Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

02/07/2014
Via libera del CIPE a 510 milioni di euro per il ‘Piano Scuola’

Possono partire i lavori di ristrutturazione, riqualificazione energetica e messa in sicurezza delle scuole

20/05/2014
Edilizia scolastica, si passa alla seconda fase del piano di Renzi

Entro il 23 maggio i sindaci che hanno risposto alla prima chiamata dovranno presentare info aggiuntive sui lavori di riqualificazione

12/05/2014
Riqualificazione edifici pubblici senza permesso di costruire per non perdere i fondi Ue 2007 2013

Previste anche deroghe al Codice Appalti, le novità nel nuovo DL Ambiente che sarà discusso al prossimo Consiglio dei Ministri

20/03/2014
Scuole, i sindaci potranno affidare i lavori senza permesso di costruire

Pubblicato in Gazzetta il decreto con le deroghe alle norme sui titoli edilizi e al Codice Appalti che velocizzeranno gli interventi di riqualificazione

11/03/2014
Piano Casa, ecco il decreto-legge del premier Matteo Renzi

Nella bozza del provvedimento 1,6 miliardi di euro per il recupero degli alloggi sociali e gli aiuti all’affitto. Risolto il pasticcio del Bonus Mobili

06/03/2014
Edilizia scolastica e Piano Casa, il varo slitta a mercoledì prossimo

Deroghe alle norme su appalti e permesso di costruire per velocizzare gli interventi sulle scuole. Previsti 1,5 miliardi per il social housing

03/03/2014
Edilizia scolastica, assegnati 12 milioni alla Puglia

Affidamento lavori entro il 30 giugno 2014 pena la revoca dei fondi, possibile deroga alle norme edilizie

29/01/2014
Sicurezza scuole, interventi anche senza il permesso di costruire

Gli interventi potranno essere appaltati subito dopo l’aggiudicazione, niente obbligo di pubblicazione sui giornali

Decreto Pres. Cons. Min. 22/01/2014

(Gazzetta ufficiale 18/03/2014 n. 64)

Definizione di poteri derogatori ai sindaci e ai presidenti delle province interessati che operano in qualità di commissarigovernativi per l'attuazione delle misure urgenti in materia di riqualificazione e di messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visti gli articoli 95 e 117 della Costituzione;
Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante la disciplina
dell'attivita' di Governo e l'ordinamento della Presidenza del
Consiglio dei Ministri;
Vista la legge 11 gennaio 1996, n. 23, recante norme per l'edilizia
scolastica;
Visto il decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, recante disposizioni
urgenti per il rilancio dell'economia, e in particolare l'articolo
18, comma 8-ter, che prevede l'attribuzione di poteri derogatori,
fino al 31 dicembre 2014, ai sindaci e ai presidenti delle province
interessate per gli interventi e le finalita' di cui al medesimo
articolo 18, commi 8 e 8-ter;
Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e
della ricerca del 5 novembre 2013, prot. n. 906, con il quale la
somma complessiva di euro 150.000.000,00, gia' ripartita tra le
regioni dalla tabella 1 allegata al decreto-legge n. 69 del 2013, e'
stata assegnata agli enti locali sulla base delle graduatorie
predisposte e approvate dalle regioni competenti in virtu' dei
progetti esecutivi immediatamente cantierabili trasmessi alle stesse
entro il 15 settembre;
Considerata l'urgenza di intervenire in materia di riqualificazione
e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche, con particolare
riferimento a quelle in cui e' stata censita la presenza di amianto,
e di garantire pertanto il regolare svolgimento del servizio
scolastico;
Considerato che per i suddetti fini e' stata prevista dal citato
articolo 18, commi da 8-ter a 8-sexies, una procedura piu' snella e
immediata che consente di assegnare in tempi rapidi agli enti locali
le risorse disponibili e di procedere celermente all'affidamento dei
lavori, proprio al fine di realizzare tutti gli interventi nell'anno
2014;
Considerato che il richiamato articolo 18, comma 8-ter, prevede,
per le suddette finalita' e per gli interventi previsti dai commi 8 e
8-ter, che i sindaci e i presidenti delle province operino in
qualita' di commissari governativi, con poteri derogatori rispetto
alla normativa vigente, in modo da poter rispettare i tempi di
affidamento dei lavori entro il 28 febbraio 2014, pena la revoca dei
finanziamenti nonche' quelli di trasferimento delle risorse agli enti
locali per permettere i pagamenti entro il 31 dicembre 2014, secondo
gli stati di avanzamento dei lavori debitamente certificati;
Ritenuto pertanto indispensabile procedere alla definizione dei
poteri derogatori rispetto alla normativa vigente da attribuire ai
sindaci e ai presidenti delle province interessati dagli interventi
di cui al citato decreto del Ministro dell'istruzione,
dell'universita' e della ricerca 5 novembre 2013, prot. n. 906,
nonche' per gli interventi di cui al comma 8 del medesimo articolo
18;
Sulla proposta del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e
della ricerca e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di
concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze;

Decreta:

Art. 1

Ambito di applicazione e poteri derogatori

1. I sindaci e i presidenti delle province, interessati dagli
interventi di cui al decreto del Ministro dell'istruzione,
dell'universita' e della ricerca 5 novembre 2013, prot. n. 906, e di
cui all'articolo 18, comma 8, del decreto-legge 21 giugno 2013, n.
69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98,
operano in qualita' di commissari governativi fino al 31 dicembre
2014 al fine di attuare le misure urgenti in materia di
riqualificazione e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche
di cui all'articolo 18, commi 8 e 8-ter del decreto-legge 21 giugno
2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto
2013, n. 98.
2. Per i suddetti interventi i sindaci e i presidenti delle
province di cui al comma 1 sono autorizzati a derogare, nel rispetto
dei principi generali dell'ordinamento giuridico e dei vincoli
derivanti dall'ordinamento comunitario, alle seguenti disposizioni
normative:
a) decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163:
1) articolo 11, commi 10 e 12;
2) articolo 12, comma 1, terzo periodo;
3) articolo 12, comma 2, terzo periodo;
4) articolo 12, comma 3, terzo periodo;
5) articolo 48, commi 1 e 1-bis;
6) articolo 70, nei limiti in cui ciascun termine minimo ivi
previsto sia ridotto a non meno della meta';
7) articolo 71;
8) articolo 122, comma 5, secondo periodo;
9) articolo 122, comma 6, nei limiti in cui ciascun termine minimo
ivi previsto sia ridotto a non meno della meta';
10) articolo 123, limitatamente ai termini di scadenza di cui ai
commi 2 e 3, differibili di non oltre trenta giorni;
11) articolo 125, comma 6;
b) decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n.
207: tutte le disposizioni strettamente connesse agli [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
SIKAFLEX -11 FC+
Core

NEWS NORMATIVA

14/11 - Decreto Genova, salta ‘il cuore’ del condono Ischia

Cancellato il riferimento alla legge del 1985 che avrebbe concesso disposizioni meno restrittive per le pratiche pendenti

14/11 - ANCE: ‘gli obiettivi della Manovra sono irrealizzabili’

I costruttori: ‘occorrono misure di forte impatto che consentano, fin dai primi mesi del 2019, di trasformare le risorse in cantieri sul territorio’


FLIR E53
UP