inc

Scheda Normativa

News Correlate

05/08/2021
PNRR, assegnati alle Regioni 7,5 miliardi di euro per infrastrutture ed edilizia

Le risorse sono destinate a ferrovie regionali e porti e alla riqualificazione di 6.000 edifici di alloggi popolari

Decreto Ministeriale 17/08/2021

(Gazzetta ufficiale 24/09/2021 n. 229)

Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili - Riparto delle risorse del Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese per la quota attribuita al settore portuale

IL MINISTRO
DELLE INFRASTRUTTURE
E DELLA MOBILITA' SOSTENIBILI

Vista la legge 11 dicembre 2016, n. 232, recante «Bilancio di
previsione dello Stato per l'anno finanziario 2017 e bilancio
pluriennale per il triennio 2017-2019»;
Visto, in particolare, l'art. 1, comma 140, che ha istituito nello
stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze un
apposito fondo da ripartire, con una dotazione di 1.900 milioni di
euro per l'anno 2017, di 3.150 milioni di euro per l'anno 2018, di
3.500 milioni di euro per l'anno 2019 e di 3.000 milioni di euro per
ciascuno degli anni dal 2020 al 2032, per assicurare il finanziamento
degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese, anche al
fine di pervenire alla soluzione delle questioni oggetto di procedure
di infrazione da parte dell'Unione europea, nei settori di spesa
relativi a: a) trasporti, viabilita', mobilita' sostenibile,
sicurezza stradale, riqualificazione e accessibilita' delle stazioni
ferroviarie; b) infrastrutture, anche relative alla rete idrica e
alle opere di collettamento, fognatura e depurazione; c) ricerca; d)
difesa del suolo, dissesto idrogeologico, risanamento ambientale e
bonifiche; e) edilizia pubblica, compresa quella scolastica; f)
attivita' industriali ad alta tecnologia e sostegno alle
esportazioni; g) informatizzazione dell'amministrazione giudiziaria;
h) prevenzione del rischio sismico; i) investimenti per la
riqualificazione urbana e per la sicurezza delle periferie delle
citta' metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia; l)
eliminazione delle barriere architettoniche ed ha previsto che
l'utilizzo del fondo e' disposto con uno o piu' decreti del
Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro
dell'economia e delle finanze, di concerto con i Ministri
interessati, in relazione ai programmi presentati dalle
amministrazioni centrali dello Stato e con i quali sono individuati
gli interventi da finanziare e i relativi importi; che tali decreti,
nella parte in cui individuano interventi rientranti nelle materie di
competenza regionale o delle province autonome, e limitatamente agli
stessi, sono adottati previa intesa con gli enti territoriali
interessati, ovvero in sede di Conferenza permanente per i rapporti
tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e di
Bolzano e che per gli interventi rientranti nelle suddette materie
individuati con i decreti adottati anteriormente alla data del 18
aprile 2018 l'intesa puo' essere raggiunta anche successivamente
all'adozione degli stessi decreti;
Visto il decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, convertito, con
modificazioni dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18 concernente
«Interventi urgenti per la coesione sociale e territoriale, con
particolare riferimento a situazioni critiche in alcune aree del
Mezzogiorno, ed in particolare l'art. 7-bis che prevede di destinare
agli interventi nel territorio delle Regioni Abruzzo, Molise,
Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna un volume
complessivo di stanziamenti ordinari in conto capitale almeno
proporzionale alla popolazione residente;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 21
luglio 2017 con il quale, ai sensi e per gli effetti dell'art. 1,
comma 140 della legge n. 232 del 2016 e' disposta la ripartizione di
quota parte del Fondo per gli investimenti e lo sviluppo
infrastrutturale del Paese, come da elenco allegato al medesimo
decreto che ne costituisce parte integrante e che la quota del Fondo
attribuita al settore portuale ammonta, complessivamente, per gli
