreto del Ministro dell'interno 3 agosto
2015 e' aggiunto il seguente articolo:
«Art. 2-bis (Modalita' applicative alternative). - 1. In
alternativa alle norme tecniche di cui all'art. 1, comma 1, e' fatta
salva la possibilita' di applicare le norme tecniche indicate
all'art. 5, comma 1-bis, per le seguenti attivita', cosi' come
individuate ai punti di cui all'allegato I del decreto del Presidente
della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151:
a) 66, ad esclusione delle strutture turistico-ricettive all'aria
aperta e dei rifugi alpini;
b) 67, ad esclusione degli asili nido;
c) 69, limitatamente alle attivita' commerciali ove sia prevista
la vendita e l'esposizione di beni;
d) 71;
e) 75, con esclusione dei depositi di mezzi rotabili e dei locali
adibiti al ricovero di natanti ed aeromobili.».
Art. 4

Modifiche all'art. 5 del decreto
del Ministro dell'interno 3 agosto 2015

1. All'art. 5 del decreto del Ministro dell'interno 3 agosto 2015,
sono apportate le seguenti modificazioni:
a) dopo il comma 1 e' aggiunto il seguente:
«1-bis. Alle attivita' per le quali vengono applicate le norme
tecniche di cui all'art. 1, comma 1, non si applicano le seguenti:
a) decreto del 30 novembre 1983 recante «Termini, definizioni
generali e simboli grafici di prevenzione incendi e successive
modificazioni»;
b) decreto del 31 marzo 2003 recante «Requisiti di reazione al
fuoco dei materiali costituenti le condotte di distribuzione e
ripresa dell'aria degli impianti di condizionamento e ventilazione»;
c) decreto del 3 novembre 2004 recante «disposizioni relative
all'installazione ed alla manutenzione dei dispositivi per l'apertura
delle porte installate lungo le vie di esodo, relativamente alla
sicurezza in caso di incendio»;
d) decreto del 15 marzo 2005 recante «Requisiti di reazione al
fuoco dei prodotti da costruzione installati in attivita'
disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione
incendi in base al sistema di classificazione europeo»;
e) decreto del 15 settembre 2005 recante «Approvazione della
regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di
sollevamento ubicati nelle attivita' soggette ai controlli di
prevenzione incendi;
f) decreto del 16 febbraio 2007, recante «Classificazione di
resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da
costruzione»;
g) decreto del 9 marzo 2007, recante «Prestazioni di resistenza
al fuoco delle costruzioni nelle attivita' soggette al controllo del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco»;
h) decreto del 20 dicembre 2012 recante «Regola tecnica di
prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro
l'incendio installati nelle attivita' soggette ai controlli di
prevenzione incendi»;
i) decreto del Mi [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
SIKA MONOTOP-441 UNIKA
Vestis

Edilportale Tour 2019

NEWS NORMATIVA

21/05 - Canna fumaria, serve il permesso di costruire?

Il Tar Campania risponde: ‘non sempre’ e spiega quando il Comune può ordinarne la demolizione

21/05 - Ufficio speciale per la progettazione, la Sicilia definisce le sue regole

A livello nazionale sembra essersi arenata la Centrale per la progettazione di beni ed edifici pubblici


CLS30 Fiber
Surface