anni 2017-2032, ad euro 318, 5 milioni;
Visto il decreto ministeriale n. 71 del 28 febbraio 2018 con il
quale, al fine di dare impulso alla realizzazione delle opere in
questione, si e' proceduto alla programmazione delle risorse
stanziate nel primo quinquennio di validita' del Fondo, pari a
complessivi euro 108,5 milioni e conseguentemente ad individuare una
prima tranche di interventi cui destinare le risorse in questione per
un importo complessivo di euro 103,5 milioni;
Vista la legge 27 dicembre 2017, n. 205, recante «Bilancio di
previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio
pluriennale per il triennio 2018-2020» ed, in particolare, l'art. 1,
comma 1072, che prevede il rifinanziamento del fondo da ripartire di
cui all'art. 1, comma 140, della suddetta legge n. 232 del 2016 per
800 milioni di euro per l'anno 2018, per 1.615 milioni di euro per
l'anno 2019, per 2.180 milioni di euro per ciascuno degli anni dal
2020 al 2023, per 2.480 milioni di euro per l'anno 2024 e per 2.500
milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2025 al 2033; che le
predette risorse sono ripartite nei settori di spesa relativi a: a)
trasporti e viabilita'; b) mobilita' sostenibile e sicurezza
stradale; c) infrastrutture, anche relative alla rete idrica e alle
opere di collettamento, fognatura e depurazione; d) ricerca; e)
difesa del suolo, dissesto idrogeologico, risanamento ambientale e
bonifiche; f) edilizia pubblica, compresa quella scolastica e
sanitaria; g) attivita' industriali ad alta tecnologia e sostegno
alle esportazioni; h) digitalizzazione delle amministrazioni statali;
i) prevenzione del rischio sismico; l) investimenti in
riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie; m) potenziamento
infrastrutture e mezzi per l'ordine pubblico, la sicurezza e il
soccorso; n) eliminazione delle barriere architettoniche, fermi
restando i criteri di utilizzo del fondo di cui al citato comma 140;
Visto il decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109 che riduce la
dotazione del Fondo di cui all'art. 1, comma 1072 della legge n. 205
del 2017 di 83 milioni per l'anno 2018, 195 milioni per l'anno 2019,
di 37 milioni per l'anno 2020 di 30 milioni per gli anni dal 2021 al
2029;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 28
novembre 2018, concernente il riparto del Fondo di cui all'art. 1,
comma 1072 della legge 27 dicembre 2017, n. 205 con il quale e' stata
disposta la ripartizione del Fondo per gli investimenti e lo sviluppo
infrastrutturale del Paese, come da elenco allegato al medesimo
decreto che ne costituisce parte integrante e che la quota del Fondo
attribuita al settore portuale ammonta, complessivamente, per gli
anni 2020-2028, ad euro 200.307.559 milioni;
Vista la legge 30 dicembre 2018, n. 145, recante «Bilancio di
previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio
pluriennale per il triennio 2019-2021», che all'art. 1, comma 95 che
istituisce un fondo finalizzato al rilancio degli investimenti delle
amministrazioni centrali dello Stato e allo sviluppo del Paese;
Visto l'art. 1, comma 98 della citata legge n. 145 del 2018 che
prevede che il fondo di cui al comma 95 e' ripartito con uno o piu'
decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del
Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con i Ministri
interessati, sulla base di programmi settoriali presentati dalle
amministrazioni centrali dello Stato per le materie di competenza;
che detti decreti individuano i criteri e le modalita' per
l'eventuale revoca degli stanziamenti, anche pluriennali, non
utilizzati entro diciotto mesi dalla loro assegnazione e la loro
diversa destinazione nell'ambito delle finalita' previste dai commi
da 95 a 106; che nel caso in cui siano individuati interventi
rientranti nelle materie di competenza regionale o delle province
autonome, e limitatamente agli stessi, sono adottati appositi decreti
previa intesa con gli enti territoriali interessati ovvero in sede di
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le
Province autonome di Trento e di Bolzano;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11
giugno 2019, concernente il riparto del Fondo di cui all'art. 1,
comma 95 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 con il quale e' stata
disposta la ripartizione del Fondo per gli investimenti e lo sviluppo
infrastrutturale del Paese, come da elenco allegato al medesimo
decreto che ne costituisce parte integrante e che la quota del Fondo
attribuita al settore portuale ammonta, complessivamente, per gli
anni 2020-2032, ad euro 361.347.486 milioni;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23
dicembre 2020 n. 190 concernente «Regolamento recante
l'organizzazione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti»;
Considerato che le risorse complessivamente disponibili stanziate
nel Fondo investimenti, appostate sul capitolo di bilancio n. 7258,
pari a euro 796.655.045,00, non sono risultate sufficienti a coprire
l'intero fabbisogno rappresentato dalle autorita' di sistema portuale
e che, pertanto, si e' provveduto ad individuare un primo elenco di
interventi infrastrutturali prioritari dell'importo complessivo di
euro 794.212.595.00, come riportato nell'allegato 2 del decreto
ministeriale n. 353/2020, definiti con riferimento alla
sostenibilita' ambientale, messa in sicurezza delle infrastrutture
ovvero di completamento di opere gia' parzialmente finanziate, ivi
compreso l'obiettivo, di cui all'art. 7-bis del decreto-legge 243 del
29 dicembre 2016 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 18 del
27 febbraio 2017, rinviando l'approvazione degli ulteriori
interventi, puntualmente specificati nell'allegato 3 del predetto
decreto ministeriale all'ottenimento delle specifiche risorse di cui
alla legge n. 160 del 2019 per complessivi euro 112.216.000,00;
Visto il decreto n. 353 del 13 agosto 2020, registrato alla Corte
dei conti l'8 settembre 2020 al n. 3278 col quale e' stata approvata
la prima fase del programma di interventi infrastrutturali prioritari
in ambito portuale, riportato nell'allegato 2 al decreto ministeriale
n. 353 del 2020, per un importo complessivo di euro 794.212.595,00
rinviando ai prossimi decreti il finanziamento di quelle indicate
negli allegati 3 e 4;
Vista la legge 27 dicembre 2019, n. 160, recante «Bilancio di
previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio
triennale 2020-2022», che all'art. 1, comma 14 istituisce un fondo
finalizzato al rilancio degli investimenti delle amministrazioni
centrali dello Stato e allo sviluppo del Paese;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23
dicembre 2020, concernente il riparto del Fondo di cui all'art. 1,
comma 14 della legge 27 dicembre 2019, n. 160 con il quale e' stata
disposta la ripartizione del Fondo per gli investimenti e lo sviluppo
infrastrutturale del Paese;
Considerato che con DMT n. 35546 sono state appostate sul capitolo
di bilancio di questo Ministero n. 7258, pg. 5, le risorse
finanziarie di cui alla legge n. 160 del 2019, per un importo
complessivo di euro 112.216.000,00;
Ritenuto pertanto di procedere al finanziamento delle opere di cui
all'allegato 3 del decreto ministeriale n. 353/2020 da finanziare con
le risorse del Fondo investimenti di cui all'art. 1, comma 14, della
legge 27 dicembre 2019, n. 160;
Considerata l'intesa in Conferenza unificata nella seduta del 6
agosto 2020;

Decreta:

Art. 1

Per quanto in premessa, e' approvato il secondo elenco di
interventi infrastrutturali prioritari in ambito portuale di cui[ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Build for Life
inc
DrainBeton
inc

NEWS NORMATIVA

Subappalto, dal 1° novembre via il tetto del 50%

19/10 - Subappalto, dal 1° novembre via il tetto del 50%

Ma non sarà liberalizzazione totale perchè resta il divieto di cessione e di affidamento integrale delle lavorazioni a terzi

15/10 - Antincendio, dai Vigili del Fuoco chiarimenti sul Decreto ‘Controlli’

Come diventare tecnico manutentore qualificato, quali percorsi seguire a seconda della propria esperienza e che competenze acquisire


Campagna cofanetto
inc
Arteferro
inc

inc